NEWS

Spigolature   di Luciano Scateni   L’ottimismo si chiama Apple Indossa il giacchino blu di metalmeccanico, stinto dalla fatica, sbiadita la scritta...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Sul ponte di Messina “…lor si daran la mano” Identità di promesse tra Dem e Forza Italia.   Sì, no, se, ma,...
continua...
  Miti napoletani di oggi. 55 IL NUOVO SIMBOLISMO NATALIZIO   di Sergio Zazzera   Sono molte, al mondo, le città che anelano a “toccare il cielo”:...
continua...
Riceviamo e volentieri pubblichiamo Quando a Napoli cadevano le bombe   Lo spettacolo “Quando a Napoli cadevano le bombe”, ideato, scritto e diretto...
continua...
Il tempo del vino e delle rose Caffè letterario piazza Dante 44/45, Napoli Info 081 014 5940   Domenica, 25 novembre, ore 10:30, per la Rassegna "La...
continua...
Il Leicester vince il campionato di calcio inglese   di Luigi Rezzuti   In un campionato di calcio pulito, come quello inglese, può vincere anche una...
continua...
La luce del mito   di Gabriella Pagnotta   I recenti avvenimenti, accaduti a Bardonecchia e a Mentone, hanno diviso l’opinione pubblica e hanno...
continua...
L’INGIUSTIZIA ITALIANA UN PERMESSO VERGOGNOSO   di Luigi Rezzuti   Il 13 marzo del 2018 un branco di ragazzini uccisero la guardia giurata Francesco...
continua...
La Posillipo di Virgilio   di Antonio La Gala     Il grande poeta Publio Virgilio Marone ebbe il primo contatto con Napoli quando decise di studiare...
continua...
Caccia al tesoro   di Luigi Rezzuti   A chi non è mai capitato di non ricordare dove si è conservato un oggetto a cui si è particolarmente...
continua...

Centralità in negativo

Centralità in negativo della donna

 

di Luciano Scateni

 

Nel grande calderone della cronaca, che tragicamente propone un caso al giorno di femminicidio, tra gli ultimi l’uno, che ha come maledetto protagonista un uomo che ha massacrato la moglie a bastonate e l’altro, recentissimo di un delinquente che, con la promessa di procurarle sfilate di moda, ha segregato una giovane mannequin svedese, l’ha violentata e torturata. Sul tema della donna, due titoli di giornali e Tg, l’uno, incatenato alla polemica su possibili aree urbane a luci rosse, l’altro, che vede sul banco degli accusati una madre, definita a ragione scellerata per aver indotto il figlio di dieci anni a delinquere, agevolando l’irruzione di rapinatori in un ufficio postale.

Roma, improvvisamente al centro di inchieste antimafia e antri corruzione, è protagonista di una polemica,, senza esclusione di colpi tra propugnatori della prostituzione “protetta” e quanti giudicano il confinamento programmato del mestiere più antico del mondo un’incentivazione alla vendita femminile di corpi. Chi ha ragione? Nessuno dei contendenti. Il punto di partenza di una riflessione sul tema è la condizione di schiavitù delle donne che, per scelta o per induzione di criminali, finiscono sulla strada nelle città di tutto il mondo. La ragione più diffusa che spinge giovani donne a prostituirsi è, storicamente, la condizione sociale di estremo disagio delle famiglie di provenienza, caratterizzato da livelli culturali vicini allo zero e da povertà, contrastata a stento con mille forme di illegalità. C’è poi l’esercito di donne dell’Est europeo o dell’Africa, vittime di “magnaccia” che le spingono all’emigrazione con promesse allettanti di lavoro e di livelli di benessere, seppure relativo, rispetto alla povertà dei loro Paesi. Altra cosa è la scelta di vita delle donne che, soprattutto in abitazioni private, esercitano il “mestiere” e sono fuori legge solo se inducono alla prostituzione altre donne, specialmente minorenni. Consideriamo gli effetti della legge Merlin che abolì le “case chiuse”, motivata con l’incompatibilità dell’etica di Stato con la tolleranza dei famigerati “casini”: con crescente frequenza, la prostituzione si è trasferita nelle strade delle città con la drammatica innovazione di giovani vittime di un traffico che arricchisce gli organizzatori del circuito perverso e fa registrare casi di violenza d’ogni tipo, ma anche le proteste dei benpensanti, per lo “scandaloso” adescamento a cielo aperto. Chi nega la legittimità dell’idea che propone aree a luci rosse, denuncia l’evidente omologazione di una simile iniziativa con l’immoralità di uno Stato che con le “case chiuse” favorirebbe la prostituzione. Chi la pensa in modo opposto sostiene che spazi urbani riservati consentano un maggior controllo e la riservatezza, richiesta dall’opinione pubblica. La verità è che deve cambiare il mondo perché sparisca la prostituzione e che non esiste il meglio tra la chiusura delle “case chiuse”, la loro riapertura e la “libera professione” protetta. Altrettanto sicuro è che il peggio è nelle condizione attuale: nessuna garanzia sanitaria, donne sfruttate e non di rado a rischio della vita, come testimoniano numerosi episodi di cronaca nera.

(Marzo 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen