NEWS

 I teatri dei bisnonni   di Antonio La Gala     Come si divertivano a teatro i nostri nonni e bisnonni napoletani? Sappiamo molto sui teatri più...
continua...
COLPISCI  IL  TUO  CUORE, di Amélie Nothomb   di Luigi Alviggi   Profondo e toccante questo romanzo, decisamente una rassegna di personaggi esulanti...
continua...
IO, ROBINSON CRUSOE’   di Luigi Rezzuti   Il naufrago più famoso di tutti i tempi è senza dubbio Robinson Crusoè, che fece naufragio con una nave...
continua...
SALUTE E BENESSERE Dipendenza sessuale on line   di Manuela Morra   Il mondo virtuale, tanto vantaggioso per molteplici aspetti della vita di...
continua...
Andiamo a teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Rassegna Atelier - Domenica 8 gennaio al Nuovo di Salerno - Piaf: black without wings Secondo...
continua...
GIUSTIZIA E POLITICA   di Sergio Zazzera   Il sistema statunitense di amministrazione della giustizia – che non saprei dire se possa essere definito...
continua...
AGGIORNAMENTI  DAL MONDO DELLA SCUOLA   di Annamaria Riccio   Ce ne sono davvero tante di novità ma, saranno proprio nuove notizie, oppure trattasi di...
continua...
L’ESAME DI TERZA MEDIA   di Luigi Rezzuti   Se per qualcuno di voi l’esame di terza media è stato facile per Francesco, uno scolaro perennemente...
continua...
BROCCOLINCOLLINA Il VOMERO, un quartiere che rappresenta un unicum a Napoli ed in Italia. Una vera città nella città, con una storia, un patrimonio...
continua...
SEGNALBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Frammenti di vita, di Salvatore Bova, Cosmopolis Edizioni Napoli La lunga consuetudine con la produzione...
continua...

Miti napoletani di oggi.35

LA “TRASTOLA”

 

di Sergio Zazzera

 

Nella sua derivazione dal latino transtrum, il napoletano tràstola rende il concetto di “frode, inganno”, e il popolo partenopeo n’è sempre stato ritenuto maestro: dallo scontro fra veicoli (‘o tózza-tózza, come si dice, attribuendo significati traslato al vocabolo che designava, un tempo, l’autoscontro del Luna Park), alla vendita di cose affette da vizi occulti, alla “pezzottatura” delle auto con elementi di provenienza furtiva, sono questi gli esempi più significativi – oltre che più ricorrenti – di tràstole poste in essere nel capoluogo campano.

A smentire, però, la maestria e il primato dei napoletani nel settore ha provveduto Vittorio Zucconi, che in un suo articolo (La droga degli States si chiama causa per danni, in D la Repubblica, 28 marzo 2015, p. 76) ha affrontato il tema della «causite» degli americani, che va dal risarcimento in favore della signora ustionata dal caffè bollente, che reggeva fra le gambe mentre guidava l’auto, alla querela contro il vigile del fuoco che aveva salvato un bagnante dall’annegamento, senza avere la relativa licenza, fino all’insegnante che aveva redarguito l’alunno.

Nell’articolo l’origine della «causite» è attribuita all’elevato numero degli avvocati (oggi circa 37.000 nuovi iscritti all’anno) operanti negli U.S.A., contro i circa 7.000 complessivi iscritti a Napoli. Come che sia, non v’è dubbio che la descrizione di Zucconi rende quello della maestria dei napoletani nel settore della tràstola, semplicemente, un mito.

(Luglio 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen