NEWS

L’isolotto di Megaride tra mito e realtà   di Luigi Rezzuti   E’ di una decina di giorni fa la notizia che un gruppo di archeologi subacquei si sono...
continua...
STORIE DI CERAMICA     (Giugno 2018)
continua...
Napoli e Totò nel cuore della Nicolardi   di Annamaria Riccio   Come ormai è consuetudine, anche quest’anno si è svolta la manifestazione di fine...
continua...
Miti napoletani di oggi.50 LO SCRITTORE   di Sergio Zazzera   Raccolgo la “provocazione” che mi ha indirizzato, da queste stesse (web-)pagine il...
continua...
Un  nonno con la “fissa” per la caccia   di Luigi Rezzuti   Il  nonno di Marco aveva una sola grande passione, un solo grande capriccio, andare a...
continua...
Pazze strisce pedonali   di Annamaria Riccio   Nella logica delle cose c’è un prodotto che scaturisce da una motivazione, che ne ha indotto...
continua...
MAGGIO DEI MONUMENTI   di Luigi Rezzuti   La 24° edizione del “Maggio dei Monumenti” è partita il 28 aprile per terminare il 3 giugno...
continua...
Spigolature Non Ufo, ma oggetti non identificati   di Luciano Scateni   Per noi, esterni al frenetico evolversi delle tecnologie, l’incipit della...
continua...
OEDIPUS     Fisciano, mercoledì 8, ore 15,00, Università degli studi di Salerno, Incontri tra letteratura e matematica presso il Dipartimento di...
continua...
Salute e Benessere           IL PEPERONCINO ROSSO PUO’ AIUTARE A FERMARE UN INFARTO   di Luigi Rezzuti   Un noto erborista americano afferma di...
continua...

Miti napoletani di oggi.39

LA STAZIONE GARIBALDI DI “METRO 1”

 

di Sergio Zazzera

 

 

Non è detto che – in “cultura”, al pari che in “natura” – l’utile e il bello debbano coincidere. Quanto alla linea 1 della Metropolitana di Napoli, questa coincidenza è verificabile nella stazione Toledo, che, a detta di chi se ne intende più di me, sarebbe la più bella d’Europa, ma che, secondo me, è anche estremamente funzionale, col suo sistema di scale mobili, tappeti mobili e ascensori, che la collegano finanche con la piazza di Montecalvario. Non credo, viceversa, di poter dire altrettanto della stazione Garibaldi, progettata dal francese Dominique Perrault e inaugurata il 2 dicembre 2013.

La sua concezione è quella di una “piazza” sottoposta al livello di piazza Garibaldi, che, però, è coperta da una sorta di vele di teflon forato, che proteggono poco dal sole e male (direi, anzi, per nulla) dalla pioggia. Si potrà obiettare che, quando piove, anche sulla piazza “superiore” si adoperano ombrelli e impermeabili; ma si potrà anche controbattere che la pioggia, oltre che addosso agli utenti, si riversa anche sul fondo della piazza “inferiore”, fino a invadere la sede rotabile della linea, imponendo la sospensione del servizio, come di fatto avviene spesso. Con il che si dimostra l’esistenza del mito della funzionalità di un’opera architettonica, la quale, peraltro, gode dell’ottima compagnia del ponte della Costituzione a Venezia, realizzato da Santiago Calatrava, altra “archistar” dei giorni nostri, bello quanto si vuole, ma estremamente scivoloso, a causa della sua pavimentazione in vetro, che lascia vedere l’acqua del canale sottostante e, anzi, la lascia vedere ancor più da vicino, dopo essere scivolati e caduti.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen