NEWS

Andiamo aTeatro a cura di Marisa Pumpo Pica   AL TEATRO DIANA “STORIE DI CLAUDIA”   Da mercoledì 24 febbraio fino al 6 marzo, Claudia Gerini in:...
continua...
Parlanno ’e poesia.3   di Romano Rizzo    Non so se vi siete mai chiesto quali sono i motivi che inducono a preferire una poesia ad un’altra, un poeta...
continua...
IN VIAGGIO CON UN RAGAZZO NIGERIANO   di Luigi Rezzuti   Era un ragazzo di sedici anni, lo sguardo vispo, un sorriso sempre stampato sul volto. La...
continua...
La scatola di latta   di Bernardina Moriconi   Guardavo stamattina una scatola di latta che, fino ad ieri, conteneva biscotti e ora è in attesa di...
continua...
Laura L.C. Allori, Per Amore e per (Il Nido del Gheppio edizioni)   di Nicola Garofano   Finalmente esce, con l’edizione indipendente “Il Nido del...
continua...
Medicina ieri e oggi   di Luigi Rezzuti   Ogni volta che per televisione passava la pubblicità del “Già fatta? Pic indolor, l’ago niente male”, che...
continua...
Cara  Matera,  ti  scrivo…..               di  Mariacarla Rubinacci   Sono arrivata una mattina di sole, ho bussato alla tua porta, ricordi?, e tu...
continua...
Abolizione delle monete da 1 e 2 centesimi di euro   di Luigi Rezzuti   Qualche anno fa, avemmo modo di denunciare lo spreco di danaro da parte...
continua...
SERGIO ZAZZERA, Broccolincollina. Fatti, figure e luoghi della collina vomerese (Napoli, Cuzzolin, 2016), pp. 200, €. 13,00.   recensione di Mimmo...
continua...
AL MUSEO DUCA DI MARTINA   (Febbraio 2017)
continua...

SI E’ CONCLUSO IL GIRONE D’ANDATA DEL CAMPIONATO DI CALCIO ITALIANO: RIFLESSIONI

 

di Luigi Rezzuti

 

 

Si è concluso il girone d’andata del campionato di calcio italiano 2015 – 2016 ed il Napoli si è classificato al primo posto con un distacco di due punti sulla seconda.

I tifosi sono senz’altro più che soddisfatti anche se non  riescono a dimenticare l’inizio del campionato quando il Napoli perdeva proprio alla prima giornata e per giunta contro una cosiddetta piccola, (Sassuolo-Napoli 3-2), poi tre pareggi 2-2 contro la Sampdoria, 1-1 contro l’Empoli e 0-0 contro il Carpi, intervallati da una clamorosa vittoria contro la Lazio per 5-0. Sembrava di rivedere l’ombra di Benitez e subito i “famosi” opinionisti che hanno sempre remato contro il Napoli dicevano che il nuovo allenatore per Natale Sarri … cettava. Finalmente la Sarri…band capì che bisognava cambiare e così iniziarono a giocare col modulo 4-3-3 e subito di fila arrivarono vittorie da non dimenticare, ad iniziare da quella, più “godereccia”, contro la Juventus per 2-1, poi contro il Milan (0-4), contro la-Fiorentina (2-1) ed i tifosi Saeei … creano. Con l’incontro Chievo-Napoli finito 0-1 si iniziò a sfatare anche il tabù che il Napoli contro le cosiddette squadre piccole o perdeva o al massimo pareggiava ed  avemmo la conferma con l’incontro Napoli-Palermo terminato 2-0. Poi, dopo tre giorni, l’incontro Genoa-Napoli terminato 0 a 0, ottima partita da ambo le parti ma c’è solo da recriminare un rigore a favore del Napoli  per un evidente fallo su Huguain, non concesso dall’arbitro Doveri di Roma. E’ già il terzo rigore non concesso al Napoli, sembra che il “Palazzo” voglia frenare il cammino del Napoli, forse perchè  inizia a dar fastidio alle cosiddette grandi, vedi Roma, Juve e Milan, ancora indietro in classifica, pur avendo avuto quattro rigori la Juve, uno il Milan e due la Roma.  Il sospetto nasce spontaneo: è mai possibile che non sia dato finora nessun rigore ad un attacco composto da Higuain, Mertens, Insigne, Callejon e Gabbiadini?. Intanto tra una partita di campionato ed un’altra, il Napoli si classificava al sedicesimi  di Europa League dopo il 5 – 0 sul Midjylland con un massiccio turnover,  infatti,  mancavano, tra gli altri, giocatori come Higuain, Albiol, Goulam e  Jorgigno. Arriva l’Udinese e, come le ciliegie, una tira l’altra, il Napoli vince anche questo incontro per 1 a 0 con gol di Higuain, che raggiunge quota duecento in carriera e, così il Napoli mette in cassaforte altri tre punti preziosi per la classifica.

Pausa campionato per gli incontri della Nazionale, Mister Conti convoca 28 giocatori tra cui soltanto Gabbiadini del Napoli dimenticando Insigne  e Jorgigno.  Ci dispiace per questi due calciatori che meritavano la convocazione, ma forse, egoisticamente, meglio così, avranno modo di riposarsi e riprendere le forze profuse in campionato fino a questo momento.  E’ chiaro, è evidente, come Conte sceglie i giocatori: Juve 6 calciatori, Milan 5, Sampdoria 3, Lazio 2, Fiorentina 1, Roma 1, Napoli 1 e così Sassuolo, Genoa, Torino. Insomma Conte non convoca giocatori delle squadre prime in classifica ( Fiorentina, Roma, Inter e Napoli) ma in gran numero solo quelli della Juve e del Milan. Dopo gli insoddisfacenti  incontri della Nazionale Italiana il primo, perso per 3 ad 1, seguito da un pareggio con il Belgio per 2 a 2, il Napoli si trasferirà a Verona in un ambiente sempre ostile, non tanto contro la squadra, ma contro i napoletani che, secondo i tifosi veronesi, dovrebbero lavarsi con la lava del Vesuvio.

Fino a fine anno restavano 5 partite di campionato e due di Europa League, quindi si giocava quasi ogni tre giorni, la prima contro il Verona con giocatori infortunati  come Gabbiadini e Mertens e giocatori stanchi perchè appena rientrati dalle loro Nazionali, come Kulibaly, Huguain, Ghoulam, Chirices, Hamsik,Hysaj, El Kaddouri, e Chalobah, ma anche per un evidentissimo catenaccio del Verona, che si accontentava di un pareggio. I calciatori del Napoli, contro il Verona, hanno giocato una partita perfetta vincendola per due gol a zero e momentaneamente, alle 14,30, il Napoli era primo in classifica ma dovevano ancora giocare la Fiorentina contro l’Empoli e L’Inter contro il Frosinone. Alla fine della giornata la Fiorentina pareggiava ma l’Inter vinceva e andava prima in classifica. Tre giorni dopo l’incontro di Europa League contro il Bruges ma era una partita di pura formalità in quanto il Napoli si era già aggiudicato il passaggio ai sedicesimi, comunque il Napoli vince ancora e conferma il primato.

Adesso l’incontro degli incontri tra due squadre che ambiscono allo scudetto.

Il Napoli scende in campo convinto dei propri mezzi ed interpreta la partita in modo perfetto  contro  l’Inter, surclassandola in tutte le zone dl campo. Sono trascorsi un minuto e sei secondi dal fischio d’inizio e Huguain spedisce la palla nell’angolo alla sinistra di Handanovic e tutti gli spettatori si alzano in piedi per applaudire. Gli azzurri sono padroni del campo con un possesso palla alla Barcellona. La svolta al diciassettesimo, Huguain raddoppia il vantaggio del Napoli e tutto il San Paolo, in ogni ordine di posti, applaude il pipita.

Poi, forse, è subentrato lo stress, la stanchezza e ci è sembrato vedere il Napoli soddisfatto del risultato e l’Inter ne profitta con Ljajic che, dal limite, mette la palla alle spalle di Reina. Il prezioso risultato porta il Napoli a quota 31 e quindi al primo posto in classifica. Adesso il Napoli non può nascondere le ambizioni di un nuovo scudetto tricolore ma la strada è ancora lunga, la partita contro il Bologna si è conclusa con una sconfitta per il Napoli per tre reti a due perché i giocatori  Sarri.. posano. Gli ultimi venti minuti contro l’Inter sono stati un campanello di allarme perché avevano evidenziato la stanchezza e lo stress del Napoli, cosa che si è confermata contro il Bologna, l’unica nota positiva i due gol di Huguain. Un altro incontro  dopo tre giorni per il Napoli contro il League  Varsavia, scende in campo una mista tra la prima e la seconda linea dei giocatori del Napoli che chiudono a punteggio pieno il girone di Europa League per 5 reti a due per poi affrontare, solo dopo tre giorni, al gran completo un incontro molto impegnativo contro la Roma che si è concluso con il risultato di 0 a 0 perché è stato evidente il catenaccio fatto dalla Roma. Intanto ci sono stati i sorteggi per la Champion League, andati male per le due italiane, la Juve contro il Bayern Monaco e la Roma contro il Real Madrid, mentre il sorteggio dell’Europa League è stato più clemente con le tre squadre italiane: Fiorentima – Totteham, Lazio – Galatasaray e Napoli – Villareal. Tre giorni dopo il Napoli incontra l’Ellas Verona in Coppa Italia e si qualifica per i quarti di finale vincendo per tre a zero, adesso dovrà incontrare l’Inter il 20 gennaio 2016. Ritorna il campionato e ancora, dopo tre giorni, l’incontro Atlanta – Napoli, terminato a favore del Napoli per 3 – 1. Una partita ostica da sempre, dove ci sono calciatori che in passato hanno militato nelle file del Calcio Napoli. Dopo la sosta natalizia, nel giorno dell’Epifania è ripreso il campionato con l’incontro Napoli Torino terminato 2 ad 1 per poi  concludersi,  il girone di andata, il 10/1/2016  con  Frosinone – Napoli terminato con cinque reti ad una, a favore del Napoli.

Succede, in Serie A, che chi si aggiudica il titolo di “Campione d’inverno” è quasi matematicamente vincitore dello scudetto. Quest’anno, però, è difficile fare pronostici perché le squadre che lottano per il traguardo finale sono tutte appaiate, l’una all’altra, con una minima differenza di punti. Il tifoso napoletano comunque spera, per maggio, di festeggiare lo scudetto che rappresenterebbe il massimo della felicità e prende in prestito la famosa frase del grande Nino Manfredi, di una lontanissima “Canzonissima” che diceva “Fusse che fusse la volta bona”. In questi pochi mesi Sarri ha saputo costruire una squadra di calcio intagliata a sua immagine e somiglianza. E’ riuscito a registrare la difesa, a incidere nel cuore e nella testa dei giocatori. Infatti Huguain è ritornato un campione completamente rinato, Hamsik, Jorgigno e Insigne giocano nel loro ruolo naturale, contrariamente alla passata stagione con Benitez. Sarri non ha trascurato un solo particolare mettendo al centro di tutto il lavoro e l’equilibrio in campo della squadra. Il tutto, adesso, dovrà essere avallato con buone scelte di calciatori al mercato di gennaio 2016 per rafforzare maggiormente la squadra.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen