NEWS

Miti napoletani di oggi.63 NAPOLI   di Sergio Zazzera   Sono cinque anni, ormai, che sto dedicandomi all’individuazione e alla descrizione dei...
continua...
ALL’ARENA “SIECI” DI SCAURI: “ I CASI SONO DUE”   di Luigi Rezzuti   L’associazione Teatrale Cangiani, dopo gli strepitosi successi di pubblico e...
continua...
Dario Rezzuti, un pittore schivo e solitario   Dario Rezzuti è naro a Napoli nel 1957. Vive e lavora a Tito (PZ). Discende da una famiglia di artisti....
continua...
Un interessante spettacolo di ERIN K   L’Associazione La Stazione & Rock Events hanno presentato, nei giorni scorsi, uno spettacolo live della...
continua...
BABBO NATALE   di Luigi Rezzuti   Era una notte fredda, una notte fredda e buia. Gigetto era accoccolato sul davanzale della finestra ad osservare...
continua...
Andiamo a teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   "Io e Napoli"   Al TEATRO DIANA, da giovedì 5 maggio, GINO RIVIECCIO in "Io e Napoli" di Gino...
continua...
LUCI D’ARTISTA A NATALE   di Luigi Rezzuti   Benvenuti all’evento più atteso dell’anno: “Luci d’artista”, la più spettacolare e suggestiva...
continua...
Parlando di chi è poeta   di Romano Rizzo (13)   Spesso mi sono chiesto che cosa ha di diverso dagli altri chi scrive poesie o ama profondamente...
continua...
Miti napoletani di oggi.62 L’EXTRACOMUNITARIO   di Sergio Zazzera   Il fenomeno dell’immigrazione, soprattutto dai paesi africani, è divenuto...
continua...
LA JUVE VINCE LO SCUDETTO   di Luigi Rezzuti   Nel Campionato di calcio italiano non si può andare oltre il secondo posto perché prima di iniziare la...
continua...

E’ MORTO BRUNO PESAOLA

 

di Luigi Rezzuti

 

Bruno Pesaola, detto il “Petisso”, è morto a 89 anni. Nato a Buenos Aires nel 1925,  il padre faceva il calzolaio in provincia di Macerata, subito dopo la prima guerra mondiale emigrò in Argentina.

Pesaola arrivò in Italia, ingaggiato dalla Roma nel 1947 dopo aver giocato nel River Plate.

A Roma giocò per tre anni, diventò amico di Dapporto, Rascel  e Walter Chiari, ma il destino lo spinse verso Napoli. Fu ceduto al club partenopeo nel 1952.

Con la magia azzurra disputò 231 partite allo stadio Collana, al Vomero, e 9 al San Paolo.

La città gli entrò subito nel cuore “Napoli – diceva – è come il quartiere della Boca, a Buenos Aires, colori, gente, chiasso, allegria, canzoni”, ed ancora “ Io sono un napoletano nato all’estero”.

Da Napoli non è mai andato via, se non per lavoro, prima come calciatore e poi come allenatore (Fiorentina, Panathinikos).

Sulla panchina della Fiorentina vinse lo scudetto nel 1969 e l’anno dopo portò la squadra fino ai quarti di finale della Coppa dei Campioni.

Pesaola lascia una vita di ricordi e aneddoti, tra i quali raccontava: “Achille Lauro veniva a giocare a scopa con noi. Mille lire a partita. Io e Comaschi lo facevamo vincere, e lui era contento”.

Il “Petisso” regalò, da allenatore del Napoli, il primo torneo della storia della società, la Coppa delle Alpi, nel 1966.

Bruno Pesaola, oltre ad essere un formidabile professionista del calcio, era anche un uomo scaltro, furbo e divertente.

Si racconta che il Napoli era in un girone e la Juve nell’altro con squadre Svizzere. Ultima giornata con le due italiane a pari punti, nell’intervallo della gara il Servette a Ginevra col Napoli in svantaggio

 ( O-1). Pesaola fece annunciare dall’altoparlante che la Juve stava vincendo la sua partita a Losanna. Chiamò Sivori e gli disse : “Lasci la vittoria alla tua odiata Juve, bella figura!”

Sivori si scatenò mandando in gol Canè, Bean e Montefusco e il Napoli stravinse (3 – 1) e conquistò il trofeo.

In realtà la Juve stava perdendo a Losanna e finì sconfitta.

I tifosi lo ricorderanno sempre, col suo cappotto color cammello, che indossava come portafortuna anche durante le partite col sol leone, e con la sigaretta tra le labbra (ne fumava 40 al giorno).

(Giugno 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen