NEWS

AL SALOTTO CERINO   Salotto Cerino –  Piazzetta del Leone   Giovedì,  30 marzo, alle ore 18 “La Napoli letteraria di Francesco D’Episcopo" Con...
continua...
SALUTE E BENESSERE Una casa a misura di sonno   di Peppe Iannicelli   Un terzo della giornata per lavorare, un terzo della giornata per vivere i...
continua...
Per grazia non ricevuta   di Antonio La Gala   Non desta meraviglia (non perché non la dovrebbe destare, ma solo perché vi ci siamo abituati) la...
continua...
L’esilio della bellezza   di Gabriella Pagnotta   Qual è il valore del limite oggi? I limiti sono qualcosa da temere, da mantenere, da costruire o da...
continua...
Antichi giardini di ville campane   di Antonio La Gala   Spesso nel visitare qualche antica villa napoletana o campana restiamo colpiti dal...
continua...
DIANA FRANCO PER IL QUIRINALE   Il dipinto su cristallo, intitolato Terrae Motus, donato dall’artista napoletana Diana Franco al Quirinale, è esposto...
continua...
“ULTIMO TOCCO”   Mercoledì 23 marzo 2016, alle ore 18, nella sede della Fondazione Humaniter (piazza Vanvitelli, 15 - Napoli - I piano, aula 11),...
continua...
FIORI DEL MIO CAMPO  
continua...
Parlanno ’e nu poeta - Alfredo Granata   di Romano Rizzo   A voi che amate la Poesia, quella che sa toccare le corde del cuore, voglio raccontare la...
continua...
Il calcio mercato del Napoli   di Luigi Rezzuti   E’ appena terminato il campionato che già si parla di calcio mercato. Il Napoli, classificatosi...
continua...

Parlanno ’e poesia

 

di Romano Rizzo

 

Oggi parliamo di TOMMASO GAETA (Napoli 1883-1955).

Tommaso Gaeta, soggiogato forse dal successo del fratello Francesco ( 1879-1927), autore della raccolta “Poesie d’amore”, celebrato da Benedetto Croce, che ne esaltò le doti di semplicità di linguaggio e di dignità classica, tenne a lungo nascosta la sua passione per la poesia e la canzone. Francesco, peraltro, di cui il Croce scrisse che l’accento principale o il sentimento dominante della sua poetica è l’amore dell’amore, ossia il rimpianto di qualcosa che non si possiede più, era uno spirito tormentato…

Valga come esempio questa quartina, tratta dalla poesia Sgomento :

“ Sì, vi lascio vecchie mura

dove un po’ del cuore mio

con un tenero desio

attaccato resterà.”

Francesco, dicevo, morì suicida a soli 48 anni, un Venerdì santo, dopo i funerali della madre, lasciando questo biglietto: “Mia dolce mamma, ti seguo!”

Tommaso, dunque, che fu Direttore provinciale delle Poste di Napoli, invogliato dal maestro Francesco Buongiovanni ( autore di “Lacreme napulitane” ed altri successi) cominciò a produrre diverse canzoni con lo pseudonimo di Tullio Gentili fino a diventare, insieme ad Ernesto Murolo, il paroliere prediletto del grande Ernesto Tagliaferri.

Solo pochi anni prima della sua dipartita, si decise a pubblicare a suo nome una breve raccolta di sonetti, dal titolo “ Sunettiata napulitana”, che ebbe una bella e ricca prefazione di Pasquale Ruocco, che esortava il Gaeta ad organizzare in una pubblicazione le sue raccolte di versi “Passeggiate ottocentesche” e “Poeta bizzarro”, di cui non si è avuto più notizia.

Parimenti inedite sono rimaste le poesie destinate alla raccolta “Tammurriata”. Forse il poeta non ebbe il tempo di porvi mano e nessuno, poi, si è assunto questo compito. È un vero peccato perché, come avrete modo di vedere, il Gaeta era un bel poeta, leggero, arguto ed accattivante che non a caso Ettore de Mura definì “ il poeta della gentilezza e della grazia”.

Un gustoso aneddoto da cui traspare la bonomia del personaggio ci è stato raccontato da Giovanni de Caro nei suoi Aneddoti.

Un giorno il Gaeta che aveva inviato un articolo al ROMA e voleva vedere se era stato pubblicato, pregò un usciere di andare a comprarne una copia. Dopo poco l’usciere  gli disse “Non è uscito ancora”. Dopo una buona mezzora, glielo richiese ed ebbe identica risposta ma dalla strada gli giunse la voce di uno strillone che gridava: “‘O Roma, ‘o Roma !” Seccato, il Gaeta disse : “Ho capito, mo scendo e lo vado a comprare io !” e di rimando l’usciere : “ Visto che ve truvate, pigliatene na copia pure pe mme !”

Ed ora, dopo aver tratteggiato brevemente la figura ed il mondo in cui era vissuto il Gaeta, propongo alla vostra attenzione alcuni suoi divertenti sonetti :

 

’O grand’ommo

 

Quanno, â matina, ’a nonna me vesteva

pe purtarme int’â villa a passià,

« Addio, miez’ommo !» patemo diceva,

redenno cu ’a bonanema ’e mammà.

 

A vintun’anne me venette ’a freva,

che piglia tutt’’e ggiuvene, ’e spusà:

festine, abbracce, ’o treno che parteva…

« Addio, bell’ommo !» me strllaje papà.

 

Muglierema era ’nzista..e me murette.

Papà, doppo ll’esequie, suspiraje

e, zitto:« Addio, grand’ommo !» me dicette.

 

Quanno ’a siconda vota me ’nzuraje

e lle dette ’a nutizia cu n’espresso,

« Addio, me rispunnette, piezz’’e fesso !!»

 

 

’A gatta

 

’A gatta… Sissignore, ’a gatta è prena

( a essa pure ll’è venuto ’o sfizio !)

e mo, ’ncopp’â pultrona ’e Matalena,

durmesse fin’ô juorno d’’o giudizio.

 

Cammina ’ncopp’a ll’ova, chiena chiena,

comme stesse facenno n’esercizio..

“Fattella ’ngrazia ’e Dio chesta nuvena,

muscè ! Ll’hê visto che t’ha fatto ’o vizio ?”

 

Dint’â casa ce sta nu serra serra..

Mògliema allucca, cu na scopa mmano :

“Nicò, chesta nce nguaja nu divano !”

I’ rido sazio e chella cchiù de mperra;

e ’o neputino nuosto, nu gnastillo,

’a sfruculèa : “ M’’o date nu muscillo ?”

 

 

Acqua passata

 

Signò, vuje me parite Baccalà :

parlate sempe e ve muvite assaje.

Na vota, si’, pe vvuje me ‘ncapricciaje

ma fuje na freva, che è passata già.

 

Ve vantate : “ ’O vedite a chillu llà ?

pe nu ounto pe mme nun se sparaje

e s’i’ lle desse corda, nun sia maje !

fosse ancora capace ’e s’appezzà !”

 

Site stata, però, troppo azzardosa,

cunsignanno a muglierema, ’a ntrasatto,

’e vierze che nu juorno v’aggio fatto.

 

Muglierema ha liggiuto tutto cosa,

po, m’ha guardato..e ha ditto, molla molla :

“ Tutta sta nziria, pe..nu cato ’e colla !!”

 

(Ottobre 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen