NEWS

Pazze strisce pedonali   di Annamaria Riccio   Nella logica delle cose c’è un prodotto che scaturisce da una motivazione, che ne ha indotto...
continua...
La tarantina - L’ultimo femminiello   di Luigi Rezzuti   Fu cacciato di casa all’età di nove anni e la sua unica scuola fu il marciapiede. Per le...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Audience tv: tutto si fa per te Ma datevi una regolata. Il potere di condurre talk show, seguiti da qualche...
continua...
Miti napoletani di oggi.63 NAPOLI   di Sergio Zazzera   Sono cinque anni, ormai, che sto dedicandomi all’individuazione e alla descrizione dei...
continua...
GENNARINO DERUBATO DA UN BAMBINO   di Luigi Rezzuti   Gennarino sperava di godersi una stupenda mattinata sugli scogli di Mergellina, accompagnando la...
continua...
CHAMPIONS LEAGUE 2018 - 2019   di Luigi Rezzuti   Poteva mai capitare,, una volta tanto, un girone meno impegnativo per la squadra del Napoli di...
continua...
BABBO NATALE   di Luigi Rezzuti   Era una notte fredda, una notte fredda e buia. Gigetto era accoccolato sul davanzale della finestra ad osservare...
continua...
CAMPIONATO DI CALCIO DI SERIE A   di Luigi Rezzuti   Tra una partita e l’altra del campionato di Serie A, tra una partita di Champions League ed...
continua...
UNA SORGENTE DI ACQUA DOLCE IN MEZZO AL MARE   di Luigi Rezzuti   Nella splendida costa orientale della Sardegna, tra le splendide calette del Golfo...
continua...
 SPIGOLATURE   di Luciano Scateni   I “no” degli omofobi   Il becero ribellismo della Lega Nord carica Salvini di odio sociale e non ci vuole il...
continua...

AMIAMO GLI ANIMALI MA NON TRASCURIAMO GLI UOMINI   

 

di  Peppe Iannicelli

 

Una serie di recenti fatti di cronaca mi ha fatto molto riflettere sul rapporto perverso che si è ormai innescato tra certi uomini e gli animali. Una bambina di sette mesi è stata aggredita da un cane di taglia maxi, di proprietà del nonno. La bambina è in fin di vita ed un’associazione animalista invita a non abbattere l’animale prima di aver verificato cosa sia accaduto realmente. Che la belva sia stata provocata dall’infanta?

C’è stata grande mobilitazione mediatica, a Napoli, per salvare quattro cuccioli abbandonati in una zona periferica, devastata da un incendio. Un senza fissa dimora, nello stesso capoluogo regionale, è morto nella pressoché totale indifferenza. Non mancano mai , praticamente in ogni telegiornale, storie di cani maltrattati o di canili inadeguati mentre ben più raramente trovano spazio inchieste e denunce sugli ospizi-lager o su ospedali fatiscenti, nonostante il grande dispendio di pubblico denaro. Trenitalia ha persino ammesso, nelle stesse carrozze viaggiatori, i quadrupedi, senza i quali molti viaggiatori rinunciano persino a trasferirsi. E poi i cani invadono case ed uffici, con una presenza rumorosa ed “odorosa”. Naturalmente il vero problema non sono i poveri cani, poveri comunque fino ad un certo punto visto che qualche scatola di biscotti costa quanto un pranzo gourmet. Il problema sono i cattivi proprietari di cani che non sanno farli comportare in modo educato, che gli permettono d’insolentire chi non vuole dare un bacino a “fuffyno”, che fanno diventare  i cani un surrogato per relazioni umane sempre più povere di contenuto solidale.

In fondo è molto più facile relazionarsi con un cane scodinzolante, piuttosto che con un anziano padre noioso. È molto più gratificante farsi sommergere di baci da un cane, piuttosto che chiedersi perché i figli non alzano neanche gli occhi dal proprio telefonino quando si rientra in casa.

Massimo rispetto per i cani e per gli animali in genere. Ma guai se diventano il palliativo di una disumanizzazione crescente. In fondo San Francesco parlava con gli animali, ma senza mai trascurare i propri simili anche quelli peggiori.

(Maggio 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen