NEWS

Un uomo pigro   di Luigi Rezzuti   Sono stanco, tanto stanco, sono stanco di essere stanco, non amo passeggiare, non amo fare shopping, mi annoio...
continua...
    RESIDENZE BORBONICHE, Patrimonio dell’Umanità   APPELLO-PROPOSTA di candidatura per la lista UNESCO   Una grande campagna di...
continua...
La scatola di latta   di Bernardina Moriconi   Guardavo stamattina una scatola di latta che, fino ad ieri, conteneva biscotti e ora è in attesa di...
continua...
PER TOTO'     (Maggio 2017)
continua...
Parlanno ’e poesia 5   di Romano Rizzo   EPIFANIO ROSSETTI è stato, senza dubbio, una delle figure preminenti della poesia napoletana...
continua...
Discutibili sentenze arbitrali   di Luigi Rezzuti   Ad appena otto giorni dal termine del campionato, il Napoli subisce una sonora sconfitta da...
continua...
Parlanno ’e Poesia 9 Ferdinando Russo   di Romano Rizzo   Conoscere alcuni aneddoti sulla vita di un grande della poesia napoletana può...
continua...
SEGNALBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Frammenti di vita, di Salvatore Bova, Cosmopolis Edizioni Napoli La lunga consuetudine con la produzione...
continua...
Gianfranco PECCHINENDA, Come se niente fosse   di Luigi Alviggi   Undici racconti aprono lo sguardo su una serie di scenari ove le differenze tra...
continua...
Caccia al tesoro   di Luigi Rezzuti   A chi non è mai capitato di non ricordare dove si è conservato un oggetto a cui si è particolarmente...
continua...

Pensieri ad alta voce

di Marisa Pumpo Pica

 

Il successo dello scrittore

 

Il nuovo anno si apre sempre ricco di speranze, ma spesso anche sul filo della nostalgia del passato. Ed è quanto accade anche a me, in questo momento, per cui ho deciso di riprendere una vecchia rubrica che, anni addietro, ho curato, per lungo tempo su un’altra testata della quale mi occupavo, Incontro culturale. La rubrica era, per l’appunto Pensieri ad alta voce, una sorta di dialogo immaginario con i lettori sui più svariati argomenti, che, di volta in volta si affastellano alla mente, casualmente o sulla spinta di qualcosa che ci preme comunicare..  

 

Oggi il mio pensiero è andato agli scrittori.

Mi sono chiesta sempre più spesso, negli ultimi tempi, a che cosa sia legato il successo di uno scrittore. L’interrogativo è arduo e la risposta non è semplice neanche per chi, come me, ha dedicato quasi un’intera vita alla lettura dei libri e alla presentazione degli stessi nelle più frequentate librerie della città, e non solo.

Molti scrittori, oggi, sono condannati ad essere relegati nel buio del silenzio, avvolti dall’onda scura dell’anonimato, mentre altri sembrano predestinati a “magnifiche sorti e progressive”. Considerati scrittori emergenti, celebrati da più parti, balzano in breve agli onori della gloria.

Nei bei tempi andati, esisteva una buona critica letteraria, rappresentata da intellettuali preparati, attenti, severi e…neutrali. Anzi, spesso, il libro non veniva nemmeno pubblicato se non superava il “guado” del critico-consulente, il quale se ne faceva garante presso l’editore e ne rendeva possibile la pubblicazione. Ed era il lettore, in ultima analisi, a decretarne il successo, un successo non costruito, che perdurava nel tempo. Per questo ancora parliamo di Compagnone, Rea, Prisco, La Capria e così via, mentre la fama di uno scrittore, ai nostri giorni, ha una durata massima di una decina di anni. E poi su di lui cade l’oblìo.

Oggi lo scrittore è un accorto manager di se stesso. Ancor prima che il suo libro sia pubblicato, ha già la sua claque, i suoi fans, il suo clan, la sua tribù. Sì la sua tribù e, come nelle tribù indiane risuona il tam tam da un villaggio all’altro, per richiamare i grandi sacerdoti e celebrare i riti, così cantano le sirene e, da una via all’altra, da una piazza all’altra, da un vicolo all’altro della città, risuona il nome dello scrittore. È il caso letterario del momento.

I luoghi di grido, le sale più accreditate, i teatri più accorsati se lo contendono, per non parlare delle comparsate televisive. Il suo nome balza in primo piano su giornali e riviste patinate. Dai suoi libri si ricavano pièce teatrali, commedie, sceneggiati e serie tv.   

Tutto questo, preceduto e seguito da un battage pubblicitario, cui partecipano, con audace sagacia, anche alcuni politici che, dal sostegno allo scrittore e dal suo successo, ricaveranno una considerevole forza d’immagine e… di voti… al momento opportuno.

Così nascono i miti e i riti nella nostra città.

Ma, mentre scrivevo, mentre mi lasciavo andare a queste considerazioni, ho pensato al caro amico ed eccellente collaboratore de “Il Vomerese”, Sergio Zazzera, e alla sua brillante rubrica sui miti contemporanei, giunta al numero 49, e mi sono detta: “Che questo non possa essere, caro Sergio, il cinquantesimo dei tuoi miti da approfondire e sviluppare?”

(Gennaio 2017) 

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen