NEWS

Ferdinando aveva due Sicilie   di Antonio La Gala   Perché i Borbone erano re di Due Sicilie, visto che esiste una sola Sicilia? Per capirlo...
continua...
MOSTRA  “PARADISO E RITORNO”  DI CLARA REZZUTI AL PAN DAL 4 AL 21 MAGGIO 2017   Giovedì 4 maggio nel Loft del Pan (Palazzo delle Arti di Napoli) alle...
continua...
I PONTI DEL 2019   di Ilaria Rezzuti   Un nuovo anno è arrivato e vogliamo divertirci a suggerire ai lettori de “ILVOMERESE” qualche accattivante...
continua...
PRIMIZIE DI CALCIO MERCATO   di Luigi Rezzuti   Non è ancora terminato il campionato di calcio di Serie A, nè tanto meno siamo vicini alle date...
continua...
Campionato di calcio di serie A, Stagione 2017/2018   di Luigi Rezzuti   Quasi tutti sanno degli stipendi percepiti dai calciatori, ma in pochi sanno...
continua...
Europa League 2019   di Luigi Rezzuti   Ogni speranza di vincere lo scudetto, stagione 2018 – 2019, è ormai perduta e questo non perché la vittoria...
continua...
Miti napoletani di oggi.59 LE INAUGURAZIONI   di Sergio Zazzera   28 marzo 2011: al Vomero, in località Cacciottoli, si svolge, con grande...
continua...
LINO BANFI   di Luigi Rezzuti   Pasquale Zagaria, in arte Lino Banfi, nasce il 9 luglio del 1936 ad Andria, in provincia di Bari. A quindici anni...
continua...
“Pagine” di Vincenzo Aulitto e Francesco Lucrezi     Mercoledì 13 dicembre 2017 alle ore 17 presso Movimento Aperto, via Duomo  290/c Napoli si...
continua...
“ULTIMO TOCCO”   Mercoledì 23 marzo 2016, alle ore 18, nella sede della Fondazione Humaniter (piazza Vanvitelli, 15 - Napoli - I piano, aula 11),...
continua...

Pericolo Isis

SPIGOLATURE

 

di Luciano Scateni

 

Pericolo Isis

Assodata l’impossibilità di difendere mezzo mondo dagli attentati, la questione della sicurezza assume contorni drammatici.

Come impedire ai terroristi di filtrare tra le maglie del sistema di un arduo controllo globale?

Come individuare i neo jihadisti arruolati dal Califfato nero e non ancora noti ai servizi segreti, che potrebbero espatriare quali semplici turisti? Come scoprire i giovani europei convertiti al fondamentalismo islamico, pronti a colpire nei rispettivi Paesi?

L’episodio della fabbrica di gas nell’Isére segnala un altro aspetto della pericolosità incontrollabile dell’Isis che, anche in assenza di un piano con più elementi impegnati, si è servito di un “lupo solitario”, evidentemente plagiato e assoldato per la causa jihadista.

Dopo i tragici episodi in Francia (vittima per la seconda volta dell’Isis), Tunisia, Kuwait e Somalia, chi potrà garantire l’incolumità dei turisti e dei musulmani moderati?

La strategia, oramai evidente, è di diffondere il terrore, di dimostrare che il mondo intero è esposto alla sanguinosa violenza di attentatori, pronti a morire per compiere stragi raccapriccianti.  Nel caso della Tunisia (chiuse ottanta moschee accusate di incitare alla violenza), che conta sul turismo come risorsa economica principale, il risultato del massacro, di là dall’efferatezza dell’azione, è la crisi del Paese che sarà disertato dal turismo internazionale e vedrà in forse il processo di democratizzazione intrapreso, ma che, peggio, si esporrà all’ipoteca dell’Isis, che trova terreno fertile nel disagio sociale e nella disoccupazione, nella povertà, oltre a contare sul maggior numero di combattenti per al-Baghdadi. Intanto un colpo letale ha subito il prodotto interno lordo della Tunisia, a cui contribuisce il turismo per il sette per cento. Il dato delle presenze italiane nel Paese è anche più significativo e fa registrare un calo di circa il cinquanta per cento.

Si spera che il terrorismo non colpisca altri luoghi, frequentati da Europei, né altri Paesi, finora risparmiati dagli attentati, Ma la speranza non basta. E’ evidente che il lavoro di intelligence e la protezione di siti sensibili (ma di quanti, su migliaia e migliaia?) non è detto che coprano il livello di rischio svelato in questi giorni dalla barbarie, subita in Africa e in Francia. La comunità internazionale, sconcertata dall’avanzata dell’Isis, è in forte ritardo nel decidere tempi e modi per sconfiggere il terrorismo.  Chi se ne intende per competenze settoriali sottolinea la non casualità della coincidenza degli attentati con il Ramadan. L’obiettivo è quello di imporre il fondamentalismo islamico nell’intero arco del Mediterraneo e di conquistare aree non ancora sotto il suo dominio.  L’attacco alla moschea sciita nel Kuwait ha obbedito a un altro obiettivo dei Suniti del Califfato nero, che si propone di annientare gli Sciiti.  Non a caso gli attentati sono avvenuti di venerdì, giorno sacro del Ramadan, scelto dall’Isis per sfidare  l’Occidente e quelli che definisce apostati.

Significativa la rivendicazione  dell’attentato in Tunisia: un “soldato” (proprio così, soldato) del califfato ha attaccato le tane della fornicazione, del vizio e dell’apostasia. Forse è fuorviante perché il vero risultato cercato dall’Isis è la crisi del paese colpito e la sua conquista al fondamentalismo.

C’è soluzione pacifica alla violenza jihadista?

Il mondo occidentale si interroga e, per il momento, non sembra avere risposte ma è certo  che il pericolo di attentati non si neutralizza con l’attività dei servizi segreti né con l’impiego di militari a presidio dei presunti siti sensibili.   

 

Salvini…Dio ce ne scampi 

Le t-shirt di Salvini raccontano, con infelice puntualità, il mimetismo del successore di Bossi. Di volta in volta se le fa stampare con il nome della città dove si reca in processione elettorale o con la dizione Padania per il Nord e Sicilia per le sortite nel Sud.  In ultimo ha indossato la pettorina con l’acronimo del sindacato di destra della polizia e, certo di acquisire consensi, si è scagliato contro la legge che introduce il reato di tortura, per sanare i comportamenti violenti delle forze dell’ordine, come testimoniano le giovani vittime di percosse e ogni altro episodio, analogo all’incursione sanguinosa nella Diaz, scuola genovese, scenario di inaudite brutalità.  Ecco il commento di Salvini all’approvazione di una legge che da sinistra è giudicata mediocre per come è stata modificata la norma rispetto alla convenzione di New York: “Le forze di polizia devono avere libertà assoluta di azione, se devono prendere per il collo un delinquente e, se questo si sbuccia il ginocchio o si rompe una gamba, sono cazzi suoi. Ci pensava prima di fare il delinquente”.

A quando l’olio di ricino per i meridionali ostili alla Lega razzista?

(Luglio 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen