NEWS

Il Natale napoletano   di Luigi Rezzuti   Il Natale a Napoli è qualcosa di assolutamente unico rispetto alle altre città, sia dell’Italia che...
continua...
Napoli e Totò nel cuore della Nicolardi   di Annamaria Riccio   Come ormai è consuetudine, anche quest’anno si è svolta la manifestazione di fine...
continua...
Gli incontri della Fondazione Premio Napoli   Iniziano gli incontri della Fondazione Premio Napoli aperti alla città. Si parte l’11 marzo, alle ore...
continua...
Uno scugnizzo napoletano trasferito a Milano   di  Luigi Rezzuti   Mai nessuno mi chiamava Antonio. Sono nato a Napoli in un quartiere popolare e...
continua...
ATTUALITA' DEL PENSIERO CRITICO DI ROCCO MONTANO (Dicembre 2017)
continua...
LA CITTA’ DI TRANI   di Luigi Rezzuti   L’Italia non finisce mai di stupirci. Durante l’estate eravamo in Puglia e abbiamo deciso di andare a...
continua...
CHIUSO IL CALCIO MERCATO INVERNALE   di Luigi Rezzuti   Si è concluso il calcio mercato invernale 2017. Quest’anno, a differenza delle passate...
continua...
L’antica chiesa di S. Gennariello   di Antonio La Gala   La chiesa più antica del Vomero è quella di S. Gennariello, in Via Cifariello, più nota...
continua...
IL ROLEX RUBATO   di Luigi Rezzuti   Williams, un giovane di nazionalità inglese, dopo aver superato l’esame di laurea con ottimi voti, si concesse...
continua...
Incontri tra letteratura e matematica   Fisciano, mercoledì 8, ore 15,00, Università degli studi di Salerno, Incontri tra letteratura e...
continua...

IO E FRANCESCO

 

di ANNAMARIA RICCIO

 

A chi non è simpatico? Sentito parlare male del papa? Mai. Chiunque vorrebbe conoscerlo. Da quando si affacciò al balcone di San Pietro quella fredda sera del 13 marzo 2013 quell’uomo,adorno nella sua rappresentanza, ma umile nella sua persona, mi ha subito preso, facilitando il mio percorso di fede.


Il gran momento è arrivato. Il presidente dell’Ordine dei giornalisti, pressato dalle continue richieste, è riuscito ad ottenere l’udienza privata. In una splendida mattina assolata di settembre, ci dirigiamo, dopo aver superato il controllo, verso il portone che dà adito, attraverso scaloni e cortili, alla Sala Clementina, dove incontreremo Sua Santità. All’improvviso si apre la porta laterale e cala il silenzio: entra  con tratto disinvolto apprestandosi verso la sua poltrona e si pone di fronte a noi, ci guarda e con quella faccina buffa che solo lui sa fare, ammicca facendo il gesto con la mano di sederci.

Dopo il discorso di inizio del Comunicatore della Santa Sede e del presidente OdG Iacopino, prende la parola leggendo il discorso preparato, ma per niente impostato. Nulla di papa Francesco sembra essere scontato: anche leggendo le righe fa trasparire una spontaneità inusuale. Tre le raccomandazioni ai giornalisti: amare la verità, vivere con professionalità, rispettare la dignità umana. Il giornalista secondo Francesco, possiede la capacità di pilotare la notizia, assumendone il delicatissimo compito della corretta diffusione e informazione. Il papa si intrattiene poi, piacevolmente con i bambini, come fa sempre, ci saluta personalmente avendo parole di incoraggiamento per tutti. Con un nodo alla gola di commozione gli dico:” Santità, in un momento triste della mia vita, quest’incontro è un raggio di luce. Pregherò per Lei, come sempre ci chiede, ma Lei ci benedica sempre”.

Andando via, percorro un breve tratto insieme a padre Georg  e, alla mia constatazione di un abbinamento felice con Francesco in quanto due persone radiose, mi risponde con un freddo sorriso ed un marcato accento tedesco:” Sono radioso, ma so essere anche rabbioso..” Raggelata da queste parole, vado via rimuginando che quell’omino in bianco, simpatico e spontaneo è così lontano e diverso dalla “corte” che gli sta intorno. La sua fede, la sua determinazione, la sua semplicità e bontà vincono su tutti.

Con il cuore leggero cammino per le strade di Roma con una certezza nel cuore: ho conosciuto un futuro Santo.

(Ottobre 2016)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen