NEWS

Estate a Vietri sul Mare   Lunedì 16 luglio: Guglielmo Gugliemi Academic Ensemble Contemporary Jazz Project Martedì 17 luglio: Cleopatra di...
continua...
Livia Carandente, Quanti figli hai? Quando l’attesa di un bebè dura più di nove mesi (Tau Editrice)   di Luciana Alboreto   A come Amore. Amore come...
continua...
LUNA ROSSA TORNA IN COPPA AMERICA   di Luigi Rezzuti   Alla 35a edizione dell’America’s Cup, disputatasi alle Bermuda, non gareggiò il team Luna...
continua...
Campionato di calcio di serie A, Stagione 2017/2018   di Luigi Rezzuti   Quasi tutti sanno degli stipendi percepiti dai calciatori, ma in pochi sanno...
continua...
GIANPIERO VENTURA, ALLENATORE DELLA NAZIONALE DI CALCIO ITALIANA   di Luigi Rezzuti   Gianpiero Ventura nasce il 14 gennaio del 1948 a...
continua...
“SPUTAZZE” E “LIR’ÂRGIENTO”   di Sergio Zazzera   Per la seconda volta, la cittadina di Ercolano ha perso l’occasione di essere proclamata “Capitale...
continua...
LA PRIMAVERA  E’ ALLE PORTE   di Luigi Rezzuti   Se qualcuno ci chiede “Quando inizia la primavera” siamo abituati a rispondere il 21 marzo, ma non...
continua...
SALUTE Frutta di primavera   di Luigi Rezzuti   In primavera arriva la frutta “golosa”, quella che piace proprio a tutti, dai grandi ai bambini e...
continua...
Parlanno ’e Poesia 9 Ferdinando Russo   di Romano Rizzo   Conoscere alcuni aneddoti sulla vita di un grande della poesia napoletana può...
continua...
E’ ARRIVATA LA PRIMAVERA   di Luigi Rezzuti   La primavera ha inizio il 21 marzo per finire il 21 giugno. Dopo il maltempo arriva la nuova stagione....
continua...

IL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA E’ RESUSCITATO

 

di Luigi Rezzuti

 

Dopo anni di silenzio si ritorna a parlare di una delle più discusse infrastrutture in Italia.

L’opera è stata per anni un cavallo di battaglia di Silvio Berlusconi ma sempre naufragata.

La Camera dei Deputati ha approvato una mozione del Nuovo Centrodestra che prende in considerazione la realizzazione del ponte sullo stretto di Messina,

Lo stretto di Messina separa la Sicilia dalla penisola attraverso una strisca larga poco più di tre chilometri.

Il progetto è stato oggetto di numerose critiche, he hanno contribuito a congelare la realizzazione effettiva dell’opera.

L’area dello stretto di Messina è fortemente sismica e le città di Messina e di Reggio Calabria sono state pesantemente danneggiate dal terremoto del 1783 e da quello del 1908.

In molti, a partire dal geologo Mario Tozzi, pensano che costruire un ponte, che oltre tutto sarebbe il ponte a campata unica, più lungo al mondo, in questa zona, potrebbe essere molto  rischioso.

Ci sono, poi, critiche tecniche al progetto che, come è stato detto, costituirebbe un record sotto diversi punti di vista e sarebbe, dunque, una struttura estrema.

Un ponte di quella lunghezza,  a campata unica, che si regge su due soli pilastri, è, infatti, più sensibile a possibili danni, tanto più in una zona sismica e soggetta a venti molto forti. Per tutti questi motivi, l’opera è considerata molto rischiosa.

Oltre tutto costruire pilastri, poggiati sul fondale marino, è anche questa una procedura molto complessa in un’area soggetta a correnti marine particolarmente forti.

C’è poi il timore, manifestato negli anni da diversi esponenti politici e dalla commissione antimafia, di infiltrazioni da parte della criminalità organizzata nella realizzazione dell’opera. Tale timore va ad aggiungersi ai problemi di tipo economico, dal momento che l’opera avrebbe un costo potenziale estremamente elevato.

A tal proposito è stato intervistato il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi che ha dichiarato : “ Ora, prima di discutere del Ponte, sistemiamo l’acqua, i depuratori e le bonifiche, investiamo due miliardi nei prossimi cinque anni in Sicilia per le strade e le ferrovie. E poi faremo anche il Ponte, che diventerà un altro bellissimo simbolo dell’Italia, portando l’alta velocità finalmente anche in Sicilia”

Ora che il dado è tratto, ora che la  realizzazione del Ponte sullo stretto è stata ufficialmente promessa da Renzi, bisogna capire quanto dureranno i lavori, quanto costeranno e se saranno effettivamente realizzati.

Noi pensiamo che, alla fine, la questione sarà archiviata ancora una volta e il Ponte sullo stretto di Messina tornerà nel silenzio a cui naturalmente è destinato, dopo essere costato non si sa più quali enormi quantità di denaro pubblico solo per la progettazione.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen