NEWS

Nuovo Scempio. Quando lo sport diventa crimine   di Gabriella Pagnotta   Lo scontro avviene prima che i giocatori inizino a “giocare”: un uomo...
continua...
Ma da un presagio d'ali   All'Aleph, Roma, venerdì 7 aprile, alle ore 17.30,  presentazione del libro di Donatella Costantina Giancaspero Ma da un...
continua...
LA NUOVA SCUOLA   di Annamaria Riccio   O meglio, la scuola che vorremmo. Il titolo, che la dice tutta sulla surroga a quella attuale, cioè la Buona...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Spetta a Greta il Nobel per l’ambiente È noto soprattutto a chi teme per il futuro della Terra, messo in forse...
continua...
LARGO O PIAZZA?   di Antonio La Gala     Spesso nel leggere cose della Napoli antica ci imbattiamo in denominazioni stradali che ci lasciano...
continua...
Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Esilio II Stagione Mutaverso Teatro   Venerdì, 17 marzo, all’Auditorium del Centro Sociale di...
continua...
Cara  Matera,  ti  scrivo…..               di  Mariacarla Rubinacci   Sono arrivata una mattina di sole, ho bussato alla tua porta, ricordi?, e tu...
continua...
Annella, un’anomalia del Seicento.   di Antonio La Gala   Un tratto dell’antica “via per colles”, che in epoca romana congiungeva l’area flegrea con...
continua...
OEDIPUS     Fisciano, mercoledì 8, ore 15,00, Università degli studi di Salerno, Incontri tra letteratura e matematica presso il Dipartimento di...
continua...
Miti napoletani di oggi.59 LE INAUGURAZIONI   di Sergio Zazzera   28 marzo 2011: al Vomero, in località Cacciottoli, si svolge, con grande...
continua...

LE DONNE PARLANO

di Mariacarla Rubinacci

 

Quando i maschietti si incontrano, di pragmatica, al bar davanti a un buon caffè con il gomito appoggiato sul bancone, parlano di calcio, commentano l’ultimo partita, difendono il rigore che ha sancito l’esito della gara, si animano e poi amichevolmente si salutano, contenti di essersi confrontati.

Le femminucce, invece, sedute davanti a un analcolico, sgranocchiando il salatino sempre tentatore che va ad insidiare la dieta, sbirciando le scarpe di una cliente per rimproverarsi di non possederle ancora, si confrontano, ponendosi delle domande alle quali ognuna dà la risposta più adeguata per poi essere tutte d’accordo.

Giorni fa, mentre anch’io stavo sorseggiando il primo frullato di frutta della bella stagione in compagnia di tre amiche, sono stata apostrofata dalla domanda di Luisa:

“Che cosa ti dà veramente fastidio?”

Sulle ginocchia avevo un settimanale al femminile, comprato per cercare fra le pagine qualche idea nuova che mi aiutasse ad accogliere con gioia il primo caldo stagionale. Lo stavo sfogliando e al volo ho risposto: “Guarda questa modella, l’hanno fotografata con le gambe aperte, un’altra ha la bocca aperta, e dalla bocca si intravede persino la lingua. E’ una progressione che ha un solo nome: “provocazione” che si traduce in “sexy”. Queste interpretazioni delle donne espresse dal fotografo mi infastidiscono.”

Ne abbiamo parlato, facendo uscire i nostri umori. Stefania ha sottolineato situazioni (lei sottomessa, passiva, quasi schiava), Chiara faceva notare atteggiamenti (lei sempre preda, sempre…hot, sempre ammiccante, sottolineando anche posizioni (gambe aperte, seno velato, natica …). Malgrado fossimo tutte attente a sembrare disinvolte, sufficientemente tolleranti, comunque disponibili ad essere oggettive, tutte abbiamo espresso un…chiamiamolo disagio. Abbiamo condiviso che la maggior parte delle immagini che ci circondano, non ci corrispondono. Non ci piacciono.

Un’ interpretazione simile della donna in genere, che cosa inculca  alle nostre figlie? Forse, per far sfogliare il curriculum mandato con speranza, sarebbe meglio corredarlo di una foto in top? La bella presenza diventa più importante della competenza.

L’invasione degli ultracorpi: glutei antigravità, labbra pneumatiche diventano forse i mezzi per cercare di accalappiare l’uomo del proprio futuro, con cui fare famiglia (se ancora ci si crede)?

E i cartelloni pubblicitari dove li mettiamo? Spaziano in forma gigante ammiccando un “spogliami” o un “mangiami” anche se sponsorizzano l’ultima auto metallizzata o il gelato che si scioglie tra le labbra aperte. E noi, da donne, ci vergognamo.

E il seno gonfiato delle starlette che sculettano in TV? Noi che andiamo a fare la spesa , che accompagnamo i figli a scuola, che lavoriamo davanti al computer che ci arrossa gli occhi, dobbiamo essere per forza sexy?

Noi donne parliamo di noi, di come ci sentiamo e di come progettiamo le vacanze, di come risparmiare per far uscire la paghetta dei figli, senza aver bisogno di sentirci trasgressive. Cerchiamo di curare l’ambizione di essere intelligenti, mature e perché no? gradevoli, senza necessariamente ambire ad essere una lapdancer.

Le donne parlano e sognano.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen