NEWS

Calciomercato invernale 2016   di Luigi Rezzuti   Si è concluso, da appena un mese, il girone di andata del campionato italiano di calcio ed è subito...
continua...
Un uomo pigro   di Luigi Rezzuti   Sono stanco, tanto stanco, sono stanco di essere stanco, non amo passeggiare, non amo fare shopping, mi annoio...
continua...
Miti napoletani di oggi.45 LA “NASCITA” DELLA CAMORRA   di Sergio Zazzera   I Romani erano specialisti abilissimi nel confezionamento di “miti di...
continua...
UN’ESCURSIONE SUL VESUVIO   di Luigi Rezzuti   Fin da bambino mi ha intrigato questa montagna che fa da sfondo al golfo di Napoli. Ricordo che, da...
continua...
“SWINGING”: ENZA MONETTI AL PAN   di Sergio Zazzera   In principio era l’albero. Che sia quello “della conoscenza del bene e del male” della...
continua...
L'ARTICOLO 21 DELLA COSTITUZIONE     (Marzo 2019)
continua...
TEATRO BOLIVAR - start up stagione 2016/2017   DUETTI 200 grammi di teatro a sera direzione artistica Ettore Nigro e David Jentgens   29|30...
continua...
TOTONNO ’E  QUAGLIARELLE   di Luigi Rezzuti   Totonno ’e quagliarelle era un personaggio di altri tempi, un uomo tutto di un pezzo, un napoletano...
continua...
SEGNALIBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Le stagioni di una vita di Emilia Menini e Guido Parmegiani Cosmopolis Edizioni Napoli   Questo...
continua...
MAGGIO DEI MONUMENTI   di Luigi Rezzuti   La 24° edizione del “Maggio dei Monumenti” è partita il 28 aprile per terminare il 3 giugno...
continua...

PREFAZIONE

 

di Fausto Marseglia

 

Quando la poetessa Caterina De Simone mi ha chiesto di scrivere due righe di presentazione per il suo libro di poesie mi sono sentito lusingato per la stima riservatami e, al tempo stesso, pervaso dalla gioia di poter descrivere le emozioni che riescono a dare i suoi versi.

Leggere le sue liriche significa calarsi in una realtà d’altri tempi, immergersi in un’atmosfera dorata, quasi approdare ad un’isola felice di un mondo incantato, sopravvissuto alle contaminazioni ed all’imbarbarimento dell’epoca contemporanea.

La poetessa De Simone ha la capacità di vedere con gli occhi di un bimbo le cose semplici e genuine, che danno sapore alla vita, e riesce a conservare questa straordinaria peculiarità a dispetto dell’imperversante materialismo e dell’inarrestabile degrado sociale.

Le suggestioni evocate dalle sue poesie sono immagini di mamme piene d’amore, di candidi bimbi intenti a giocare, di vetrine addobbate ad arte, di dolci abbandoni e di altrettanto dolci risvegli mattutini.

Non troviamo in lei l’ardore della passione o la forza esasperata del furore ma la dolcezza dell’animo nobile e delicato. Le sue poesie non hanno colori violenti ma sanno di tinte pastello.

In un mondo in cui tutto si muove a ritmi tanto veloci da travolgerci e non farci assaporare le gioie della vita, fermarsi un attimo per riscoprire e vivere le cose semplici ed autentiche e poterle apprezzare e gustare, significa quasi rinascere.

Il grande merito della De Simone sta proprio in questo. Con la dolcezza dei suoi versi riesce ad indicarci un’area di sosta nel viaggio furibondo della nostra esistenza. Ci fa “fermare”, ci fa stupire, ci fa rilassare, ci fa godere la semplicità, ci fa sognare la pace, ci indica l’alternativa alla corsa dissennata dell’uomo contemporaneo, abbacinato dall’arrivismo e dal protagonismo. Con lei si diventa bambini, capaci di vedere in positivo ogni cosa.

Virtù? Dono? Inventiva? Finzione? Affettazione? Niente di tutto questo! Solo la sua naturale anima di bambina, che è rimasta inalterata nel tempo e che riesce ancora a stupirsi di fronte alle bellezze del creato ed a cantarne le lodi.

Ed il lettore non può fare a meno di coinvolgersi in questo mondo e di provare le stesse emozioni che Caterina riesce a trasfondere nella poesia.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen