NEWS

Spigolature   di Luciano Scateni   Succede che razzoli male chi predica bene Ma da che dissacrante pulpito il re Mida dei comici arringa il popolo...
continua...
AL PAN DI NAPOLI LE “OMBRE” DI ARMANDO DE STEFANO   Dal 19 maggio al 25 giugno, una mostra curata da Mimma Sardella. Armando De Stefano omaggia Jorge...
continua...
MAGGIO DEI MONUMENTI   di Luigi Rezzuti   La 24° edizione del “Maggio dei Monumenti” è partita il 28 aprile per terminare il 3 giugno...
continua...
IL "PREMIO CERINO"   (Maggio 2016)
continua...
La Prima Edizione de “Il Presepe Vivente” a Boscotrecase (NA) nell’antica contrada Oratorio Una straordinaria occasione per conoscere vecchi mestieri e...
continua...
SALUTE E BENESSERE Dipendenza sessuale on line   di Manuela Morra   Il mondo virtuale, tanto vantaggioso per molteplici aspetti della vita di...
continua...
MILLE VOCI PER AMATRICE   di ANNAMARIA RICCIO   Il cuore della D’Ovidio Nicolardi questa volta batte per Amatrice. Un concerto al cinema Plaza lo...
continua...
Anatomia di una scelta di Luigi Alviggi – Guida editori   di Marisa Pumpo Pica   Luigi Alviggi, in questo suo nuovo cimento letterario, si conferma...
continua...
“L’UOMO NELLA STORIA”   Giovedì 14 dicembre 2017, alle ore 19,00 la ModartGallery di SABINALBANO, salita Vetriera, 15 Napoli, presenta la mostra...
continua...
TANTI AUGURI. MARADONA CHE NON TRADISCE   di Peppe Iannicelli   Napoli e Buenos Aires, il Vesuvio ed il Rio de La Plata,  i vicoli del Decumano e le...
continua...

Conferenza stampa di Renzi

Conferenza stampa di Renzi tra critiche e malumori

 

di Annamaria Riccio

 


Anche quest’anno, come consuetudine, si  è tenuta la conferenza stampa del presidente del Consiglio, organizzata dall’Ordine dei giornalisti.

Grandi firme e noti cronisti si sono avvicendati nella formulazione di domande concesse dal premier agli esponenti delle più importanti testate, emittenti, agenzie di stampa italiana ed estera.

Matteo Renzi è giunto puntuale e scanzonato nella sua andatura, come uno scolaretto che sa di sottoporsi a periodica verifica. Ha aperto la conferenza, con il tradizionale discorso iniziale, il presidente dell’Ordine, Enzo Iacopino, che ha evidenziato il disagio in cui versa buona parte dei giornalisti, condizionati da un precariato che consente poco spazio remunerativo e condanna la categoria ad un esiguo compenso da parte degli editori. Il premier ha quindi preso la parola, mostrando sulla lavagna slide raffiguranti, sulla parte alta, un gufo, atto a rappresentare diffidenze e  pessimismi e, In basso, invece, le cose buone attuate dal Governo.

In sintesi,  si è così espresso sui vari argomenti a lui proposti o dallo stesso trattati:

GIORNALISTI: alla “schiavitù” cui sono sottoposti alcuni colleghi da parte degli editori “Fosse per me, abolirei l’Ordine dei Giornalisti da domani, ma mi rendo conto che la comunicazione è importante per il Governo” ha esordito Renzi.

INSEGNANTI: “Hanno sbagliato molti docenti precari a seguire le indicazioni dei sindacati non facendo domanda di mobilità; ora sarebbero assunti  a tempo indeterminato nelle proprie regioni, peggio per loro”.

BANCHE: è giusto risarcire chi ha perso i propri capitali (ma come?), in merito alla vicenda delle banche salvate dal decreto.

JOBS ACT: il tasso di disoccupazione è sceso al 13,2% “Un ragazzo mi è venuto incontro ringraziandomi perché, grazie a quest’iniziativa, ha trovato lavoro” annuncia (vorremmo conoscerlo questo fenomeno).

 UNIONI CIVILI: Il Governo si esprimerà liberamente nel 2016 sull’argomento

LEGGE DI STABILITA’: “L’Europa cresce meno perché ha scelto una politica economica sbagliata, bisogna investire. A parte i dati statistici, il Paese crescerà solo quando si vedranno gli italiani fare acquisti”

AMBIENTE: L’Italia ha ridotto le emissioni negli ultimi 25 anni, ma non tutti i paesi lo hanno fatto

PENSIONI: “Non credo possiamo parlare di pensioni d’oro quando si prende una somma mensile al netto di 2000/3000 euro. Tuttavia, se ci saranno interventi da fare, sarà fatto”

ELEZIONI: non ci saranno rinvii per le amministrative e non ci saranno rimpasti. Ci saranno le primarie, anche a Napoli, forse il 6 marzo

RIFORMA ISTITUZIONALE: “Se perdo il referendum istituzionale, considero fallita la mia esperienza in politica”. E’ infatti ad ottobre che si potrà scoprire se i cittadini approvano  o no le riforme apportate dal Governo.

L’anno 2016 sarà l’anno dei valori. E ci auguriamo che quelli veri, siano davvero considerati tali. Buon anno a tutti.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen