NEWS

Miti napoletani di oggi.62 L’EXTRACOMUNITARIO   di Sergio Zazzera   Il fenomeno dell’immigrazione, soprattutto dai paesi africani, è divenuto...
continua...
UNA SORGENTE DI ACQUA DOLCE IN MEZZO AL MARE   di Luigi Rezzuti   Nella splendida costa orientale della Sardegna, tra le splendide calette del Golfo...
continua...
ANTICHI SAPORI   di Luigi Rezzuti   Con l’avvicinarsi della stagione invernale mi sono tornati alla mente gli antichi sapori di una volta, tra cui...
continua...
Parlanno ’e poesia 5   di Romano Rizzo   EPIFANIO ROSSETTI è stato, senza dubbio, una delle figure preminenti della poesia napoletana...
continua...
SVEGLIA! Edizioni Spartaco al Salone internazionale del libro di Torino Lingotto Fiere - Dal 18 al 22 maggio Stand J38   Intenso, corposo, amaro: è...
continua...
4 e 7 Luglio due appuntamenti da non perdere da IOCISTO, la libreria di tutti, con Silvio Perrella e Marco Cuomo.   Due appuntamenti da non perdere da...
continua...
La Prima Edizione de “Il Presepe Vivente” a Boscotrecase (NA) nell’antica contrada Oratorio Una straordinaria occasione per conoscere vecchi mestieri e...
continua...
E  POI ... Rio, inferno e paradiso di Raffaele Calafiore   di Luigi Alviggi   Copacabana, Ipanema, sono nomi che rievocano immagini prestigiose di...
continua...
SALUTE E BENESSERE Dipendenza sessuale on line   di Manuela Morra   Il mondo virtuale, tanto vantaggioso per molteplici aspetti della vita di...
continua...
TORNEO DI BOCCE AL LIDO CELESTE DI GIANOLA   Presso il Lido Celeste di Formia località Gianola si è svolto sabato 26 e domenica 27 agosto un...
continua...

DON ANTONIO CAFIERO

 

di Luigi Rezzuti

 

 

Don Antonio Cafiero era nato e vissuto nei Vergini, un quartiere di Napoli. Amava Napoli e il Napoli. Era un napoletano D.O.C.

Ne parlava con passione del suo Napoli, la sua squadra del cuore, un ideale, un sogno.

Il Napoli per lui era la bandiera del Meridione, il  simbolo di un popolo di grande cultura e dignità.

Amava il Napoli ma non lo interessavano tanto le tattiche, gli schemi, le formule calcistiche. In campo non andavano i calciatori nè i moduli. In campo andava il Napoli.

Per lui non era tanto importante partecipare ma vincere.

Una domenica mattina la moglie aveva cucinato la genovese e proprio quel giorno c’era l’incontro di calcio Napoli-Genoa e il Napoli perse in malo modo.

Per la disperazione, per il dispiacere, non ci pensò nemmeno un secondo, aprì il balcone e buttò giù in strada tutta la genovese, cucinata con tanto amore dalla moglie.

Amava il Napoli Don Antonio Cafiero e coinvolgeva tutti nella favola del pallone.

Sedeva spesso, d’estate al tavolo di un bar, in piazzetta, e subito intorno a lui si faceva gruppo: parlava a  raffica, solo ed esclusivamente del suo Napoli mentre tutti  lo ascoltavano con grande attenzione.

Si racconta che la mattina della domenica, quando il Napoli giocava in casa, spalancava balconi e finestre della sua casa, in piazza, e faceva sventolare una grande bandiera del Napoli.

Don Antonio Cafiero amava il Napoli ma non aveva mai imparato alcuna formazione a memoria.

Morì prima che il Napoli vincesse il suo primo scudetto, ma in molti dissero che sarebbe morto comunque per questo evento.

Don Antonio Cafiero era morto prima, si prima della vittoria calcistica del suo Napoli, ma nessuno di loro se n’era accorto.

Era morto prima, perché si muore quasi sempre prima che un vero sogno si realizzi.

(Gennaio 2017)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen