NEWS

L’OSSESSIONE DELLE VACANZE ALL’ESTERO   di Luigi Rezzuti   La vacanza è un diritto inalienabile. Una volta, tanti anni fa, era un lusso solo per...
continua...
LA  FIGLIA  FEMMINA, di Anna Giurickovic Dato   di Luigi Alviggi   Il libro si apre nella città di Rabat ove il padre Giorgio, diplomatico italiano,...
continua...
Il Paesaggio d’Arte - Winterscapes     Mostra Fotografica - Evento organizzato dalla Associazione Aistetikà,  a cura di Franco Lista e Sergio V. Garzia...
continua...
Ferdinando aveva due Sicilie   di Antonio La Gala   Perché i Borbone erano re di Due Sicilie, visto che esiste una sola Sicilia? Per capirlo...
continua...
MONDIALI DI CALCIO 2018   di Luigi Rezzuti   Dal 14 giugno al 15 luglio, trentadue giorni di sfida tra 32 squadre nazionali di ogni continente,...
continua...
MILLE VOCI PER AMATRICE   di ANNAMARIA RICCIO   Il cuore della D’Ovidio Nicolardi questa volta batte per Amatrice. Un concerto al cinema Plaza lo...
continua...
CALCIO MERCATO INVERNALE   di Luigi Rezzuti     Il  nuovo anno è iniziato e la Serie A  si appresta a ripartire dopo la lunga sosta natalizia....
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   La Cenerentola azzurra Non è la prima volta e temo che non sia l’ultima. La redazione sportiva di Repubblica deve...
continua...
LUIGI NECCO MUORE ALL’ETA’ DI 83 ANNI   di Luigi Rezzuti   E’ morto Luigi Necco all’ospedale Cardarelli di Napoli per insufficienza respiratoria. I...
continua...
 Le biblioteche napoletane   di Antonio La Gala     Per capire come e quando le attuali biblioteche napoletane sono sorte non si può prescindere...
continua...

La magia del donare

 

di Mariacarla Rubinacci

 

45508…45505…45594…numeri per coloro che chiedono aiuto.

Quanti coltivano una speranza di riscossa vogliono credere ancora nella vita, malgrado un percorso tanto tortuoso metta in mostra occhi smarriti e cisposi, molte bocche affamate, tante speranze tragicamente già spezzate.

Questi e tanti altri numeri da comporre dal cellulare o dal telefono fisso “bussano” alla porta delle coscienze, di quelle che rimangono illese sullo stesso percorso dove meno cruenti sono le battaglie da affrontare, di quelle che restano indenni dopo aver superato ostacoli meno difficoltosi, di quelle che ascoltano le grida di dolore di coloro che sono costretti  a soffrire, loro malgrado.

Il futuro di molti esseri umani, dunque, è nelle mani di chi si apre alll’ascolto per cogliere echi lontani, che vengono, per esempio, dall’Uganda, dove bambini armati hanno bruciato l’infanzia, dalle immagini dei campi di profughi in fuga da Paesi martoriati, dagli ospedali infantili, nei quali creature agli albori della vita lottano per sopravvivere, dalle missioni e dalle associazioni onlus che tentano faticosamente di portare ristoro lì dove il silenzio è già una condanna inesorabile.

Una piccola donazione, in queste circostanze, assume il potere di cambiare il destino di chi chiede e in tale semplice modo il donare diventa magia.

Si potrebbe dire che donare è terapeutico. Conviene, perché fa bene. È come  prendere una medicina prescritta per curare il male del mondo, allevia l’animo perché dove c’è condivisione, si offusca l’individualismo, che rende ciechi e sordi in quanto paravento che nasconde l’indifferenza. L’opportunità di poter donare non urla, non aggredisce, non pretende, al contrario bussa con discrezione, pur parlando di fame, di miseria, di vita, ferita dalle guerre e dalla strada, di cancro e di tumori, di mancanza di  acqua e di risorse.

Camminare al fianco di chi soffre rende umili, illumina la strada che è la medesima dove ci si incontra. La vita, lenisce l’ arroganza di sentirsi “fortunati”.

Il gesto d’amore che fa comporre almeno uno di quei numeri, anche se per una volta sola, rasserena, globalizza la presenza sulla terra per non credere di essere i soli e i privilegiati. Si nasce sempre da una madre, si respira la stessa aria,  si beve per dissetarsi, si mangia lo stesso cibo per poter crescere tutti e diventare adulti, si ama per essere amati, si muore nella speranza di dover soccombere il più tardi possibile.

Quei numeri dicono che, per molti, quel tardi è inesorabilmente già arrivato, dunque diventano magici, se una qualsiasi tastiera  comporrà 45508…45505…45594…

(Aprile 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen