NEWS

Spigolature   di Luciano Scateni   La Cenerentola azzurra Non è la prima volta e temo che non sia l’ultima. La redazione sportiva di Repubblica deve...
continua...
Accucchià   di Alfredo Imperatore   Il verbo napoletano accucchià o accucchiare, pur derivando chiaramente dall’italiano accoppiare, composto da a...
continua...
Andiamo a teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   Al Teatro Trianon Viviani di Napoli Zappatore Tiziana De Giacomo in scena con Francesco Merola - Regia...
continua...
“Pagine” di Vincenzo Aulitto e Francesco Lucrezi     Mercoledì 13 dicembre 2017 alle ore 17 presso Movimento Aperto, via Duomo  290/c Napoli si...
continua...
LUCI D’ARTISTA A NATALE   di Luigi Rezzuti   Benvenuti all’evento più atteso dell’anno: “Luci d’artista”, la più spettacolare e suggestiva...
continua...
Testimonianze artistiche nel borgo dei Vergini   di Antonio La Gala   In un precedente articolo abbiamo esposto brevemente, dal punto di vista...
continua...
CALCIO MERCATO INVERNALE   di Luigi Rezzuti     Il  nuovo anno è iniziato e la Serie A  si appresta a ripartire dopo la lunga sosta natalizia....
continua...
(Novembre 2017)
continua...
La caduta del Forte di Vigliena   di Antonio La Gala   Uno degli episodi militari che portarono alla caduta della Repubblica Partenopea del 1799, fu...
continua...
TANGO DOWN di Gianluca Durante Caccia all’assassino   di Marisa Pumpo Pica     Presso l'Oratorio dell'Arciconfraternita, a Vietri sul Mare, si è...
continua...

IERI LE ANGUILLE, OGGI LE TARTARUGHE. E DOMANI ?

 

di Luigi Rezzuti

 

La fontana di via Scarlatti, realizzata 14 anni fa dall’artista partenopeo Ernesto Tatafiore, è stata sempre oggetto di critiche e meraviglia da parte dei Vomeresi per la sua bruttezza ed inutilità.

Non bastavano le critiche. Un fatto alquanto strano e clamoroso avvenne a gennaio del  2015, quando nella famosa fontana i Vomeresi trovarono ben cinque anguille.

Forse, dinanzi ad una fontana così, qualcuno, in segno di provocazione, versò in essa quei pesci.

Gli sfottò iniziarono subito e qualcuno disse: «’A libertà pure l’anguille l’hanna truvà».

Oggi, a distanza di quattro mesi, in questa fontana, ancora una volta, qualche burlone ha versato delle tartarughe.

Erano quattro tartarughe di media grandezza che, però, nessun ente  ha voluto, per cui, in attesa dell’intervento dell’Asl, una coppia di vigili urbani in servizio in zona, ha dovuto “piantonare” le tartarughe in modo tale che nessuno le potesse prendere, trattandosi di “specie protetta”.

Sarà sicuramente una coincidenza altrimenti dovremmo pensare al “mistero della fontana”.

Chissà, però, se al prossimo Natale a qualcuno non venga la voglia di metterci i capitoni anche perché, più che una fontana, sembra proprio una vasca per pesci.

(Maggio 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen