NEWS

A Cetara lo spettacolo “A Christmas Carol”   di Claudia Bonasi   A Cetara un cartellone di Natale all’insegna della tradizione, destinato a tutte le...
continua...
Miti napoletani di oggi.61 IL "DIVARIO TRA LE CLASSI SOCIALI"   di Sergio Zazzera     Mai come a Napoli si è fatto registrare in maniera tanto...
continua...
Villa Patrizi e S. Stefano   di Antonio La Gala   Fra le due aree collinari contigue, di Posillipo e del Vomero, possiamo individuare una zona di...
continua...
ATTUALITA' DEL PENSIERO CRITICO DI ROCCO MONTANO (Dicembre 2017)
continua...
TORNEO DI BOCCE AL LIDO CELESTE DI GIANOLA   Presso il Lido Celeste di Formia località Gianola si è svolto sabato 26 e domenica 27 agosto un...
continua...
Donne e Madonne   Al via la quarta edizione della Mostra Concorso "Mare Mota", che avrà per oggetto il tema intrigante "Donne e Madonne" e si terrà...
continua...
SVEGLIA! Edizioni Spartaco al Salone internazionale del libro di Torino Lingotto Fiere - Dal 18 al 22 maggio Stand J38   Intenso, corposo, amaro: è...
continua...
Maturità alle porte - Riflessioni di una studentessa   di Irene Del Gaudio   Sono una studentessa. Liceale, ancora per poco. Si avvicina...
continua...
    RESIDENZE BORBONICHE, Patrimonio dell’Umanità   APPELLO-PROPOSTA di candidatura per la lista UNESCO   Una grande campagna di...
continua...
Appuntamenti internazionali alla libreria Iocisto   di Annamaria Riccio   Un’estate di appuntamenti internazionali che vede un’intensa attività nel...
continua...

QUALI “PRIMARIE”?

 

di Sergio Zazzera

 


Le “primarie” del 6 marzo scorso, finalizzate alla designazione del candidato alla carica di sindaco di Napoli nella lista del P.D., hanno costituito l’ennesima manifestazione di un coacervo di superficialità, di disorganizzazione, di clima di sospetto, di faide interne, e chi più ne ha più ne metta. E si badi che questo discorso, per quanto mi riguarda, vale per tutte le “primarie”, “comunarie” e quant’altro, da qualsiasi formazione politica e per qualsiasi località esse siano indette; ma mi spiego.

Il meccanismo elettorale del Presidente degli U.S.A. impiega da decenni il sistema delle “primarie”, finalizzate alla scelta dei delegati di ciascuno Stato, i quali, a loro volta, eleggeranno il Presidente. Tale meccanismo è istituzionalizzato, mediante una disciplina normativa, il che consente di ottenere tutta una serie di risultati, dei quali i più importanti sono: a) il controllo dello svolgimento di tutte le operazioni da parte dello Stato; b) la sicurezza che a votare siano soltanto i titolari del diritto di elettorato attivo.

In Italia, viceversa, l’assenza di una normativa che istituzionalizzi le “primarie” ha per conseguenza il fatto che ciascuno si regola come crede. C’è, infatti, chi ripudia un sistema di tal genere, il che costituisce una scelta, benché non da tutti ritenuta accettabile. C’è, poi, chi si affida al web, privandosi, per tal modo, della possibilità di controllare l’identità di chi esprime il proprio voto e, per di più, privando della possibilità di espressione del voto quanti siano digiuni del mezzo informatico ovvero “allergici” allo stesso. C’è, infine, chi mette in piedi un sistema, peraltro anche diverso da città a città, di raccolta del voto senza una preventiva compilazione di liste degli elettori (i quali, perciò, possono votare in più seggi, senza alcun controllo), senza la vigilanza della pubblica autorità – della quale, poi, l’eletto dovrà far parte – e, magari, anche con la pretesa che si corrisponda un “contributo”, foss’anche modesto, per esercitare quello che, in realtà, è un vero e proprio diritto.

Questa, dunque, è la ragione per la quale non ho mai votato, né mai voterò, in una competizione di elezioni “primarie”, almeno fino a quando non interverrà una legge a istituzionalizzarle e disciplinarle. Il che equivale a manifestare la mia rassegnazione; tanto, so perfettamente che una legge del genere, in Italia, non sarà mai emanata, perché sarebbe troppo scomoda.

(Marzo 2016)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen