NEWS

Miti napoletani di oggi.59 LE INAUGURAZIONI   di Sergio Zazzera   28 marzo 2011: al Vomero, in località Cacciottoli, si svolge, con grande...
continua...
Paolo Ricci: falce e pennello   di Antonio La Gala     Una figura di rilievo nel panorama culturale della Napoli del Novecento è stato Paolo Ricci...
continua...
Campionato di calcio di serie A, Stagione 2017/2018   di Luigi Rezzuti   Quasi tutti sanno degli stipendi percepiti dai calciatori, ma in pochi sanno...
continua...
Come fu creata Eva   di Luigi Rezzuti     Fu tutta colpa della depressione di Adamo, il quale, non essendo contento di trovarsi nel Paradiso...
continua...
SPIGOLATURE   di Luciano Scateni    Stupri? Colpa delle donne, dice Chrissie Un’ipotesi possibile nasce dalla biografia di tale Chrissie Hynde,...
continua...
Cara  Matera,  ti  scrivo…..               di  Mariacarla Rubinacci   Sono arrivata una mattina di sole, ho bussato alla tua porta, ricordi?, e tu...
continua...
Cambiare oggi il futuro   di Mariacarla Rubinacci   Il compagno della vita non c’è più. Nulla sarà come prima. Devo affrontare il futuro. Devo...
continua...
Presentazione libro Riceviamo e volentieri pubblichiamo Salotto Cerino   Giovedì 4 aprile, alle ore 18, nella Sala Sannazaro, Via Mergellina, 9/B...
continua...
Riceviamo e pubblichiamo   L’ Associazione lucana “Giustino Fortunato” è lieta di comunicare che, in occasione della collocazione del proprio...
continua...
IL CALCIO E’ CORROTTO E MALATO   di Luigi Rezzuti   Purtroppo il calcio, il più bel gioco mondiale, seguito dalla maggior parte delle persone, è...
continua...

Parlanno ’e poesia 5

 

di Romano Rizzo

 

EPIFANIO ROSSETTI è stato, senza dubbio, una delle figure preminenti della poesia napoletana post-digiacomiana.

Ma è pure uno dei pochissimi che può vantare un fratello, come lui poeta e paroliere. Stranamente, però, mentre Epifanio viene ricordato  come poeta, il fratello Gino viene ricordato più per l’amore per il teatro e per le canzoni che per l’opera poetica.

Epifanio nacque il 14 Ottobre del 1897. Amante della poesia, fece parte, dapprima dell’Agape dei poeti di Ruocco e, successivamente, dei poeti dello Sciaraballo di Ettore  de Mura.

Raccolse, nel suo primo libro, dal titolo “Poesie”, edito nel 1929, le liriche già pubblicate in vari giornali ed in particolare nel Roma della domenica. Questo suo primo lavoro dedicò alla moglie “ Sara, compagna della vita”. In seguito, pubblicò altri due volumi di poesia:  “Fantasia” e “Aria d’autunno”, che svelarono a pieno, come dice Giovanni Sarno, “la tenera sentimentalità, la grande forza espressiva e la scorrevolezza del linguaggio.” “Aria d’autunno” fu pubblicato a cura dei familiari, dopo la sua morte, avvenuta nel 1949, in seguito ad un investimento da parte di una bicicletta. Ad Ettore de Mura va, infine, il merito di aver riproposto, nel 1971, le liriche di questo poeta nel volume “Voce che resta” per la BIDERI e di averci mostrato un’altra grande passione che il Rossetti aveva coltivato per l’arte in genere ed in particolare per la pittura. Il Rossetti, infatti, assiduo frequentatore di tutte le mostre d’arte, fu amico e mecenate di diversi pittori e, pur non disponendo di grandi risorse, acquistò quadri di Casciaro, De Vanna, Crisconio, Cascella, Capaldo, Striccoli, Francesco Galante ed altri, mettendo insieme una più che valida collezione che, di recente, è stata proposta da un’importante galleria come Collezione Rossetti. Prese parte alla seconda guerra mondiale e, dal fronte, inviò all’ adorata moglie la seguente quartina che, in velina, è allegata al volume Aria d’autunno, in mio possesso ed è stata ripresa come dedica dal de Mura  in Voce che resta : “ ‘O bene / Spisso, ll’ommo maje sazzio ‘e sentimente / cerca affannanno chello che già tene / trascuranno a chi nun brama niente / però lle sta vicino e lle vò bene.” Il de Mura, che amò molto il Rossetti, racconta anche che, quando si recava da lui, ammirava e discuteva con competenza e passione dei quadri che aveva in casa,  ma accarezzava con lo sguardo i suoi libri con la signorile discrezione che era un tratto dominante della sua personalità.

Il de Mura lamentava, inoltre, che siffatta signorilità e discrezione erano doti molto rare ai suoi tempi. Mi chiedo che cosa avrebbe mai potuto dire se fosse vissuto adesso !!!

 

 Tramonto a San Martino

di Epifanio Rossetti

 

Che pace ’e munasterio:

che pace, a st’ora, ncoppa  San Martino!

Bella e serena Napule

pare comme durmesse a suonno chino.

 

Uttombre. ’E ffronne càdeno

da st’albere ’e vicino ô parapetto.
Tramonta ’o sole. St’aria,

frizzante e doce fa sentì frischetto.

 

Albere e ccase luceno

da ’e cchiù luntane a cchelle cchiù vicine:

sti ccase ca s’ammassano

e ca tutt’uno so’: case e ciardine.

 

D’oro veco na cupola

addò nu raggio ’e sole s’è pusato.

’O campanaro ’o Carmene,

da ccà, pare cchiù bbello e cchiù sfusato !

 

Giallo sfumato, ’e nnuvole,

ca ogne mumento cagnano culore,

a mmare se rispecchiano.

Lento, ’int’ ’o puorto trase nu vapore.

 

Spiecchie appicciate pareno

’e llastre d’ ’e ffeneste ’e faccefronte.

Viola se fa ’o Vesuvio

rosa tutt’ ’a cullina ’e Capemonte!

 

E st’uocchie mieje se ’ncantano,

e guardano luntano, cchiù luntano;

Resina, ’a Torre, Puortece,

pare comm’ ’e pigliasse cu na mano.

 

’Ncielo, tutto n’incendio;

tutta na fiamma rossa comm’ ’o ffuoco!

Arret’ ’o Monte ’e Proceta,

’o sole piglia suonno a ppoco a ppoco.

 

Ll ’inzieme ’e stu scenario
è accussì bello ca nun pare overo!

Sta pace, stu silenzio,

comme sanno appacià core e penziero!

 

P’ ’e ccase già se vedono

’e lume comm’ a ttanta llampetelle.

Già scura è ll’aria, tremmano

p’ ’o cielo cennerino ’e pprimme stelle.

 

Ah, che sarrìa si st’attimo

se putesse fermà! Che fantasia!

Veco, p’ ’o scuro ’e st’albere,

ll’ombra ’e chi ancora è tutt’ ’a vita mia!!

(Maggio 2016)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen