NEWS

Ma a me, lei ci pensa ancora?   di Luigi Rezzuti   Francesco aveva quindici anni. Erano gli anni dei primi innamoramenti, amori teneri di un ragazzo...
continua...
IL CAMPIONATO DEL NAPOLI   dI Luigi Rezzuti   Del tradimento di Gonzalo Higuain, che ha preferito passare alla Juve, la più acerrima nemica del Napoli...
continua...
Premio letterario “Trivio” 2016 - Cerimonia di premiazione al Pan di Napoli   di Marisa Pumpo Pica   La cerimonia di premiazione della prima...
continua...
Venghino signori, ecco il borgo dove le case si vendono ad un euro   di Luigi Rezzuti   Comprare una casa, o meglio un rudere, a 1 euro, da oggi, è...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Odio -Amore e nel mezzo Trump Non è vero che l’incredibile Trump rischi il linciaggio politico globalizzato, ma  i...
continua...
Miti napoletani di oggi.68 L’attesa del mezzo di trasporto   di Sergio Zazzera   La scena si ripete tutti i giorni, anche più volte nella stessa...
continua...
CORI RAZZISTI IN TUTTI GLI STADI   di Luigi Rezzuti    E’ da quando Aurelio De Laurentiis, acquistò il titolo del fallimento del calcio Napoli, che...
continua...
Villa Patrizi e S. Stefano   di Antonio La Gala   Fra le due aree collinari contigue, di Posillipo e del Vomero, possiamo individuare una zona di...
continua...
Parlanno ’e poesia.3   di Romano Rizzo    Non so se vi siete mai chiesto quali sono i motivi che inducono a preferire una poesia ad un’altra, un poeta...
continua...
Miti napoletani di oggi.66 L’EDITORE   di Sergio Zazzera   L’Enciclopedia Treccani definisce “editore” «chi esercita l’industria della produzione e...
continua...

Spigolature

 

di Luciano Scateni

 

Diritti negati


Corrado Augias, prestigioso giornalista e scrittore non credente, coltiva l’interesse per la religione con puntuale attenzione e competenza. Augias, da anni, è anche titolare della rubrica “Lettere” del quotidiano la Repubblica, spazio di intelligente e saggio dialogo che propone spesso riflessioni acute su argomenti, a volte “scabrosi”. Nel giorno del Family day che raduna a Roma i sostenitori di un unico modello di famiglia, padre-madre-figli, un lettore, evidentemente critico su questo assunto, si chiede perché mai un cristiano dovrebbe opporsi alla legge che riconosce i diritti delle coppie di  omosessuali e alla possibilità che adottino uno o più figli. Per smontare il “dogma” della famiglia tradizionale, che anche il “rivoluzionario” Papa Francesco si affanna a ritenere il modello di convivenza uomo-donna voluto dal Padre Eterno, il lettore  ricorda che la religione cattolica attribuisce alla Madonna il concepimento di Gesù in condizione di verginità e il dato incontrovertibile di Giuseppe, che accetta di “adottare” un figlio non suo. La considerazione si può sovrapporre alla incomprensibile scelta divina di mettere al mondo Adamo ed Eva e nessun altro essere umano di sesso femminile. In pratica di autorizzare rapporti incestuosi tra Eva e i figli per la continuazione  della specie. I due “casi”, commenta Augias, mettono in discussione l’attendibilità delle sacre scritture. La Chiesa difende ogni contraddizione, esibendo il toccasana della fede. Da decifrare è il passo del gambero della Chiesa che, fino a un paio di anni fa, affrontava il tema dell’omosessualità delle coppie gay con aperture illuminate per il riconoscimento del diritto a sposarsi e ad adottare bambini. La retromarcia tende a coprire la pressione impropria, ma storica, dei partiti che si riconoscono nel fondamentalismo cattolico, inclusa la componente ex Dc, inglobata nel partito democratico?  In risposta all’assembramento romano del Family Day, favorito dal tour di millecinquecento pullman, organizzati da parrocchie e vescovati, si mobilitano gli hacker di Anonymous che svolgono,  via internet, la funzione di  censura antagonista e, dopo aver violato il sito degli oppositori della legge Cirinnà, lo hanno invaso con la scritta “Stop omophobia, love is love”. Si associa, a distanza, il colosso dell’Ikea con lo slogan “Un bacio. Per fare una famiglia non servono le istruzioni” 

(Nella foto Corrado Augias)

 

Dal comunismo alla destra omofoba e antieuropeista

E’ plausibile che alle spalle del successo elettorale della destra anti europeista della Polonia vi sia la lontana svolta moderata, che portò l’elettricista Lech Walesa a fondare e guidare il sindacato Solidarnoisc, sostenuto politicamente e finanziariamente dagli Stati Uniti,  interessati a introdurre un cuneo liberista e filo americano nel traballante impero sovietico. L’elezione dell’ex operaio alla guida del Paese ha preceduto la successiva sintonia con il papato e il netto distacco dalla grande madre Russia. Di più, è intervenuta  l’assegnazione  a Walesa del premio Nobel per la pace. Tutto in funzione dell’evasione definitiva dall’ideologia comunista e di un’indipendenza che ha anticipato l’affermazione plebiscitaria della destra. La scomparsa  progressiva della sinistra polacca è confermata dal recente esito elettorale: nessun partito di quell’area entra in Parlamento. Jaros Kaczynski, gemello del successore di Walesa, leader del partito ostile alla comunità europea e nemico giurato dell’emigrazione, ha vinto le elezioni con percentuali “bulgare” e indicato (con riserva, perché potrebbe optare per un suo incarico) in Beata Szydlo la futura premier, che potrà governare senza bisogno di stringere alleanze. Il successo di xenofobi e indipendentisti dall’eurozona apre scenari preoccupanti - per esempio quello di una probabile emulazione della chiusura ungherese all’esodo dei migranti decisa da Orban - e si pone all’ attenzione preoccupata di Bruxelles. A rischio, pensano i progressisti polacchi, è la stessa democrazia e lo conferma il direttore dell’  autorevole quotidiano Gazeta Wyborcza.  La comunità europea è sul chi vive e osserva, con legittimo timore, la tendenza a inseguire nazionalismi, gli episodi di secessione che in poco tempo si sono affermati in Catalogna e in Svizzera, ora in Polonia. Sullo sfondo c’è poi la riflessione amara su Paesi, appunto, come la Polonia, che ricevono aiuti finanziari (anche italiani) e subito dopo si defilano dall’appartenenza al blocco politico che li ha sostenuti per aiutare l’uscita da crisi profonde e serie difficoltà di crescita.  

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen