NEWS

Miti napoletani di oggi.58 IL CORTEO FUNEBRE   di Sergio Zazzera   Un mattino qualsiasi di un giorno qualsiasi, in una strada qualsiasi di un...
continua...
PASQUA 2017   di Luigi Rezzuti   La Santa Pasqua, che celebra la resurrezione di Gesù, nel terzo giorno dopo la crocifissione, è considerata la più...
continua...
Un interessante spettacolo di ERIN K   L’Associazione La Stazione & Rock Events hanno presentato, nei giorni scorsi, uno spettacolo live della...
continua...
Storia del Bambin Gesù di Gallinaro   di Luigi Rezzuti   Le sette sataniche sembrano avere, oggi più di ieri, una  rilevante forza di attrazione in...
continua...
AUSTERITA’   di Luigi Rezzuti   Non ho vergogna ad ammettere che di politica non capisco niente e di conseguenza non sono simpatizzante di nessuna...
continua...
Progetto di marchio d’area “Valle di Suessola”   Entra nella fase operativa il progetto di marchio d’area “Valle di Suessola” promosso dall’Associazione...
continua...
LA D’OVIDIO NICOLARDI, SCUOLA DI PACE E DI CAMPIONI   di Annamaria Riccio     Un altro anno scolastico si è concluso all’insegna di interessanti...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Audience tv: tutto si fa per te Ma datevi una regolata. Il potere di condurre talk show, seguiti da qualche...
continua...
Anatomia di una scelta di Luigi Alviggi – Guida editori   di Marisa Pumpo Pica   Luigi Alviggi, in questo suo nuovo cimento letterario, si conferma...
continua...
IL CALCIO NAPOLI INGAGGIA HRVOJE  MILIC   di Luigi Rezzuti   Dopo il mercato di riparazione di gennaio, dove tutte, o quasi, le squadre, sulla carta...
continua...

QUEL FURBO DI RAFA BENITEZ

 

di Luigi Rezzuti

 


In questi due anni di permanenza di Rafa Benitez sulla panchina del Calcio Napoli, per allenare la squadra, pensiamo di averlo capito bene.

Benitez è senz’altro un uomo calcisticamente preparato, intelligente, ma innanzitutto furbo e quasi sicuramente, a fine stagione, lascerà il Calcio Napoli per accasarsi sulla panchina di un’altra squadra prestigiosa ( Liverpool – Psg ).

Egli, dopo aver capito che la squadra del Napoli non sarebbe riuscita a raggiungere il secondo posto in campionato (Lazio e Fiorentina sono più forti), ha pensato di puntare tutto sulla Coppa Italia e su Europa League, per poi andar via.

Ecco perché dice di voler attendere fino a metà aprile per comunicare la sua decisione. Forse vuole essere sicuro di poter annoverare nel suo curriculum altri “titoli”.

Domani chi ricorderà che con Benitez il Napoli si era qualificato al secondo posto in campionato mentre gli sportivi ricorderanno che Benitez ha vinto altri “titoli” in Italia?

Infatti, quando si parla della carriera di Benitez o delle squadre da lui allenate, si ricordano solo i suoi “titoli” e non i traguardi, in classifica, delle squadre.

Di chi è la colpa se il Napoli non ha saputo trarre profitto da un campionato mediocre e dal cedimento della Roma?

Benitez chiedeva giocatori di esperienza internazionale, ma il presidente Aurelio De Laurentiis non è stato dello stesso avviso e non ha concesso il via libera a Riccardo Bigon per intraprendere trattative costose nè tanto meno con alti ingaggi.

Non avendo avuto giocatori di spessore, Benitez ha puntato, quindi, tutto sulle cosiddette partite secche, sperando di vincere, così, “titoli sportivi”.

 (Aprile2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen