NEWS

Andiamo a teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   L’iniziativa di  erreteatro, “Mutaverso al tuo Natale, regala il teatro”, che suggerisce a chi è a...
continua...
Miti napoletani di oggi.72 L’INDUSTRIALIZZAZIONE   di Sergio Zazzera   Fin dal XVI secolo, una vasta area a sud di Napoli – da Torre Annunziata a...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Succede che razzoli male chi predica bene Ma da che dissacrante pulpito il re Mida dei comici arringa il popolo...
continua...
Il cervello anarchico – Enzo Soresi   di Luciana Alboreto   SIN è la sigla della “Società Italiana di Neurologia” che, dal 14 al 20 marzo 2016,...
continua...
La scatola di latta   di Bernardina Moriconi   Guardavo stamattina una scatola di latta che, fino ad ieri, conteneva biscotti e ora è in attesa di...
continua...
Parlanno ‘e poesia 10   di Romano Rizzo   Giuseppe Cangiano ( 1913/ 1987 )  Giuseppe Cangiano è uno dei tanti, troppi poeti della Napoli di un tempo,...
continua...
E  POI ... Rio, inferno e paradiso di Raffaele Calafiore   di Luigi Alviggi   Copacabana, Ipanema, sono nomi che rievocano immagini prestigiose di...
continua...
Georges Bataille. Vita, personalità e formazione culturale   di Gabriella Pagnotta   Georges Bataille nasce a Billom nel Puy–de–Dôme il 10 settembre...
continua...
IO E LA VALIGIA   di Luigi Rezzuti   Ero seduto davanti a quella valigia rigonfia, nella quale gli indumenti avanzavano tanto da “obbligarla” a non...
continua...
MACCHINE DA SCRIVERE DALL’800 AD OGGI   a cura di  Luigi Rezzuti   Nell’epoca del digitale e dei computer la scrittura si è evoluta e continua ad...
continua...

Miti napoletani di oggi.33

“MAGGIO DEI MONUMENTI”

 

di Sergio Zazzera

 


Le iniziative per il rilancio turistico di Napoli, pur tra gli ostacoli frapposti dalle azioni della criminalità – sia micro, che macro –, si rinnovano, di quando in quando. Di esse, la più nota universalmente è senz’altro quella che ha assunto la denominazione di “Maggio dei monumenti”, nata nel 1994, per iniziativa della fondazione Napoli Novantanove, animata da Mirella Barracco, che si articola attraverso l’apertura al pubblico di luoghi d’interesse storico e/o artistico, solitamente non visitabili, con l’offerta di visite guidate, per lo più gratuite.

Gli estimatori dell’iniziativa fanno leva, per lo più, sulla «destagionalizzazione dei flussi turistici» e sull’«attrazione di nuovi segmenti di mercato»; i suoi detrattori manifestano, a loro volta, il timore che, fra l’altro, essa produca l’esclusione della popolazione cittadina dai beni proposti, poiché la loro apertura, limitata nel tempo, finisce per rivolgersi a pochi, anziché a molti.

In realtà, qualche aspetto positivo dev’essere sicuramente riconosciuto alla manifestazione, non foss’altro, che per l’offerta della possibilità di visita anche alla popolazione cittadina, da una parte, e, dall’altra, per lo stimolo allo studio della storia locale impresso ai giovani delle scuole, ai quali è affidato il compito di guidare le visite a ciascun monumento, anche con il supporto di altre istituzioni, come il F.A.I. e, talvolta, la Fondazione Humaniter.

Nella positività, però, s’insinua, in maniera strisciante, il mito: dei trentun giorni, infatti, dei quali il mese di maggio consta, soltanto i fine settimana sono impegnati dalla manifestazione, per complessivi otto o dieci giorni. Inoltre, la concomitanza dell’apertura di più luoghi limita fortemente, in senso numerico, la possibilità di visita degli stessi. In proposito, dunque, non si può non condividere il pensiero espresso da Ermanno Corsi: «Quando le porte rimarranno aperte tutto l’anno? Certo, i monumenti non scappano. Ma… le occasioni, quando si perdono, non si recuperano più».

(Maggio 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen