NEWS

DON ANTONIO CAFIERO   di Luigi Rezzuti     Don Antonio Cafiero era nato e vissuto nei Vergini, un quartiere di Napoli. Amava Napoli e il Napoli. Era...
continua...
SALERNUM WINE FORUM       Un modello previsionale, elaborato da un gruppo di ricercatori, ha stimato i possibili impatti del cambiamento climatico...
continua...
Infanzia di Giambattista Vico   di Antonio La Gala   In passato si credeva che Giambattista Vico fosse nato nella piazza dei Girolamini e lì, nel...
continua...
SPIGOLATURE   di Luciano Scateni   Olimpiadi: vengo anch’io? No, tu no Il tormentone “olimpiadi sì, olimpiadi no” incrocia uno snodo eclatante.. La...
continua...
Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Esilio II Stagione Mutaverso Teatro   Venerdì, 17 marzo, all’Auditorium del Centro Sociale di...
continua...
IL CAMPIONATO DEL NAPOLI   dI Luigi Rezzuti   Del tradimento di Gonzalo Higuain, che ha preferito passare alla Juve, la più acerrima nemica del Napoli...
continua...
NON E’ MAI TROPPO TARDI IN AMORE   di Luigi Rezzuti   In primavera si organizzano sempre delle feste scolastiche, dove mi piace andare. Siamo tutti...
continua...
ANDIAMO A TEATRO a cura di Marisa Pumpo Pica Pompeiana Baroque Ensemble in “...di tanti palpiti”   Di grande spessore ed interesse, all’interno del...
continua...
A San Valentino …abbiamo tutti 20 anni   Al Museo del Mare, il 14 febbraio, non per nostalgia ma perché anche se i nostri capelli sono bianchi,...
continua...
“SWINGING”: ENZA MONETTI AL PAN   di Sergio Zazzera   In principio era l’albero. Che sia quello “della conoscenza del bene e del male” della...
continua...

Centralità in negativo

Centralità in negativo della donna

 

di Luciano Scateni

 

Nel grande calderone della cronaca, che tragicamente propone un caso al giorno di femminicidio, tra gli ultimi l’uno, che ha come maledetto protagonista un uomo che ha massacrato la moglie a bastonate e l’altro, recentissimo di un delinquente che, con la promessa di procurarle sfilate di moda, ha segregato una giovane mannequin svedese, l’ha violentata e torturata. Sul tema della donna, due titoli di giornali e Tg, l’uno, incatenato alla polemica su possibili aree urbane a luci rosse, l’altro, che vede sul banco degli accusati una madre, definita a ragione scellerata per aver indotto il figlio di dieci anni a delinquere, agevolando l’irruzione di rapinatori in un ufficio postale.

Roma, improvvisamente al centro di inchieste antimafia e antri corruzione, è protagonista di una polemica,, senza esclusione di colpi tra propugnatori della prostituzione “protetta” e quanti giudicano il confinamento programmato del mestiere più antico del mondo un’incentivazione alla vendita femminile di corpi. Chi ha ragione? Nessuno dei contendenti. Il punto di partenza di una riflessione sul tema è la condizione di schiavitù delle donne che, per scelta o per induzione di criminali, finiscono sulla strada nelle città di tutto il mondo. La ragione più diffusa che spinge giovani donne a prostituirsi è, storicamente, la condizione sociale di estremo disagio delle famiglie di provenienza, caratterizzato da livelli culturali vicini allo zero e da povertà, contrastata a stento con mille forme di illegalità. C’è poi l’esercito di donne dell’Est europeo o dell’Africa, vittime di “magnaccia” che le spingono all’emigrazione con promesse allettanti di lavoro e di livelli di benessere, seppure relativo, rispetto alla povertà dei loro Paesi. Altra cosa è la scelta di vita delle donne che, soprattutto in abitazioni private, esercitano il “mestiere” e sono fuori legge solo se inducono alla prostituzione altre donne, specialmente minorenni. Consideriamo gli effetti della legge Merlin che abolì le “case chiuse”, motivata con l’incompatibilità dell’etica di Stato con la tolleranza dei famigerati “casini”: con crescente frequenza, la prostituzione si è trasferita nelle strade delle città con la drammatica innovazione di giovani vittime di un traffico che arricchisce gli organizzatori del circuito perverso e fa registrare casi di violenza d’ogni tipo, ma anche le proteste dei benpensanti, per lo “scandaloso” adescamento a cielo aperto. Chi nega la legittimità dell’idea che propone aree a luci rosse, denuncia l’evidente omologazione di una simile iniziativa con l’immoralità di uno Stato che con le “case chiuse” favorirebbe la prostituzione. Chi la pensa in modo opposto sostiene che spazi urbani riservati consentano un maggior controllo e la riservatezza, richiesta dall’opinione pubblica. La verità è che deve cambiare il mondo perché sparisca la prostituzione e che non esiste il meglio tra la chiusura delle “case chiuse”, la loro riapertura e la “libera professione” protetta. Altrettanto sicuro è che il peggio è nelle condizione attuale: nessuna garanzia sanitaria, donne sfruttate e non di rado a rischio della vita, come testimoniano numerosi episodi di cronaca nera.

(Marzo 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen