NEWS

Miti napoletani di oggi.69 FANTASMI   di Sergio Zazzera   Sarò un illuso, ma credevo che, almeno ai giorni nostri, il mito del fantasma fosse...
continua...
Miti napoletani di oggi.68 L’attesa del mezzo di trasporto   di Sergio Zazzera   La scena si ripete tutti i giorni, anche più volte nella stessa...
continua...
“Plenitude”   Sabato 5 Maggio 2018, alle ore 17.30, sarà inaugurata la mostra, a cura di Maurizio Vitiello, “Plenitude” con opere recenti del giovane...
continua...
IMPATTO AMBIENTALE DEL PETROLIO IN TERRA E IN MARE   Il 6 febbraio 2016, alle ore 17.00, il Museo del Mare di Napoli presenta: IMPATTO AMBIENTALE DEL...
continua...
SALUTE E BENESSERE Dipendenza sessuale on line   di Manuela Morra   Il mondo virtuale, tanto vantaggioso per molteplici aspetti della vita di...
continua...
Vincenzo Irolli: arte o commercio?    di Antonio La Gala   Vincenzo Irolli (Napoli, 1860 - 1949) scoprì la sua passione per l'arte a diciassette...
continua...
Come fu creata Eva   di Luigi Rezzuti     Fu tutta colpa della depressione di Adamo, il quale, non essendo contento di trovarsi nel Paradiso...
continua...
La Posillipo di Virgilio   di Antonio La Gala     Il grande poeta Publio Virgilio Marone ebbe il primo contatto con Napoli quando decise di studiare...
continua...
EVENTI COSMOPOLIS   Giovedì 12 maggio 2016 - ore 16, 30 Auditorium Scuola media “D’Ovidio – Nicolardi Saluto della Preside Prof. Valeria...
continua...
PER_FORMARE UNA COLLEZIONE   Venerdì 22 giugno alle ore 19.00 il Museo Madre inaugurerà il nuovo capitolo del progetto in progress  “Per_formare  una...
continua...

AMIAMO GLI ANIMALI MA NON TRASCURIAMO GLI UOMINI   

 

di  Peppe Iannicelli

 

Una serie di recenti fatti di cronaca mi ha fatto molto riflettere sul rapporto perverso che si è ormai innescato tra certi uomini e gli animali. Una bambina di sette mesi è stata aggredita da un cane di taglia maxi, di proprietà del nonno. La bambina è in fin di vita ed un’associazione animalista invita a non abbattere l’animale prima di aver verificato cosa sia accaduto realmente. Che la belva sia stata provocata dall’infanta?

C’è stata grande mobilitazione mediatica, a Napoli, per salvare quattro cuccioli abbandonati in una zona periferica, devastata da un incendio. Un senza fissa dimora, nello stesso capoluogo regionale, è morto nella pressoché totale indifferenza. Non mancano mai , praticamente in ogni telegiornale, storie di cani maltrattati o di canili inadeguati mentre ben più raramente trovano spazio inchieste e denunce sugli ospizi-lager o su ospedali fatiscenti, nonostante il grande dispendio di pubblico denaro. Trenitalia ha persino ammesso, nelle stesse carrozze viaggiatori, i quadrupedi, senza i quali molti viaggiatori rinunciano persino a trasferirsi. E poi i cani invadono case ed uffici, con una presenza rumorosa ed “odorosa”. Naturalmente il vero problema non sono i poveri cani, poveri comunque fino ad un certo punto visto che qualche scatola di biscotti costa quanto un pranzo gourmet. Il problema sono i cattivi proprietari di cani che non sanno farli comportare in modo educato, che gli permettono d’insolentire chi non vuole dare un bacino a “fuffyno”, che fanno diventare  i cani un surrogato per relazioni umane sempre più povere di contenuto solidale.

In fondo è molto più facile relazionarsi con un cane scodinzolante, piuttosto che con un anziano padre noioso. È molto più gratificante farsi sommergere di baci da un cane, piuttosto che chiedersi perché i figli non alzano neanche gli occhi dal proprio telefonino quando si rientra in casa.

Massimo rispetto per i cani e per gli animali in genere. Ma guai se diventano il palliativo di una disumanizzazione crescente. In fondo San Francesco parlava con gli animali, ma senza mai trascurare i propri simili anche quelli peggiori.

(Maggio 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen