NEWS

RITIRO DEL NAPOLI A DIMARO FOLGARIDE   di Luigi Rezzuti   Si avvicina il precampionato del Napoli, che, dopo una stagione non entusiasmante, ma...
continua...
7 marzo. Il fascino dell’immaginario, ovvero la creatività   Creatività: anche su questo indaga la Scuola di Palo Alto, prima al mondo per le ricerche...
continua...
MILLE VOCI PER AMATRICE   di ANNAMARIA RICCIO   Il cuore della D’Ovidio Nicolardi questa volta batte per Amatrice. Un concerto al cinema Plaza lo...
continua...
Miti napoletani di oggi.46   Pompei   di Sergio Zazzera   Fra i tanti esempi di urbanistica del mondo romano, pervenuti fino ai giorni nostri,...
continua...
La Vesuviana di Domenico Rea   di Antonio La Gala   Domenico Rea era un frequentatore della Circumvesuviana e nelle sue opere ci ha lasciato alcune...
continua...
Il limite infranto   di Gabriella Pagnotta   Georges Bataille, filosofo francese del secolo scorso, illumina il nostro tempo con le sue riflessioni...
continua...
Miti napoletani di oggi.45 LA “NASCITA” DELLA CAMORRA   di Sergio Zazzera   I Romani erano specialisti abilissimi nel confezionamento di “miti di...
continua...
BREVE TRATTATO SUL LECCHINO     Biblio-mediateca  ETHOS e NOMOS - Via Bernini 50 (scala B) – Napoli. Presentazione del libro di Antimo  Cesaro, BREVE...
continua...
GIUSEPPE ANTONELLO LEONE   Giuseppe Antonello Leone, pittore scultore ceramista e poeta, è nato il 6 luglio 1917 a Pratola Serra ed è morto a Napoli...
continua...
Pazze strisce pedonali   di Annamaria Riccio   Nella logica delle cose c’è un prodotto che scaturisce da una motivazione, che ne ha indotto...
continua...

ELIA SEVERINO, OVVERO: L’ORIGINALITA' DEL “NAïF”

 

di Sergio Zazzera

 

E' inevitabile che nelle arti figurative – e massime nella pittura –, a seconda dell’inclinazione dell’artista, assumano la prevalenza, di volta in volta, il disegno, o il colore, o la prospettiva, o le proporzioni; e sono proprio il primo e l’ultimo di tali fattori a dominare, in una combinazione affatto originale, l’arte di Elia Severino.

Come sempre, trascorro il Ferragosto a San Lorenzello, in Alta Valle Telesina, girovagando per i dintorni; e nel parco delle Terme di Telese m’imbatto nelle opere di Elia Severino, esposte, nella Sala dei Goccioloni, sotto l’etichetta «Armonia senza tempo».

Dicevo poc’anzi della combinazione tra disegno e proporzioni nella pittura dell’artista (telesina: dunque, “gioca in casa”), la cui resa è costituita da un Naïf, tanto gradevole, quanto originale, in cui a fare la parte del leone è la Natura. In primo luogo, i fiori, che assumono dimensioni di gran lunga maggiori di quelle reali, quasi a voler imprimere nella mente dell’osservatore il ricordo costante del rispetto ch’è loro dovuto; e, accanto ai fiori, i frutti, ora pendenti dall’albero, ora raccolti in cesti.

Ancora, l’acqua: quella del mare di Santa Lucia, a Napoli, che vede i catamarani – Luna Rossa in testa – impegnati nelle regate dell’America’s Cup, ma anche quella, più tempestosa, che flagella il faro, o che agita il golfo di Napoli, e perfino che fa temere il possibile scoppio di una lite fra i due innamorati che vi camminano in riva. E più tranquilla, benché neppure troppo, l’acqua del fiume, solcata da canoe, che richiama alla mente, con immediatezza, il corso del Rio Grassano, che scorre poco distante dal parco.

Dopo la natura, la cultura, in un’antitesi crudo-cotto prettamente levistraussiana. In terra sannitica, infatti, non possono mancare le testimonianze dell’antichità classica, talora in forma di natura morta – sistri, cimbali, vasi, un elmo da gladiatore –, talaltra a fare da sfondo a prati fioriti, in una fusione (o sfida?) di monumenti locali (non dimentichiamo di essere a Telesia) e di altri romani; e si può ben dire che sia tutta qui l’“armonia senza tempo”.

Una sorpresa, infine, è costituita dalla sintesi delle cantiche della Comedìa dantesca (nella foto), che prende l’aspetto di una sorta di ex-voto laico, nel quale lo spazio sacro è occupato dalla “Vergine madre, figlia di suo Figlio”, Dante e Virgilio sono presenti in veste di offerenti e il libro del poema tiene il luogo del cartiglio.

«Armonia senza tempo», dunque, quella di Elia Severino; ma, rispetto all’uomo, il tempo è elemento eterodeterminato, diversamente dal sentimento; ed è proprio in quest’ultimo che va identificata la componente che conferisce originalità alla pittura naïve di lei.

(Settembre 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen