NEWS

L’altra faccia della medaglia   di Romano Rizzo   In questa rubrica cercheremo di presentarvi, di alcuni poeti, un lato poco conosciuto.   Gennaro...
continua...
Per Caterina De Simone Quando un poeta muore   di Marisa Pumpo Pica   Quando un nostro amico o un socio del Centro culturale Cosmopolis, vola...
continua...
Miti napoletani di oggi.62 L’EXTRACOMUNITARIO   di Sergio Zazzera   Il fenomeno dell’immigrazione, soprattutto dai paesi africani, è divenuto...
continua...
SALUTE E BENESSERE Nuovi divieti sul fumo   di Luigi Rezzuti    Dal 2 febbraio sono entrate in vigore le nuove norme previste dal decreto legislativo...
continua...
I HAVE A DREAM   di Sergio Zazzera   “I have a dream”. Sì, senza volermi paragonare a Martin Luther King, e soprattutto senza volergli mancare di...
continua...
Il Mistero di Antignano   di Antonio La Gala   Non si tratta di un giallo, ma di una famosa processione che a Pasqua, da secoli, si celebra al...
continua...
Un libro a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Il giorno 20 maggio alle ore 19.30 Francesco Pinto, Direttore del Centro di produzione della Rai,...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Chi si arricchisce con la fornitura di armi al terrorismo? Non si ha notizia di inchieste giornalistiche sulla...
continua...
Salute e Benessere           IL PEPERONCINO ROSSO PUO’ AIUTARE A FERMARE UN INFARTO   di Luigi Rezzuti   Un noto erborista americano afferma di...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   La Cenerentola azzurra Non è la prima volta e temo che non sia l’ultima. La redazione sportiva di Repubblica deve...
continua...

Miti napoletani di oggi.35

LA “TRASTOLA”

 

di Sergio Zazzera

 

Nella sua derivazione dal latino transtrum, il napoletano tràstola rende il concetto di “frode, inganno”, e il popolo partenopeo n’è sempre stato ritenuto maestro: dallo scontro fra veicoli (‘o tózza-tózza, come si dice, attribuendo significati traslato al vocabolo che designava, un tempo, l’autoscontro del Luna Park), alla vendita di cose affette da vizi occulti, alla “pezzottatura” delle auto con elementi di provenienza furtiva, sono questi gli esempi più significativi – oltre che più ricorrenti – di tràstole poste in essere nel capoluogo campano.

A smentire, però, la maestria e il primato dei napoletani nel settore ha provveduto Vittorio Zucconi, che in un suo articolo (La droga degli States si chiama causa per danni, in D la Repubblica, 28 marzo 2015, p. 76) ha affrontato il tema della «causite» degli americani, che va dal risarcimento in favore della signora ustionata dal caffè bollente, che reggeva fra le gambe mentre guidava l’auto, alla querela contro il vigile del fuoco che aveva salvato un bagnante dall’annegamento, senza avere la relativa licenza, fino all’insegnante che aveva redarguito l’alunno.

Nell’articolo l’origine della «causite» è attribuita all’elevato numero degli avvocati (oggi circa 37.000 nuovi iscritti all’anno) operanti negli U.S.A., contro i circa 7.000 complessivi iscritti a Napoli. Come che sia, non v’è dubbio che la descrizione di Zucconi rende quello della maestria dei napoletani nel settore della tràstola, semplicemente, un mito.

(Luglio 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen