NEWS

I Ditelo voi   di Luigi Rezzuti   “I  ditelo voi” sono un trio comico napoletano, formatosi nel 1995 e composto da Francesco De Fraia, detto...
continua...
E’ morto Diego Armando Maradona   a cura di Luigi Rezzuti   È morto Diego Armando Maradona, leggenda assoluta del calcio mondiale. La notizia è...
continua...
EDICOLE VOTIVE DI NAPOLI   di Luigi Rezzuti   Passeggiando per le strade di Napoli, è possibile contare un vasto numero di “altarini”. Le edicole...
continua...
BABBO NATALE   di Luigi Rezzuti   Era una notte fredda, una notte fredda e buia. Gigetto era accoccolato sul davanzale della finestra ad osservare...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   La Cenerentola azzurra Non è la prima volta e temo che non sia l’ultima. La redazione sportiva di Repubblica deve...
continua...
L’abbandono dei Vergini   di Antonio La Gala   I quartieri napoletani compresi fra via Foria e le alture di Capodimonte sono nati come borghi abusivi...
continua...
LA SAGRA DELLA CASTAGNA   di Luigi Rezzuti   Ottobre e novembre sono i mesi delle castagne e la nostra Regione offre l’imbarazzo della scelta per...
continua...
Parlanno ’e poesia 6   di Romano Rizzo   Giuseppe Capaldo Nacque a Napoli il 21 marzo del  1874 da genitori di modeste origini, che gestivano un’...
continua...
All’asilo dalle suore   di Luigi Rezzuti   Ogni volta che Enrico si trovava davanti a quel muro scrostato, non poteva fare a meno di fermarsi e...
continua...
LA CASA DI TOTO’ CADE A PEZZI   di Luigi Rezzuti   Scatta di nuovo l’allarme a Napoli: la casa in cui visse Totò sta cadendo a pezzi. L’allarme...
continua...

TANTI AUGURI. MARADONA CHE NON TRADISCE

 

di Peppe Iannicelli

 

Napoli e Buenos Aires, il Vesuvio ed il Rio de La Plata,  i vicoli del Decumano e le grandi avenidas che conducono all’Obelisco, il tango e la tarantella.

Così lontani e così vicini questi mondi che si sfiorano e, nonostante tanto mare in mezzo, sprigionano scintille.

Non può essere altrimenti per due città sempre fuori dalle righe, nel bene e nel male.

Nell’orgasmo della democrazia ritrovata e dalle 4 giornate, nell’offesa dei rifiuti e dei saccheggi, nella fusione tra il cielo ed il mare che domina ogni dettaglio ricoprendo le camisetas più amate.

Ed un pallone che rotola da Forcella fino a Plaza de Majo inseguito da una ciurma di scugnizzi che si comprendono al volo tentando di tradurre gli incomprensibili balzi del Super Santos o della pelota.

Amo la città che trasforma in poesia anche una finestra bassa, amo la città che profuma di asado, amo la città che saltella la dionisiaca tarantella, amo la città che nel  tango disperde i suoi pensieri più cupi.

Solo l’incontro tra queste due città poteva generare il Prodigio.

Solo in questi luoghi, ed in nessun altro posto al mondo, poteva e doveva avvenire l’epifania del Fenomeno.

Luoghi di fame estrema e di lusso sfrontato, abitati da chi riesce ad essere re e pezzente allo stesso tempo,

Diego Armando Maradona è nobile, potente e patetico, meraviglioso ed osceno, El Pipe è stato la stargate che ha unito per sempre due mondi e due epoche.

Nessuno ci era riuscito prima, nessuno ci riuscirà più a farmi gioire per la sconfitta della  nazionale italiana.

Era la sera del 3 luglio 1990, l’Italia è stata sbattuta fuori dai Mondiali dalla ciurma di Diego, ma chissenefrega! Don’t cry for me, Argentina.

Ho visto Maradona ed innamorato son …

(Novembre 2016)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen