NEWS

SEGNALIBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Le stagioni di una vita di Emilia Menini e Guido Parmegiani Cosmopolis Edizioni Napoli   Questo...
continua...
Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   “Cantare alle ossa” è l’ultimo appuntamento che, venerdì 24 maggio, alle ore 21, al Teatro Diana di...
continua...
CARMINE REZZUTI E QUINTINO SCOLAVINO ESPONGONO  AL MUSEO ARCHEOLOGICO DI NAPOLI   Dopo aver partecipato alle Biennali di Venezia, alle Quadriennali...
continua...
 Su e giù con la morte   Sabato 9 aprile ore 18, presentazione del nuovo romanzo di Luciano Scateni - libreria “Io ci sto”, piazza Fuga (accanto...
continua...
CLAMOROSA INCHIESTA SULLA JUVENTUS   a cura di Luigi Rezzuti   Quando dai social si è saputo che il 22 ottobre 2018 la famosissima trasmissione...
continua...
Il calcio mercato del Napoli   di Luigi Rezzuti   E’ appena terminato il campionato che già si parla di calcio mercato. Il Napoli, classificatosi...
continua...
Parlanno ’e Poesia 9 Ferdinando Russo   di Romano Rizzo   Conoscere alcuni aneddoti sulla vita di un grande della poesia napoletana può...
continua...
TANTI AUGURI. MARADONA CHE NON TRADISCE   di Peppe Iannicelli   Napoli e Buenos Aires, il Vesuvio ed il Rio de La Plata,  i vicoli del Decumano e le...
continua...
RITIRO DEL NAPOLI A DIMARO FOLGARIDE   di Luigi Rezzuti   Si avvicina il precampionato del Napoli, che, dopo una stagione non entusiasmante, ma...
continua...
Parlando di chi è poeta   di Romano Rizzo (13)   Spesso mi sono chiesto che cosa ha di diverso dagli altri chi scrive poesie o ama profondamente...
continua...

Miti napoletani di oggi.39

LA STAZIONE GARIBALDI DI “METRO 1”

 

di Sergio Zazzera

 

 

Non è detto che – in “cultura”, al pari che in “natura” – l’utile e il bello debbano coincidere. Quanto alla linea 1 della Metropolitana di Napoli, questa coincidenza è verificabile nella stazione Toledo, che, a detta di chi se ne intende più di me, sarebbe la più bella d’Europa, ma che, secondo me, è anche estremamente funzionale, col suo sistema di scale mobili, tappeti mobili e ascensori, che la collegano finanche con la piazza di Montecalvario. Non credo, viceversa, di poter dire altrettanto della stazione Garibaldi, progettata dal francese Dominique Perrault e inaugurata il 2 dicembre 2013.

La sua concezione è quella di una “piazza” sottoposta al livello di piazza Garibaldi, che, però, è coperta da una sorta di vele di teflon forato, che proteggono poco dal sole e male (direi, anzi, per nulla) dalla pioggia. Si potrà obiettare che, quando piove, anche sulla piazza “superiore” si adoperano ombrelli e impermeabili; ma si potrà anche controbattere che la pioggia, oltre che addosso agli utenti, si riversa anche sul fondo della piazza “inferiore”, fino a invadere la sede rotabile della linea, imponendo la sospensione del servizio, come di fatto avviene spesso. Con il che si dimostra l’esistenza del mito della funzionalità di un’opera architettonica, la quale, peraltro, gode dell’ottima compagnia del ponte della Costituzione a Venezia, realizzato da Santiago Calatrava, altra “archistar” dei giorni nostri, bello quanto si vuole, ma estremamente scivoloso, a causa della sua pavimentazione in vetro, che lascia vedere l’acqua del canale sottostante e, anzi, la lascia vedere ancor più da vicino, dopo essere scivolati e caduti.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen