NEWS

DON ANTONIO CAFIERO   di Luigi Rezzuti     Don Antonio Cafiero era nato e vissuto nei Vergini, un quartiere di Napoli. Amava Napoli e il Napoli. Era...
continua...
INDRO MONTANELLI, TRA “MONUMENTI” E “FACCETTE NERE”   di Sergio Zazzera   Premetto che con Indro Montanelli ho avuto, da una cinquantina d’anni a...
continua...
DOPO LA TEMPESTA IL SERENO IN CASA NAPOLI   di Luigi Rezzuti   Nei giorni della rivolta e dell’ammutinamento tutti i malumori e le amarezze sono...
continua...
Uno scugnizzo napoletano trasferito a Milano   di  Luigi Rezzuti   Mai nessuno mi chiamava Antonio. Sono nato a Napoli in un quartiere popolare e...
continua...
Discutibili sentenze arbitrali   di Luigi Rezzuti   Ad appena otto giorni dal termine del campionato, il Napoli subisce una sonora sconfitta da...
continua...
CLAMOROSA INCHIESTA SULLA JUVENTUS   a cura di Luigi Rezzuti   Quando dai social si è saputo che il 22 ottobre 2018 la famosissima trasmissione...
continua...
Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Antonio Poli debutta nel ruolo de Il Duca di Mantova nella nuova produzione di “Rigoletto”, in scena...
continua...
Ecco i tre vincitori del premio Trivio     di Claudia Bonasi   Ecco i vincitori del premio letterario Trivio 2016. Per la sezione prosa edita vince...
continua...
I giorni di Jacques, di Curzia Ferrari   di Luigi Alviggi     Nel 1987 l’arcivescovo di Parigi, cardinale Lustiger, postula, con i frati salesiani,...
continua...
Spigolature Non Ufo, ma oggetti non identificati   di Luciano Scateni   Per noi, esterni al frenetico evolversi delle tecnologie, l’incipit della...
continua...

Parlanno ‘e poesia 8

 

di Romano Rizzo

 

Gennaro Esposito

Una delle più dibattute teorie sull’arte e la poesia è certo quella relativa al ruolo che l’arte e la poesia devono avere rispetto all’epoca in cui sono prodotte. Molti sostengono che la poesia, e l’arte in genere, debba essere rappresentazione fedele dell’epoca in cui ha origine e debba essere necessariamente portatrice di un messaggio di ammonimento o di denuncia. Gennaro Esposito, che ho avuto il piacere e la fortuna di conoscere da vicino, ha sentito con forza questa istanza e, incurante del fatto che questa Sua posizione, profondamente innovativa, avrebbe potuto attirargli gli strali degli irriducibili estimatori della poesia tradizionale, ha indicato alla poesia un percorso diverso ed inesplorato. Per questo è stato inizialmente osteggiato da coloro che amavano la poesia digiacomiana, ma guardato con curiosità e simpatia dagli estimatori della poesia di Russo e di Viviani. In particolare.Gennaro Esposito è stato dalla critica definito poeta sociale per la tematica da Lui preferita, in quanto, fedele fino in fondo alle Sue convinzioni politiche. In ogni Suo scritto, infatti, si può leggere la denuncia delle tristi condizioni di vita di tanta parte dell’umanità, purtroppo derelitta e abbandonata. Il più grande pregio della Sua poesia, a mio parere, risiede nella straordinaria capacità di raggiungere e coinvolgere una gran massa di lettori per merito di un ingegnoso accorgimento cui l’Esposito, con grandissima ed ineguagliabile maestria, molto spesso ricorre : Fa seguire ad una accorata e particolareggiata descrizione di una situazione, che ingenera sdegno e compassione, una battuta  fulminante, ad effetto, che condisce il tutto con un pizzico di bonomia, filosofia e benevola ironia. Per questo alcuni lettori, non molti, per fortuna, apprezzando e gustando i finali delle sue poesie, considerano l’Esposito un poeta divertente e non colgono il senso di protesta e denuncia che è in quasi tutte le sue opere. Ineguagliabile ed ineguagliato maestro in quelle che Lui chiamava “ chiuse”; maestro perché voce nuova che ha avuto il coraggio di rompere con un passato glorioso; maestro perché ha dato alla sua poesia la missione di denunciare con forza le brutture della nostra società, Gennaro Esposito è stato un grande poeta, la cui opera meriterebbe di essere riesaminata e rivista con attenzione da una critica, capace di cogliere e mettere in luce tutte le sfumature. La Sua figura è quella di chi ha dato una veste nuova alla poesia napoletana, legandola alla vita odierna con tutte le sue miserie, di cui ha reso testimonianza, addolcendo le denunce e le proteste con il sorriso.

Invidia crepa !

di Gennaro Esposito

 

Ajere, verso ô cinema Bellini,

s’è miso nnanze a mme nu furguncino :

tra massarizie e ciento cianfrusaglie,

ce steva ‘a coppa tutta na famiglia.

 

Penzaje : sarranno forse sinistrate

o nu padrone ‘e casa ll’ha sfrattate ?

E se purtava ‘ncopp’a chillu mezzo

‘o ppoco ‘e rrobba, ‘a povera “ricchezza”.

 

Na ceffuniera, na spallera ‘e lietto

e ncopp’a nu cummò ddoje culunnette;

cchiù ‘ncopp’ancora, ‘int’a na bacinella,

tazze, bicchiere, piatte e caccavelle;

 

ddoje rete ‘e lietto e quatto pagliericcie,

e chella ch’era stata na pelliccia;

nu Sangennaro chino ‘e cemmeraglie,

nu tavulino e cinche segge ‘e paglia.

 

Nnant’a st’architettura ‘e rrobba vecchia,

ce steva ‘a nonna cu ‘e sciucquaglie â recchia.

Sta rrobba…misa una ‘a coppa a n’ata,

pareva ‘o monumento ô disperato..

 

Stu furguncino, buono pe ghì ô scasso,

quanta miseria se purtava a spasso !...

S’alluntanaje scanzanno fuosse e prete..

« Invidia crepa !» teneva scritto arreto…

 

(Novembre 2016)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen