NEWS

L’altra faccia della medaglia   di Romano Rizzo   In questa rubrica cercheremo di presentarvi, di alcuni poeti, un lato poco conosciuto.   Gennaro...
continua...
OPERAZIONE SAN GENNARO   di Sergio Zazzera     Non è del film di Dino Risi che intendo occuparmi, bensì della recente vicenda del decreto del...
continua...
STORIE DI CERAMICA     (Giugno 2018)
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   L’ottimismo si chiama Apple Indossa il giacchino blu di metalmeccanico, stinto dalla fatica, sbiadita la scritta...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Sul ponte di Messina “…lor si daran la mano” Identità di promesse tra Dem e Forza Italia.   Sì, no, se, ma,...
continua...
I Cacciottoli   diAntonio La Gala   Questo toponimo denomina sia la Salita, che da Corso Vittorio Emanuele porta al Vomero, sia un'estesa zona...
continua...
SPIGOLATURE   di Luciano Scateni    Stupri? Colpa delle donne, dice Chrissie Un’ipotesi possibile nasce dalla biografia di tale Chrissie Hynde,...
continua...
Parlanno ‘e poesia 8   di Romano Rizzo   Gennaro Esposito Una delle più dibattute teorie sull’arte e la poesia è certo quella relativa al ruolo che...
continua...
Miti napoletani di oggi.68 L’attesa del mezzo di trasporto   di Sergio Zazzera   La scena si ripete tutti i giorni, anche più volte nella stessa...
continua...
Vincenzo Irolli: arte o commercio?    di Antonio La Gala   Vincenzo Irolli (Napoli, 1860 - 1949) scoprì la sua passione per l'arte a diciassette...
continua...

Donne  del Sud

                                                                     

di Mariacarla Rubinacci

 

 

   Impulsive, romantiche, positive, permalose, possessive, prendono fuoco alla prima scintilla. Badano alla casa, sanno cucinare secondo tradizione, danzano la “pizzica”, amano la vita perché sanno con passione che l’amore è il motore della vita.

   Sono felici di raccogliere zaini pesanti, merendine spiaccicate dal peso dei libri, magliette sudate del figlio maschio, che ha appena finito di scalpitare nella partita di calcetto alla quale hanno assistito con orgoglio, o togliere il tutù alla “principessa di casa”, che lascia la sbarra della lezione di danza. Felici sopratutto di raccogliere gli abbracci come premio per averli aspettati trepidanti, affannate, protettive, ma inesorabilmente presenti, all’uscita del loro svago. “P’ ’e creature” ci sono sempre.

   Tuttavia anche loro segretamente, vergognandosi persino di pensarlo, ambirebbero essere alla pari di “quelle del Nord”, cancellando così lo stereotipo che le mette all’angolo: famiglia e carriera, famiglia e passione lavorativa, famiglia e un posto di lavoro, fuori, anche nel mondo,. Infatti le donne del Sud non arrivano trafelate alle riunioni scolastiche, non fuggono prima dal lavoro, non rischiano magari la vita in motorino per arrivare in tempo.

Forse la giustificazione, la scusa (banale) che si inchiodano dentro, è che non riescono (ancora) ad ammettere che anche i padri a volte sono bravi nel preparare “ la pasta al burro” al posto della “pasta al forno” che diffonde il profumo di una casa accogliente. Il loro credo è: “Hai un’idea di come si ridurrebbe la casa se io mancassi mezza giornata?”. E così non partono per un viaggio con l’amica, non lasciano istruzioni dettagliate scritte sul postic da attaccare al frigorifero, non delegano la conduzione del loro menage, non fanno alzare “’o piccirillo” presto al mattino, per portarlo alla nonna e poi correre magari a fare il loro turno in ospedale.

A questo punto mi abbaglia il grossolano errore in cui sono caduta.

Le donne del Sud, le donne del Nord, le donne sono donne, non facciamo del sessismo incolpevole, non cadiamo nel facile confronto. Tutte sono femmine con la stessa sensualità, sono mogli, compagne degne del ruolo che la società continua a conferire loro, sono mamme che crescono il futuro del mondo, sono il motore della vita che continua a leggere sempre le stesse pagine del libro intitolato “Uomo”.

(Novembre 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen