NEWS

Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   “Two”, una coppia alle prese con dinamiche da bar Alla Sala Pasolini di Salerno nell’ambito della...
continua...
The Starfish   di Nicola Garofano    “Con la testa nel delta del Mississipi, ma con i piedi ben piantati alle falde del Vesuvio”. Da questo motto...
continua...
Caccia al tesoro   di Luigi Rezzuti   A chi non è mai capitato di non ricordare dove si è conservato un oggetto a cui si è particolarmente...
continua...
DON ANTONIO CAFIERO   di Luigi Rezzuti     Don Antonio Cafiero era nato e vissuto nei Vergini, un quartiere di Napoli. Amava Napoli e il Napoli. Era...
continua...
Andiamo a teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Rassegna Atelier - Domenica 8 gennaio al Nuovo di Salerno - Piaf: black without wings Secondo...
continua...
Gli studenti ignoranti   di Annamaria Riccio   Una lettera, firmata da 600 docenti universitari e indirizzata al governo, ha suscitato non poco...
continua...
CAMPIONATO DI CALCIO DI SERIE A   di Luigi Rezzuti   Ormai siamo all’ultimo giro di boa del campionato di calcio di serie A. La Juventus ha già vinto...
continua...
Buongiorno mezzanotte, torno a casa   Il tempo del vino e delle rose - Caffè letterario - piazza Dante 44/45, Napoli - Info 081 014 5940 Mercoledì 18...
continua...
  Miti napoletani di oggi. 55 IL NUOVO SIMBOLISMO NATALIZIO   di Sergio Zazzera   Sono molte, al mondo, le città che anelano a “toccare il cielo”:...
continua...
Miti napoletani di oggi.64 LA “CITTA' IMPERMEABILE”   di Sergio Zazzera   Walter Benjamin elaborò per Napoli la definizione di «città porosa», nel...
continua...

LA JUVE VINCE LO SCUDETTO

IL NAPOLI VINCE LO SCUDETTO DELL’ONESTA’

 

di Luigi Rezzuti

 


Pensavamo che calciopoli fosse davvero finita, invece sotto sotto continuava   indisturbato e nessuno sembrava accorgersene.

I primi segnali: qualcosa non stava andando secondo i piani prestabiliti.

Il Napoli iniziava a dare fastidio e preoccupazione, non era gradito il fiato sul collo ai giocatori della Juve.

E pensare che l’avevano voluto proprio loro, quelli che comandano, che le cose andassero in un certo modo stilando il calendario 2015 – 2016, che faceva giocare il Napoli sempre dopo la Juve e per giunta in orari scomodi  (vedi la domenica alle 12,30), ma avevano sbagliato tutto, avevano sottovalutato lo strepitoso campionato del Napoli e allora ecco una sfilza di errori arbitrali, guarda caso, tutti a favore della Juve.

Nessuno sospettava che gli arbitri volessero avvantaggiare la Juve, sembravano tutti errori commessi in buona fede ed invece scoppiava lo “scandalo”.

Bisognava a tutti i costi fermare il Napoli, bisognava fermare Higuain il capocannoniere del campionato, ed ecco la “vergogna” felicemente premeditata e favorevolmente accolta da chi muove i fili di un calcio malato. I fili della Juve chi li tocca muore...

La vicenda è nota: durante la partita Udinese-Napoli l’arbitro Irrati espelleva Huguain, ammoniva l’allenatore Sarri, Mertens e Koulibaly.

Quattro giornate di squalifica ad Higuain, una a Sarri, Mettens e Koulibaly  per proteste nei confronti dell’arbitro ( proteste più che giuste).

Il Napoli, ritenendo più che ingiusta la squalifica presentava subito  il ricorso tramite l’avvocato della società Calcio Napoli,  la squalifica  è stata ridotta di una sola giornata, deludendo le aspettative di quanti pensavano ad una riduzione di due giornate.

Durante tutto il campionato le magagne, le prepotenze, le arroganze dei giocatori della Juve nei confronti dell’arbitro non venivano mai sanzionate, non venivano mai viste e addirittura la testata di Bonucci (giocatore della Juve) nei confronti dell’arbitro Rizzoli veniva totalmente ignorata nonostante le immagini televisive, in contrasto con Rizzoli, che dichiarava che il giocatore non gli aveva mai dato alcuna testata ed aggiungeva : “Sono stato io a spingerlo per allontanarlo dal giudice sportivo”.

A tutto questo si aggiunga lo “scandalo” della fuga di notizie anticipate dalla “Gazzetta dello Sport”, che pubblicava la sentenza nei confronti di Higuain prima ancora che venisse decisa dal giudice sportivo sig. Tosel.

E’ stato tutto pazzesco, assurdo. Immaginate un pregiudicato che viene a conoscenza della sua condanna prima ancora di recarsi in tribunale per ascoltare il verdetto del giudice.

Che vergogna! Ma nessuno si mortificava più di tanto. L’importante era vincere lo scudetto e così  il Napoli subiva un duro colpo, pur vantando il minor numero di ammonizioni, a conferma di una correttezza assoluta in campo e nei confronti della classe arbitrale, mentre le aggressioni dei giocatori della Juve che accerchiavano gli arbitri con insulti e minacce non venivano mai sanzionate.

La chiamano “Sudditanza psicologica” o combine?.

Quali sanzioni venivano prese contro il sig. Tosel, che contravveniva alle regole del codice di giustizia sportiva? Niente, nemmeno le dimissioni, mentre si respingeva il ricorso contro la squalifica di Sarri.

Bravi, complimenti, adesso festeggiate, avete vinto lo scudetto, ma con quale soddisfazione sapendo dei favori ricevuti?. Il Napoli, invece, ha vinto sicuramente lo scudetto della correttezza e dell’onestà, che vale senz’altro molto di più, lottando fino all’ultimo minuto di gioco e contro chi lo voleva al terzo posto in classifica.

(Maggio 2016)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen