NEWS

GENNARINO DERUBATO DA UN BAMBINO   di Luigi Rezzuti   Gennarino sperava di godersi una stupenda mattinata sugli scogli di Mergellina, accompagnando la...
continua...
Miti napoletani di oggi.52 IL “CUOPPO”   di Sergio Zazzera   In senso proprio, a Napoli il cuóppo è il cartoccio a forma di cono capovolto; in...
continua...
    RESIDENZE BORBONICHE, Patrimonio dell’Umanità   APPELLO-PROPOSTA di candidatura per la lista UNESCO   Una grande campagna di...
continua...
GIANPIERO VENTURA, ALLENATORE DELLA NAZIONALE DI CALCIO ITALIANA   di Luigi Rezzuti   Gianpiero Ventura nasce il 14 gennaio del 1948 a...
continua...
Parlanno ’e poesia 11   di Romano Rizzo    E. A. Mario   E. A. Mario (al secolo Giovanni Gaeta) è stato un monumento nella storia della poesia e...
continua...
UN NATALE DEL DOPOGUERRA   di Luigi Rezzuti   Alla fine del 1945 Napoli era ancora un cumulo di macerie. La città rinasceva lentamente...
continua...
LA COMUNITA’ EBRAICA DI NAPOLI E IL PREGIUDIZIO ANTISIONISTA   Riceviamo e pubblichiamo La Comunità ebraica di Napoli esprime la propria indignazione...
continua...
LUCI D’ARTISTA A NATALE   di Luigi Rezzuti   Benvenuti all’evento più atteso dell’anno: “Luci d’artista”, la più spettacolare e suggestiva...
continua...
MACCHINE DA SCRIVERE DALL’800 AD OGGI   a cura di  Luigi Rezzuti   Nell’epoca del digitale e dei computer la scrittura si è evoluta e continua ad...
continua...
L’isolotto di Megaride tra mito e realtà   di Luigi Rezzuti   E’ di una decina di giorni fa la notizia che un gruppo di archeologi subacquei si sono...
continua...

Miti napoletani di oggi.50

LO SCRITTORE

 

di Sergio Zazzera

 

Raccolgo la “provocazione” che mi ha indirizzato, da queste stesse (web-)pagine il direttore di questa testata, Marisa Pumpo Pica, a proposito del possibile profilo mitico dello scrittore di oggi, e mi accingo a scrivere queste righe.

Premetto che il “mito dello scrittore” non costituisce una peculiarità di Napoli: esso è diffuso, infatti, un po’ dovunque, e neppure soltanto in Italia. Vi fu un tempo in cui chiunque possedesse un rasoio e un mandolino, faceva il barbiere; parimenti, oggi, chiunque disponga di un po’ di carta e di una penna “fa” lo scrittore (e, magari, non ha neanche mai letto qualcosa): e la “nudità del re” è tale, che un pubblico, che non ha mai letto Manzoni, o Verga, o Tomasi di Lampedusa, non manca di partecipare, e pure con entusiasmo, a una presentazione di libro, né di acquistarne una copia, né di assistere alla proiezione del film o alla trasmissione della riduzione televisiva che ne sono stati ricavati.

Peraltro, anche la pubblicità recita bene la propria parte, fatta dell’intreccio di rapporti dell’editoria con i media, da una parte, e, dall’altra (e qui molto spesso c’è anche la partecipazione diretta degli autori), con il mondo politico, il quale a sua volta, vi trova il proprio tornaconto, sempre in termini di pubblicità. Mi si consenta, perciò, di ricordare un vecchio apologo, forse anche un tantino stupido: la gallina e l’oca depongono entrambe le uova, ma l’una, a differenza dell’altra, fa sentire la propria voce, mentre provvede alla bisogna. Ebbene, se riflettiamo, le nostre mogli preparano la frittata con le uova della prima: potenza della “pubblicità”.

E, per concludere, il mito: Manzoni, Verga, Tomasi di Lampedusa, hanno ancora i loro lettori; ma qualcuno mi sa dire, domani o dopodomani, quanti e quali lettori avranno… ma qui non voglio fare nomi, ognuno aggiunga quelli che gli vengono in mente.

(Gennaio 2017)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen