NEWS

LA D’OVIDIO NICOLARDI, SCUOLA DI PACE E DI CAMPIONI   di Annamaria Riccio     Un altro anno scolastico si è concluso all’insegna di interessanti...
continua...
Ecco i tre vincitori del premio Trivio     di Claudia Bonasi   Ecco i vincitori del premio letterario Trivio 2016. Per la sezione prosa edita vince...
continua...
Miti napoletani di oggi.60 ELENA FERRANTE   di Sergio Zazzera   Ora dico una banalità. La storia e il mito sono entrambi prodotti dell’uomo: la...
continua...
Pensieri ad alta voce di Marisa Pumpo Pica Fra detti e dirette   Un giorno festivo, dopo pranzo, ore 15, accendo il televisore e su Rai 3 si trasmette...
continua...
Miti napoletani di oggi.61 IL "DIVARIO TRA LE CLASSI SOCIALI"   di Sergio Zazzera     Mai come a Napoli si è fatto registrare in maniera tanto...
continua...
“SWINGING”: ENZA MONETTI AL PAN   di Sergio Zazzera   In principio era l’albero. Che sia quello “della conoscenza del bene e del male” della...
continua...
Spigolature Non Ufo, ma oggetti non identificati   di Luciano Scateni   Per noi, esterni al frenetico evolversi delle tecnologie, l’incipit della...
continua...
Miti napoletani di oggi.53 LA SANITA’   di Sergio Zazzera   Non tragga in inganno il titolo: non è della tutela della salute (sul cui carattere...
continua...
Il calcio mercato del Napoli   di Luigi Rezzuti   E’ appena terminato il campionato che già si parla di calcio mercato. Il Napoli, classificatosi...
continua...
Pensieri ad alta voce di Marisa Pumpo Pica   Revisionare Dante?      Sul filo dei nostri “Pensieri ad alta voce”,  questa volta è di scena Dante....
continua...

Donne  del Sud

                                                                     

di Mariacarla Rubinacci

 

 

   Impulsive, romantiche, positive, permalose, possessive, prendono fuoco alla prima scintilla. Badano alla casa, sanno cucinare secondo tradizione, danzano la “pizzica”, amano la vita perché sanno con passione che l’amore è il motore della vita.

   Sono felici di raccogliere zaini pesanti, merendine spiaccicate dal peso dei libri, magliette sudate del figlio maschio, che ha appena finito di scalpitare nella partita di calcetto alla quale hanno assistito con orgoglio, o togliere il tutù alla “principessa di casa”, che lascia la sbarra della lezione di danza. Felici sopratutto di raccogliere gli abbracci come premio per averli aspettati trepidanti, affannate, protettive, ma inesorabilmente presenti, all’uscita del loro svago. “P’ ’e creature” ci sono sempre.

   Tuttavia anche loro segretamente, vergognandosi persino di pensarlo, ambirebbero essere alla pari di “quelle del Nord”, cancellando così lo stereotipo che le mette all’angolo: famiglia e carriera, famiglia e passione lavorativa, famiglia e un posto di lavoro, fuori, anche nel mondo,. Infatti le donne del Sud non arrivano trafelate alle riunioni scolastiche, non fuggono prima dal lavoro, non rischiano magari la vita in motorino per arrivare in tempo.

Forse la giustificazione, la scusa (banale) che si inchiodano dentro, è che non riescono (ancora) ad ammettere che anche i padri a volte sono bravi nel preparare “ la pasta al burro” al posto della “pasta al forno” che diffonde il profumo di una casa accogliente. Il loro credo è: “Hai un’idea di come si ridurrebbe la casa se io mancassi mezza giornata?”. E così non partono per un viaggio con l’amica, non lasciano istruzioni dettagliate scritte sul postic da attaccare al frigorifero, non delegano la conduzione del loro menage, non fanno alzare “’o piccirillo” presto al mattino, per portarlo alla nonna e poi correre magari a fare il loro turno in ospedale.

A questo punto mi abbaglia il grossolano errore in cui sono caduta.

Le donne del Sud, le donne del Nord, le donne sono donne, non facciamo del sessismo incolpevole, non cadiamo nel facile confronto. Tutte sono femmine con la stessa sensualità, sono mogli, compagne degne del ruolo che la società continua a conferire loro, sono mamme che crescono il futuro del mondo, sono il motore della vita che continua a leggere sempre le stesse pagine del libro intitolato “Uomo”.

(Novembre 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen