NEWS

IN VIAGGIO CON UN RAGAZZO NIGERIANO   di Luigi Rezzuti   Era un ragazzo di sedici anni, lo sguardo vispo, un sorriso sempre stampato sul volto. La...
continua...
LA D’OVIDIO NICOLARDI, SCUOLA DI PACE E DI CAMPIONI   di Annamaria Riccio     Un altro anno scolastico si è concluso all’insegna di interessanti...
continua...
Per Caterina De Simone Quando un poeta muore   di Marisa Pumpo Pica   Quando un nostro amico o un socio del Centro culturale Cosmopolis, vola...
continua...
Cosmopolis   CANZONI POESIA MUSICA ARTE Sarà FESTA al VOMERO, presso la FABRICIA’S FITNESS & DANCE, VENERDI’ 27 MAGGIO 2016, dalle ore 17,00, in...
continua...
L’OSTERIA DEL CONTADINO   di Luigi Rezzuti   L’osteria del contadino era una semplice casupola in mezzo ai campi. Chi non la conosceva, poteva...
continua...
Gianfranco PECCHINENDA, Come se niente fosse   di Luigi Alviggi   Undici racconti aprono lo sguardo su una serie di scenari ove le differenze tra...
continua...
Miti napoletani di oggi.48 LA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA   di Sergio Zazzera   Ogni qualvolta il discorso cada sul tema della criminalità organizzata,...
continua...
AL MUSEO DUCA DI MARTINA   (Febbraio 2017)
continua...
Tra arte e natura. Sabato a Castel Gandolfo   di Luigi Rezzuti   Anche se con notevole ritardo, ho saputo di poter visitare Castel Gandolfo, partendo...
continua...
Maggio dei monumenti 2020 a Napoli   a cura di Luigi Rezzuti   Si rinnova il fantastico appuntamento del “Maggio dei Monumenti”, un evento che...
continua...

Parlanno ’e poesia

 

di Romano Rizzo

 

Oggi parliamo di TOMMASO GAETA (Napoli 1883-1955).

Tommaso Gaeta, soggiogato forse dal successo del fratello Francesco ( 1879-1927), autore della raccolta “Poesie d’amore”, celebrato da Benedetto Croce, che ne esaltò le doti di semplicità di linguaggio e di dignità classica, tenne a lungo nascosta la sua passione per la poesia e la canzone. Francesco, peraltro, di cui il Croce scrisse che l’accento principale o il sentimento dominante della sua poetica è l’amore dell’amore, ossia il rimpianto di qualcosa che non si possiede più, era uno spirito tormentato…

Valga come esempio questa quartina, tratta dalla poesia Sgomento :

“ Sì, vi lascio vecchie mura

dove un po’ del cuore mio

con un tenero desio

attaccato resterà.”

Francesco, dicevo, morì suicida a soli 48 anni, un Venerdì santo, dopo i funerali della madre, lasciando questo biglietto: “Mia dolce mamma, ti seguo!”

Tommaso, dunque, che fu Direttore provinciale delle Poste di Napoli, invogliato dal maestro Francesco Buongiovanni ( autore di “Lacreme napulitane” ed altri successi) cominciò a produrre diverse canzoni con lo pseudonimo di Tullio Gentili fino a diventare, insieme ad Ernesto Murolo, il paroliere prediletto del grande Ernesto Tagliaferri.

Solo pochi anni prima della sua dipartita, si decise a pubblicare a suo nome una breve raccolta di sonetti, dal titolo “ Sunettiata napulitana”, che ebbe una bella e ricca prefazione di Pasquale Ruocco, che esortava il Gaeta ad organizzare in una pubblicazione le sue raccolte di versi “Passeggiate ottocentesche” e “Poeta bizzarro”, di cui non si è avuto più notizia.

Parimenti inedite sono rimaste le poesie destinate alla raccolta “Tammurriata”. Forse il poeta non ebbe il tempo di porvi mano e nessuno, poi, si è assunto questo compito. È un vero peccato perché, come avrete modo di vedere, il Gaeta era un bel poeta, leggero, arguto ed accattivante che non a caso Ettore de Mura definì “ il poeta della gentilezza e della grazia”.

Un gustoso aneddoto da cui traspare la bonomia del personaggio ci è stato raccontato da Giovanni de Caro nei suoi Aneddoti.

Un giorno il Gaeta che aveva inviato un articolo al ROMA e voleva vedere se era stato pubblicato, pregò un usciere di andare a comprarne una copia. Dopo poco l’usciere  gli disse “Non è uscito ancora”. Dopo una buona mezzora, glielo richiese ed ebbe identica risposta ma dalla strada gli giunse la voce di uno strillone che gridava: “‘O Roma, ‘o Roma !” Seccato, il Gaeta disse : “Ho capito, mo scendo e lo vado a comprare io !” e di rimando l’usciere : “ Visto che ve truvate, pigliatene na copia pure pe mme !”

Ed ora, dopo aver tratteggiato brevemente la figura ed il mondo in cui era vissuto il Gaeta, propongo alla vostra attenzione alcuni suoi divertenti sonetti :

 

’O grand’ommo

 

Quanno, â matina, ’a nonna me vesteva

pe purtarme int’â villa a passià,

« Addio, miez’ommo !» patemo diceva,

redenno cu ’a bonanema ’e mammà.

 

A vintun’anne me venette ’a freva,

che piglia tutt’’e ggiuvene, ’e spusà:

festine, abbracce, ’o treno che parteva…

« Addio, bell’ommo !» me strllaje papà.

 

Muglierema era ’nzista..e me murette.

Papà, doppo ll’esequie, suspiraje

e, zitto:« Addio, grand’ommo !» me dicette.

 

Quanno ’a siconda vota me ’nzuraje

e lle dette ’a nutizia cu n’espresso,

« Addio, me rispunnette, piezz’’e fesso !!»

 

 

’A gatta

 

’A gatta… Sissignore, ’a gatta è prena

( a essa pure ll’è venuto ’o sfizio !)

e mo, ’ncopp’â pultrona ’e Matalena,

durmesse fin’ô juorno d’’o giudizio.

 

Cammina ’ncopp’a ll’ova, chiena chiena,

comme stesse facenno n’esercizio..

“Fattella ’ngrazia ’e Dio chesta nuvena,

muscè ! Ll’hê visto che t’ha fatto ’o vizio ?”

 

Dint’â casa ce sta nu serra serra..

Mògliema allucca, cu na scopa mmano :

“Nicò, chesta nce nguaja nu divano !”

I’ rido sazio e chella cchiù de mperra;

e ’o neputino nuosto, nu gnastillo,

’a sfruculèa : “ M’’o date nu muscillo ?”

 

 

Acqua passata

 

Signò, vuje me parite Baccalà :

parlate sempe e ve muvite assaje.

Na vota, si’, pe vvuje me ‘ncapricciaje

ma fuje na freva, che è passata già.

 

Ve vantate : “ ’O vedite a chillu llà ?

pe nu ounto pe mme nun se sparaje

e s’i’ lle desse corda, nun sia maje !

fosse ancora capace ’e s’appezzà !”

 

Site stata, però, troppo azzardosa,

cunsignanno a muglierema, ’a ntrasatto,

’e vierze che nu juorno v’aggio fatto.

 

Muglierema ha liggiuto tutto cosa,

po, m’ha guardato..e ha ditto, molla molla :

“ Tutta sta nziria, pe..nu cato ’e colla !!”

 

(Ottobre 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen