NEWS

LA CAPPELLA DEL BUON CONSIGLIO ALLA “SANTARELLA”   di Sergio Zazzera   L’8 dicembre scorso è stata riaperta al culto, dopo circa quindici anni di...
continua...
Papa Francesco – La Chiesa della Misericordia – San Paolo editore   di  Luciana Alboreto   Il 20 novembre 2016, nella Solennità di Nostro Signore...
continua...
SI E’ CONCLUSO IL GIRONE D’ANDATA DEL CAMPIONATO DI CALCIO   di Luigi Rezzuti   Ad aggiudicarsi il girone d’andata è stata, come da previsioni, la...
continua...
Miti napoletani di oggi.50 LO SCRITTORE   di Sergio Zazzera   Raccolgo la “provocazione” che mi ha indirizzato, da queste stesse (web-)pagine il...
continua...
Infanzia di Giambattista Vico   di Antonio La Gala   In passato si credeva che Giambattista Vico fosse nato nella piazza dei Girolamini e lì, nel...
continua...
Miti napoletani di oggi.71 MASANIELLO/-LLI   di Sergio Zazzera   Correva l’anno 1647 quando Tommaso Aniello d’Amalfi, detto “Masaniello”, pescatore...
continua...
La morte di G.B. Vico fra corsi e ricorsi   di Antonio La Gala   Giambattista Vico, oltre alle lezioni di storia alta, con le sue opere, ci ha...
continua...
LA  FIGLIA  FEMMINA, di Anna Giurickovic Dato   di Luigi Alviggi   Il libro si apre nella città di Rabat ove il padre Giorgio, diplomatico italiano,...
continua...
LA STORIA DEL CORONAVIRUS   di Luigi Rezzuti     Già a novembre e forse anche ad ottobre il coronavirus aveva iniziato a circolare in Cina, in...
continua...
Da Nicola Garofano   No, lockdown. Io non voglio restare di nuovo a casa   Patrizia è tornata. Grande successo per il nuovo, divertentissimo video...
continua...

GIUSTIZIA E POLITICA

 

di Sergio Zazzera

 

Il sistema statunitense di amministrazione della giustizia – che non saprei dire se possa essere definito “ordinamento giudiziario” – è fondato sul carattere elettivo delle magistrature, sia requirente, che giudicante. Dal che discende la “necessità”, avvertita dagli eletti, di chiedere e, rispettivamente, di pronunciare la condanna di quanti più malcapitati sia possibile, per assicurarsi le simpatie della propria base elettorale, che, al momento opportuno, si tradurranno nella loro rielezione.

In Italia, viceversa, l’ordinamento giudiziario (questo, sì, meritevole di tale definizione) è fondato sull’accesso alle magistrature mediante concorso pubblico, il che, in uno con l’indipendenza dagli altri poteri dello Stato, non determina la sussistenza della “necessità” di cui sopra.

Tale ultima considerazione, però, sembra sfuggire ai magistrati italiani, e soprattutto a quelli del pubblico ministero, i quali arrestano e chiedono condanne a tutto spiano, nel corso e/o al termine d’indagini condotte, non di rado, “a senso unico” – trascurando, cioè, di seguire tutte le possibili piste –.

Tale linea di comportamento, poi, favorisce quella parallela, adottata, ormai da tempo, dal mondo politico, di chiedere le dimissioni del proprio avversario, appena divenuta nota la circostanza della sua sottoposizione a inchiesta giudiziaria. E devo dire che, fino a tempi recentissimi, trovavo condivisibile tale orientamento, in sintonia con la motivazione espressa in proposito dal presidente dell’A.N.M., Piercamillo Davigo, il quale adduce l’esempio del vicino di casa inquisito per pedofilia, al quale, anche nella fase iniziale dell’inchiesta, egli non affiderebbe mai il proprio figlio.

A farmi ricredere, ora, è intervenuto l’esito della vicenda che ha avuto per protagonista l’(ormai ex-)sindaco di Roma, Ignazio Marino, la cui amministrazione fu fatta cadere, addirittura, dalle dimissioni collettive dei suoi assessori, ma oggi egli è stato scagionato dalle accuse rivoltegli. E preciso che nei confronti di Marino non ho mai nutrito particolari simpatie.

Con ciò non intendo affatto sostenere che l’inquisito non debba dimettersi, bensì che tale suo dovere morale può trovare giustificazione soltanto in una fase più avanzata dell’inchiesta, quando, cioè, risulteranno acquisiti elementi di prova, nei suoi confronti, che possano lasciar prevedere fondatamente un esito processuale sfavorevole per lui. Ciò che, viceversa, intendo sostenere è la necessità che i magistrati – e soprattutto quelli del pubblico ministero – si convincano della differenza che esiste tra la loro condizione e quella dei loro colleghi made in U.S.A. e che non perdano di vista, per prima cosa, il loro dovere di acquisire anche le prove a favore dell’indagato/imputato.

(Ottobre 2016)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen