NEWS

Miti napoletani di oggi.64 LA “CITTA' IMPERMEABILE”   di Sergio Zazzera   Walter Benjamin elaborò per Napoli la definizione di «città porosa», nel...
continua...
Parlanno ’e poesia 6   di Romano Rizzo   Giuseppe Capaldo Nacque a Napoli il 21 marzo del  1874 da genitori di modeste origini, che gestivano un’...
continua...
E’ ARRIVATA LA PRIMAVERA   di Luigi Rezzuti   La primavera ha inizio il 21 marzo per finire il 21 giugno. Dopo il maltempo arriva la nuova stagione....
continua...
Andiamo aTeatro a cura di Marisa Pumpo Pica   AL TEATRO DIANA “STORIE DI CLAUDIA”   Da mercoledì 24 febbraio fino al 6 marzo, Claudia Gerini in:...
continua...
Anatomia di una scelta di Luigi Alviggi – Guida editori   di Marisa Pumpo Pica   Luigi Alviggi, in questo suo nuovo cimento letterario, si conferma...
continua...
DIANA FRANCO PER IL QUIRINALE   Il dipinto su cristallo, intitolato Terrae Motus, donato dall’artista napoletana Diana Franco al Quirinale, è esposto...
continua...
DELITTO A NEW YORK   di Luigi Rezzuti   Dopo aver letto qualche libro poliziesco, alcuni libri gialli di vari autori e dopo aver visto in TV qualche...
continua...
UN NATALE DA FAVOLA   Domenica 18 dicembre, ore 10-13, Giardini dell'Ippodromo di Agnano, presso Mercatino Contadino, lettura di favole di Natale...
continua...
 YOU NO SPEAK AMERICANO ORIGINAL   ARMY CALL TO ARTISTS. ALL ARTISTS ARE INVITED.  CHIAMATA ALLE ARMI PER GLI ARTISTI. TUTTI GLI ARTISTI SONO...
continua...
Gianfranco PECCHINENDA, Come se niente fosse   di Luigi Alviggi   Undici racconti aprono lo sguardo su una serie di scenari ove le differenze tra...
continua...

SALUTE E BENESSERE

Dipendenza sessuale on line

 

di Manuela Morra

 


Il mondo virtuale, tanto vantaggioso per molteplici aspetti della vita di ciascuno, propone anche aspetti nefasti, trappole da cui, sempre più spesso, diventa difficile uscire.

Molte persone, oggi, prediligono rapporti virtuali, preferiscono iniziare relazioni senza avere il piacere di toccare la pelle dell’altro, sentirne l’odore, il profumo, raccontare di sé scrivendo per ore ed ore ininterrottamente ed instancabilmente, azzerando le distanze sì, ma mortificando la propria identità, privandosi della preziosa unicità del contatto vis-à-vis.

Anche la sfera sessuale risente dell’invasione del virtuale, tanto che oggi molti fanno sesso attraverso un asettico ed anonimo schermo.

La pornografia su Internet è un business che sta acquisendo un rilievo sempre maggiore, tanto che ogni giorno nascono nuovi siti porno ed oggi il sesso su internet è al terzo posto per valore economico.

La possibilità di visitare gratuitamente,ed in forma anonima, siti pornografici ne agevola l’utilizzo e spesso l’abuso consente di realizzare, attraverso ciò che si vede, fantasie e comportamenti, che magari nella realtà non sarebbero esplicitati, garantisce l’impossibilità di contrarre malattie sessualmente trasmissibili, permette l’immediata soddisfazione del desiderio.

Ma quando l’uso diventa preoccupante, sconfinando nella dipendenza?

A quali segnali prestare attenzione?

La variabile quantità del tempo trascorso è fondamentale, ma non solo quella.

Di dipendenza sessuale on line si parla quando il dipendente trascura le attività quotidiane: amicizia, lavoro, affetti. Perdendo la nozione del tempo, anche gli stimoli della fame, della sete, del sonno vengono ridotti poiché si finisce per non avvertirli più. La vista, l’udito, la memoria sono a completo servizio dell’oggetto sessuale, l’incapacità di concentrazione ed il navigare su Internet durante le ore di lavoro porta, poi, a ricevere rimproveri, che spesso sfociano nel licenziamento. Amici, colleghi e parenti si accorgono di tale deterioramento mentale che il dipendente cercherà di mascherare in modo sempre più contorto.

Come uscirne?

Riconoscere di avere un problema.

Dare un nome ad un malessere sempre più totalizzante.

Essere capaci di chiedere aiuto…

(Ottobre 2016)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen