NEWS

Appuntamenti internazionali alla libreria Iocisto   di Annamaria Riccio   Un’estate di appuntamenti internazionali che vede un’intensa attività nel...
continua...
SEGNALIBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Le stagioni di una vita di Emilia Menini e Guido Parmegiani Cosmopolis Edizioni Napoli   Questo...
continua...
Progetto di marchio d’area “Valle di Suessola”   Entra nella fase operativa il progetto di marchio d’area “Valle di Suessola” promosso dall’Associazione...
continua...
GIUSTIZIA E POLITICA   di Sergio Zazzera   Il sistema statunitense di amministrazione della giustizia – che non saprei dire se possa essere definito...
continua...
Miti napoletani di oggi.41 L’IDENTITA’ NAPOLETANA   di Sergio Zazzera   L’antropologia definisce l’identità come «patrimonio da conservare» e, in...
continua...
"IL COMANDANTE BULOW"     (Gennaio 2019)
continua...
 SONETTI PER IMMAGINI di Nino Velotti   di Nicola Garofano    Verrà presentato, domenica 5 marzo a Pompei (NA) presso il Pompeilab (Via Astolelle,...
continua...
L’ELEFANTE  E  LA  FORMICA, di  Eleonora  Bellini   di Luigi Alviggi     Questo lavoro rinnova la memoria su Mohandas Gandhi (1869–1948), il Mahatma...
continua...
MACCHINE DA SCRIVERE DALL’800 AD OGGI   a cura di  Luigi Rezzuti   Nell’epoca del digitale e dei computer la scrittura si è evoluta e continua ad...
continua...
Galleria Salotto Cerino - Pozzuoli “Il golfo di Napoli  tra storia, natura e degrado”   Giovedì, 2 marzo, alle ore 19,  è stata inaugurata la mostra...
continua...

Parlanno ’e poesia 7

 

di Romano Rizzo

 

Peppino Russo

 (13 Maggio 1907 / 16 Ottobre 1993)

Peppino Russo nacque a Napoli, al corso Garibaldi, nei pressi di Portacapuana e cominciò a sedici anni a scrivere versi. A soli 22 anni, una sua composizione, dal titolo “Busciarda mia”, venne musicata da un maestro del calibro di Gaetano Lama e l’anno dopo un’altra sua lirica, “Voca fora”, fu rivestita di note da Attilio Staffelli. Questi successi lo spinsero ad insistere sul terreno della canzone, ma nei suoi testi continuò ad immettere la vivacità, la forza espressiva e la proprietà di linguaggio che li rendevano molto vicini alla poesia. Del resto, in quei tempi erano le liriche dei poeti, adornate dalle note dei musicisti, a trasformarsi in canzoni. Peraltro il Russo non abbandonò mai la sua passione per la poesia ed in tarda età  raccolse, per i tipi dell’editore Riemma, tutta la sua produzione in quattro grossi volumi cartonati in cofanetto, dal titolo: 1) Cammina - Passìata napulitana. 2) Napule - Poesie e canzoni. 3) Napule ‘nfesta - Quartiere pe’ quartiere. 4) Partenope. Storia napulitana e d’’a canzone.

Per oltre trent’anni è stato un protagonista del mondo della Canzone napoletana, con la collaborazione dei più grandi maestri del suo tempo, quali Tagliaferri, Valente, D’Annibale, Cioffi, Vian, Mazzucchi, Genta, Mazzocco e tanti altri.

Tra i suoi  innumerevoli successi, ricordiamo ’A voce ’e mamma, Giuramento, Nisciuno, Core spezzato e Preghiera a na mamma,  tra i principali.

Ci corre l’obbligo di segnalare che il Russo, oltre che paroliere fu anche melodista e che nei versi di alcune sue poesie  mise in luce il suo carattere di uomo buono e generoso, che traspare anche da quelli che seguono :

“ Nun dicere maje basta, si na mano ’a può dà !!”

“ Sto bbuono comme sto..chello ca ’un tengo, nun me serve !”

Dopo aver lottato per sei anni con un terribile male, si spense nella sua casa al Rione San Francesco, a Capodichino.

La sua seconda moglie, l’attrice Italia Renna, fece stampare, sul retro del ricordino commemorativo, i versi di questa sua lirica:

“ ’O sole / ’O sole è ’o sole / e fa ’e ghiurnate belle./

Ma ê notte / ll’aggio visto i’ / che fa !!/ Se va arrubbanno ’a luce / ’e tutt’’e stelle / pecchè, â matina, ha dda sbruffunià ! / Pe chesto tutt’’e stelle / puverelle / tremmano â notte/ primma ’e se stutà !!

………………………………………………………………………………

’E ddoje custiere

 

Cammina passo passo, ma..cchiù allero

p’’e strate e stratulelle d’’a custiera

e avvia a fà nu poco d’angarella

pe’ scalinate e pe’ scalinatelle.

 

E cammenanno fa comme fa ’a gente

ca s’annasconne e ghiesce ’a mmiez’’e ppiante

ma mentre ca cammina canta e sente.

 

Siente tu pure tutt’’e rresate ardente..

siente: se so’ ammiscate rise e chiante.

E siente buono: Quanta giuramente !!

 

Na vera folla songo ll’emigrante..

Contale ’e ccoppie d’’e Nozze d’Argiento..

Pienze quante ne songo ’e core amante !

 

Vide comme se campa alleramente

e, mmiez’a chesta gente, ride e canta..

Canta tu pure, mo, cammina e canta.

 

’Ncopp’a stu munno vide quanta gente

ce sta ca pe’ sunnà vene a Surriento.

Vide che smania piglia a tutte quante

appena ca nce arrivano a Surriento.

 

E, primma ’e piglià ’a strata d’’o ritorno,

guardate attuorno ..ma maje pe’ cunfruntà..

Fa’ quatto passe, nu poco cchiù llà

 

Doppo ca vide ’a custiera Amalfitana..

damme na voce e po’..stregneme ’a mana !!

(Ottobre 2016)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen