NEWS

La Fundación Escuela Museo Abierto Para El Mundo a “Il ramo d’oro”   Per i 25 anni della propria attività la Fundación Escuela Museo Abierto Para El...
continua...
Medicina ieri e oggi   di Luigi Rezzuti   Ogni volta che per televisione passava la pubblicità del “Già fatta? Pic indolor, l’ago niente male”, che...
continua...
Come fu creata Eva   di Luigi Rezzuti     Fu tutta colpa della depressione di Adamo, il quale, non essendo contento di trovarsi nel Paradiso...
continua...
GIANPIERO VENTURA, ALLENATORE DELLA NAZIONALE DI CALCIO ITALIANA   di Luigi Rezzuti   Gianpiero Ventura nasce il 14 gennaio del 1948 a...
continua...
A Cetara lo spettacolo “A Christmas Carol”   di Claudia Bonasi   A Cetara un cartellone di Natale all’insegna della tradizione, destinato a tutte le...
continua...
UNA ESTATE IN FAMIGLIA   di Peppe Iannicelli   Quando le estati fanciulle finiscono è sempre troppo presto. E raramente abbiamo saputo apprezzarle...
continua...
CARMINE REZZUTI E QUINTINO SCOLAVINO ESPONGONO  AL MUSEO ARCHEOLOGICO DI NAPOLI   Dopo aver partecipato alle Biennali di Venezia, alle Quadriennali...
continua...
Miti napoletani di oggi.58 IL CORTEO FUNEBRE   di Sergio Zazzera   Un mattino qualsiasi di un giorno qualsiasi, in una strada qualsiasi di un...
continua...
Gianfranco PECCHINENDA, Come se niente fosse   di Luigi Alviggi   Undici racconti aprono lo sguardo su una serie di scenari ove le differenze tra...
continua...
Il CAM, il museo anticamorra, dedica una sala a Roberto Saviano a cura di Antonio Manfredi   Nei giorni scorsi, si è svolta, presso il CAM, la...
continua...

Miti napoletani di oggi.48

LA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA

 

di Sergio Zazzera

 

Ogni qualvolta il discorso cada sul tema della criminalità organizzata, il pensiero corre subito all’Italia meridionale, sia essa la Campania (camorra), la Sicilia (mafia), la Calabria (‘ndrangheta) o la Puglia (Sacra Corona Unita): addirittura, alcuni anni fa, un alto magistrato campano definì Napoli “l’Università della criminalità”. Al contrario, io credo (e tentai anche di spiegarglielo) che il capoluogo della nostra regione sia, tutt’al più, una delle “Facoltà” di questa ipotetica “Università”, diffusa, peraltro, su tutto il territorio nazionale; ma mi spiego.

In tempi recenti è cominciata a emergere la diffusione del fenomeno della criminalità organizzata “di tipo mafioso” (come la definisce, in maniera semplificata, la scienza penalistica) anche al di fuori dell’Italia meridionale: si pensi a quanto riferito dai media, relativamente a Roma (“mafia capitale”), al Veneto, all’Emilia, al Piemonte e alla Lombardia. Qualcuno obietterà che si tratta d’infiltrazioni al Nord di personaggi provenienti dal Sud, il che, però, non è sempre vero, come potrà essere chiarito dall’esempio che segue.

Chi mi conosce, sa che, in una mia “precedente esistenza”, ho esercitato funzioni giurisdizionali; e, in particolare, a Milano, nei primi anni 70 del secolo scorso. Ebbene, alcuni dei nomi, che di recente si sono letti sui giornali e uditi alla radio o alla televisione, relativamente alla criminalità operante in questa città, avevano già “sfilato” (si fa per dire) davanti a me in quel periodo; e non si trattava di personaggi saliti dal Sud, anzi, i loro cognomi ne denunciavano l’origine locale. Soltanto che, evidentemente, la consegna per i media era quella di non divulgare tali notizie, probabilmente per salvare l’immagine cittadina. Nel che, poi, consiste il “falso linguaggio”, ovvero il mito di un fenomeno, che in sé, di mitico, non avrebbe proprio nulla.

(Dicembre 2016)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen