NEWS

LABORATORIO PUBBLICO DI POESIA   Mercoledì 1 febbraio 2017 presso la libreria L’Altracittà di Roma, via Pavia, 106 inizio ore 18:00 - termine ore...
continua...
AVERSA COMPIE 994 ANNI                                       Aversa celebra il suo 994° compleanno con una “Due giorni” organizzata dall’Associazione...
continua...
L’esilio della bellezza   di Gabriella Pagnotta   Qual è il valore del limite oggi? I limiti sono qualcosa da temere, da mantenere, da costruire o da...
continua...
SILVIO PERRELLA IN VIAGGIO NELLA LETTERATURA ITALIANA   Alla Feltrinelli di piazza dei Martiri, giovedì 9 giugno dalle ore 18, Silvio Perrella in...
continua...
IO E FRANCESCO   di ANNAMARIA RICCIO   A chi non è simpatico? Sentito parlare male del papa? Mai. Chiunque vorrebbe conoscerlo. Da quando si...
continua...
XXI edizione del Premio Montale Fuori di Casa  Il riconoscimento a Massimo Gramellini     Queste le motivazioni con cui è stato assegnato il XXI...
continua...
LARGO O PIAZZA?   di Antonio La Gala     Spesso nel leggere cose della Napoli antica ci imbattiamo in denominazioni stradali che ci lasciano...
continua...
Cetara al simposio internazionale in Giappone   di Claudia Bonasi     Cetara partecipa, da protagonista, in Giappone, al simposio internazionale “La...
continua...
Tra arte e natura. Sabato a Castel Gandolfo   di Luigi Rezzuti   Anche se con notevole ritardo, ho saputo di poter visitare Castel Gandolfo, partendo...
continua...
LA NUOVA SCUOLA   di Annamaria Riccio   O meglio, la scuola che vorremmo. Il titolo, che la dice tutta sulla surroga a quella attuale, cioè la Buona...
continua...

QUEL FURBO DI RAFA BENITEZ

 

di Luigi Rezzuti

 


In questi due anni di permanenza di Rafa Benitez sulla panchina del Calcio Napoli, per allenare la squadra, pensiamo di averlo capito bene.

Benitez è senz’altro un uomo calcisticamente preparato, intelligente, ma innanzitutto furbo e quasi sicuramente, a fine stagione, lascerà il Calcio Napoli per accasarsi sulla panchina di un’altra squadra prestigiosa ( Liverpool – Psg ).

Egli, dopo aver capito che la squadra del Napoli non sarebbe riuscita a raggiungere il secondo posto in campionato (Lazio e Fiorentina sono più forti), ha pensato di puntare tutto sulla Coppa Italia e su Europa League, per poi andar via.

Ecco perché dice di voler attendere fino a metà aprile per comunicare la sua decisione. Forse vuole essere sicuro di poter annoverare nel suo curriculum altri “titoli”.

Domani chi ricorderà che con Benitez il Napoli si era qualificato al secondo posto in campionato mentre gli sportivi ricorderanno che Benitez ha vinto altri “titoli” in Italia?

Infatti, quando si parla della carriera di Benitez o delle squadre da lui allenate, si ricordano solo i suoi “titoli” e non i traguardi, in classifica, delle squadre.

Di chi è la colpa se il Napoli non ha saputo trarre profitto da un campionato mediocre e dal cedimento della Roma?

Benitez chiedeva giocatori di esperienza internazionale, ma il presidente Aurelio De Laurentiis non è stato dello stesso avviso e non ha concesso il via libera a Riccardo Bigon per intraprendere trattative costose nè tanto meno con alti ingaggi.

Non avendo avuto giocatori di spessore, Benitez ha puntato, quindi, tutto sulle cosiddette partite secche, sperando di vincere, così, “titoli sportivi”.

 (Aprile2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen