NEWS

Pensieri ad alta voce di Marisa Pumpo Pica   Un Natale diverso   Lo vorremmo per tutti. Lo vorremmo per i barboni, costretti troppo spesso a finire...
continua...
Le lettere di Sua Maestà   di Antonio La Gala   La corrispondenza che Ferdinando I Borbone  indirizzava alla seconda moglie, Lucia Migliaccio,...
continua...
OPERAZIONE SAN GENNARO   di Sergio Zazzera     Non è del film di Dino Risi che intendo occuparmi, bensì della recente vicenda del decreto del...
continua...
UN’ESCURSIONE SUL VESUVIO   di Luigi Rezzuti   Fin da bambino mi ha intrigato questa montagna che fa da sfondo al golfo di Napoli. Ricordo che, da...
continua...
Genny Esposito l’americano   di Alfredo Imperatore   Nel 1920, Genny Esposito, era venuto dall’America in Italia con un grosso conto in banca, portava...
continua...
Miti napoletani contemporanei.65 “SUPER-NAPOLI”   di Sergio Zazzera   Qualche tempo fa ho parlato del “mito-Napoli”; come se non bastasse, ora il...
continua...
BARCHE E ARTE   di Sergio Zazzera   Una premessa, un tantino articolata, ritengo necessaria: non sono un “tifoso” della Lega e non sono neppure un...
continua...
“L’ULTIMO SCUGNIZZO”   di Luigi Rezzuti   “L’ultimo scugnizzo” è una commedia in tre atti, rappresentata da Viviani per la prima volta nel 1932 al...
continua...
Luca Postiglione. La vita come un sogno dorato   di Antonio La Gala   Luca Postiglione (1876-1936) fu un artista - pittore e poeta - attivo nei...
continua...
Andiamo aTeatro a cura di Marisa Pumpo Pica   AL TEATRO DIANA “STORIE DI CLAUDIA”   Da mercoledì 24 febbraio fino al 6 marzo, Claudia Gerini in:...
continua...

Parlanno ’e poesia.3

 

di Romano Rizzo

 

 Non so se vi siete mai chiesto quali sono i motivi che inducono a preferire una poesia ad un’altra, un poeta ad un altro poeta. A parer mio, possono essere: la musicalità dei versi, l’argomento trattato, l’espressività dei termini usati, la proprietà di linguaggio, l’originalità e/o novità della tematica, il ricorso a termini. non più in uso, che incuriosisce o, al contrario, la estrema semplicità, che conferisce all’opera un senso di maggiore spontaneità e scorrevolezza.

Queste ed altre ancora possono essere le motivazioni che hanno mosso le vostre scelte, ma, se indagate un po’ più a fondo, scoprirete che, in buona sostanza, la vera ragione della vostra preferenza è dettata dalla capacità dell’autore di raggiungere il vostro animo e di farvi provare le emozioni e i sentimenti che hanno ispirato la sua opera.

In sintesi, la sua maggiore o minore capacità di esprimere e trasmettere i propri sentimenti.

In quanto finora detto è racchiuso l’annoso problema del ruolo e dell’importanza della forma e della sostanza.

Semplificando, possiamo affermare che le tecniche espositive a cui in precedenza abbiamo fatto cenno, attengono precipuamente alla forma.

Per contenuto o sostanza  si deve intendere la capacità di rappresentare efficacemente e riuscire a trasmettere i propri sentimenti e le proprie emozioni a chi legge, così che le senta come sue. È facilmente intuibile che la bontà di un’opera o la bravura di un poeta  discende essenzialmente dalla sostanza…anche se molto spesso la forma possa concorrere a rendere più gradevole e più facilmente apprezzabile una situazione o un  concetto.

Non è da trascurare, infine,  il peso che ha, nella scelta, il genere trattato che può essere: umoristico, drammatico, narrativo, descrittivo, nostalgico, intimistico, sociale, spirituale, moralistico, prosaico etc.

Non v’è dubbio che il genere dipenda dalle predilezioni personali di ognuno e che orienti, talora, in via primaria le scelte…ma un attento lettore dovrà anche ammettere, con schiettezza ed onestà, di aver molto apprezzato opere ed autori di un genere diverso da quello preferito, a condizione che si tratti di vere poesie e di veri poeti !!

Come esempi di poesie appartenenti a generi diversi, qui di seguito troverete una poesia di GENNARO ESPOSITO (poeta del sociale) ed una poesia di EDOARDO NICOLARDI (Maestro nel tratteggiare, analiticamente e con dovizia di particolari, una situazione o un personaggio),

 

*****************************************

’A frutta

di Gennaro Esposito

 

« Mammà, damme duje sorde che m’accatto

nu purtuallo, che è quase miezejuorno !»

E, pe’ ll’avè, facevemo stu patto :

cchiù sorde nun cercavo tutt’ ’o juorno.

 

Pe’ tanta gente erano brutti tiempe;

’a frutta era na cosa p’ ’o « signore »,

che s’ ’a magnava pure ’e contratiempe

e a nnuje restava sulamente ’addore.

 

È chella gente llà che mo se lagna

e tène ’e chilli tiempe nustalgìa…

Ma ’o munno, pe’ furtuna, avota e cagna

 

mo, tutt’ ’e juorne frutta  â casa mia,

a pranzo e a cena...facile se magna,

no, comm’a pprimma, sulo ’nfantasia !!

 

*****************************************

Parrucchiano

di Edoardo Nicolardi

 

Na vallata piccerella:

quatto case e ’o campanaro

cu nu muorzo ’e chiesiella.

Nu pacione ’e parrucchiano,

sciampagnone e cacciatore,

serve a Ddio c’ ’o fiasco mmano

Va p’ ’a quaglia e p’ ’a beccaccia;

ma se dà da fa’ ll’istesso

pure quanno è chiusa ’a caccia.

Sape ’o vino d’ogne fusto;

qua’ è cchiù tuosto, qua’ è cchiù asciutto,

chillo ’e forza e chillo ’e gusto.

 

Sape ’a tala massaria,

che fa asprinia, e sape chella,

che fa ’o ppoco ’e marvasìa.

Sazio sazio, ciuotto ciuotto,

torna â casa int’ ’a parrocchia

cu ’a butteglia ’e vino sotto..

Se ne veve quatto quatto

cu ’a curnacchia ncopp’ a ll’uocchie,

mpaccuttiello e suddisfatto.

Accumpare ncopp’ ’a scesa

cu ’e ddoje mane dint’ ’e ssacche..

e ’a suttana, che s’attesa,

che s’astregne dint’ ’e rine,

fa asci’ ’a sotto meza gamma

d’ ’e cazune a quadrettine..

 

O si fa nu funnarale

o si fa nu spusarizio,

chella faccia è sempe eguale

e si predeca o cunfessa,

chillu naso è sempe russo,

chella risa è sempe ’a stessa.

Quanno ha fatto assaje funzione

fino ’o ttarde d’ ’a jurnata,

sentenno arzo ’o cannarone,

stesso dint’ ’a sacrestia,

glò glò glò, c’ ’o fiasco mmocca

se fa n’ata avummaria,

Po’, s’addorme int’ ’a pultrona,

cu na mana ncopp’ ’o fiasco,

ll’ata appesa… E ’o runfo ’ntrona

Dorme..e ’o fiasco nun le scappa !

………………………………………….

’Nterra fùmmeca ’o ncenziero,

’ncapo fùmmeca ’a sciarappa !!

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen