NEWS

ALL’ARENA “SIECI” DI SCAURI: “ I CASI SONO DUE”   di Luigi Rezzuti   L’associazione Teatrale Cangiani, dopo gli strepitosi successi di pubblico e...
continua...
IL ROLEX RUBATO   di Luigi Rezzuti   Williams, un giovane di nazionalità inglese, dopo aver superato l’esame di laurea con ottimi voti, si concesse...
continua...
ANDIAMO A TEATRO a cura di Marisa Pumpo Pica Pompeiana Baroque Ensemble in “...di tanti palpiti”   Di grande spessore ed interesse, all’interno del...
continua...
IL "PREMIO CERINO"   (Maggio 2016)
continua...
SALUTE E BENESSERE  Con Iasa a lezione di stile di vita sano tra alimentazione corretta e sport   di Claudia Bonasi   Continuano gli appuntamenti...
continua...
“PROCIDA ‘900”   Martedì 15 maggio 2018, alle ore 17.30, nell’aula “Massimo Della Campa” (4° piano) della Fondazione Humaniter (piazza Vanvitelli, 15 –...
continua...
IL FURTO DEL “CAPPELLO” DI KOUNELLIS   di Sergio Zazzera   E’ del 4 marzo la notizia del furto del “Cappello”, elemento dell’installazione...
continua...
AUSTERITA’   di Luigi Rezzuti   Non ho vergogna ad ammettere che di politica non capisco niente e di conseguenza non sono simpatizzante di nessuna...
continua...
ANTONIO BERTE’ UN ARTISTA CONTEMPORANEO NAPOLETANO   di Luigi Rezzuti   Torre Caselli è un edificio abbandonato, che versa in pessime condizioni in...
continua...
"IL COMANDANTE BULOW"     (Gennaio 2019)
continua...

Donne  del Sud

                                                                     

di Mariacarla Rubinacci

 

 

   Impulsive, romantiche, positive, permalose, possessive, prendono fuoco alla prima scintilla. Badano alla casa, sanno cucinare secondo tradizione, danzano la “pizzica”, amano la vita perché sanno con passione che l’amore è il motore della vita.

   Sono felici di raccogliere zaini pesanti, merendine spiaccicate dal peso dei libri, magliette sudate del figlio maschio, che ha appena finito di scalpitare nella partita di calcetto alla quale hanno assistito con orgoglio, o togliere il tutù alla “principessa di casa”, che lascia la sbarra della lezione di danza. Felici sopratutto di raccogliere gli abbracci come premio per averli aspettati trepidanti, affannate, protettive, ma inesorabilmente presenti, all’uscita del loro svago. “P’ ’e creature” ci sono sempre.

   Tuttavia anche loro segretamente, vergognandosi persino di pensarlo, ambirebbero essere alla pari di “quelle del Nord”, cancellando così lo stereotipo che le mette all’angolo: famiglia e carriera, famiglia e passione lavorativa, famiglia e un posto di lavoro, fuori, anche nel mondo,. Infatti le donne del Sud non arrivano trafelate alle riunioni scolastiche, non fuggono prima dal lavoro, non rischiano magari la vita in motorino per arrivare in tempo.

Forse la giustificazione, la scusa (banale) che si inchiodano dentro, è che non riescono (ancora) ad ammettere che anche i padri a volte sono bravi nel preparare “ la pasta al burro” al posto della “pasta al forno” che diffonde il profumo di una casa accogliente. Il loro credo è: “Hai un’idea di come si ridurrebbe la casa se io mancassi mezza giornata?”. E così non partono per un viaggio con l’amica, non lasciano istruzioni dettagliate scritte sul postic da attaccare al frigorifero, non delegano la conduzione del loro menage, non fanno alzare “’o piccirillo” presto al mattino, per portarlo alla nonna e poi correre magari a fare il loro turno in ospedale.

A questo punto mi abbaglia il grossolano errore in cui sono caduta.

Le donne del Sud, le donne del Nord, le donne sono donne, non facciamo del sessismo incolpevole, non cadiamo nel facile confronto. Tutte sono femmine con la stessa sensualità, sono mogli, compagne degne del ruolo che la società continua a conferire loro, sono mamme che crescono il futuro del mondo, sono il motore della vita che continua a leggere sempre le stesse pagine del libro intitolato “Uomo”.

(Novembre 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen