NEWS

Miti napoletani di oggi.85 EVEMERISMO NAPOLETANO   di Sergio Zazzera   Evemero di Messene del Peloponneso è un mitografo, vissuto fra il IV e il III...
continua...
L'ARTICOLO 21 DELLA COSTITUZIONE     (Marzo 2019)
continua...
ANNO 2017   di Luigi Rezzuti   Diciamoci la verità, stavamo aspettando tutti la fine dell’anno 2017. In molti attendevamo il 31...
continua...
Sul Covid 19 - Una brutta storia - L’attacco a Paolo Ascierto   di Marisa Pumpo Pica   Avevamo deciso di non parlare del Covid 19 su questa pagina...
continua...
AMERICA’S  CUP  2021   di Luigi Rezzuti   La più importante, famosa e antica competizione velica mondiale compie 170 anni e, dal 17 dicembre 2020, è...
continua...
UNA DONNA CHE VENDEVA  POESIE   di Luigi Rezzuti   Eravamo seduti al solito bar, in  attesa di radunarci tutti per la consueta uscita del sabato...
continua...
La casa editrice oèdipus a Palazzo Braschi di Roma e alla Biblioteca Nazionale di Rio de Janeiro   Due presentazioni prestigiose per la casa editrice...
continua...
Parlanno ‘e poesia 10   di Romano Rizzo   Giuseppe Cangiano ( 1913/ 1987 )  Giuseppe Cangiano è uno dei tanti, troppi poeti della Napoli di un tempo,...
continua...
Papa Francesco – La Chiesa della Misericordia – San Paolo editore   di  Luciana Alboreto   Il 20 novembre 2016, nella Solennità di Nostro Signore...
continua...
UNA NOTTE AL CASINO’   di Luigi Rezzuti   Ettore era un vecchio pensionato che percepiva una pensione di 620 euro al mese. Nel tempo, con grossi...
continua...

Miti napoletani di oggi.50

LO SCRITTORE

 

di Sergio Zazzera

 

Raccolgo la “provocazione” che mi ha indirizzato, da queste stesse (web-)pagine il direttore di questa testata, Marisa Pumpo Pica, a proposito del possibile profilo mitico dello scrittore di oggi, e mi accingo a scrivere queste righe.

Premetto che il “mito dello scrittore” non costituisce una peculiarità di Napoli: esso è diffuso, infatti, un po’ dovunque, e neppure soltanto in Italia. Vi fu un tempo in cui chiunque possedesse un rasoio e un mandolino, faceva il barbiere; parimenti, oggi, chiunque disponga di un po’ di carta e di una penna “fa” lo scrittore (e, magari, non ha neanche mai letto qualcosa): e la “nudità del re” è tale, che un pubblico, che non ha mai letto Manzoni, o Verga, o Tomasi di Lampedusa, non manca di partecipare, e pure con entusiasmo, a una presentazione di libro, né di acquistarne una copia, né di assistere alla proiezione del film o alla trasmissione della riduzione televisiva che ne sono stati ricavati.

Peraltro, anche la pubblicità recita bene la propria parte, fatta dell’intreccio di rapporti dell’editoria con i media, da una parte, e, dall’altra (e qui molto spesso c’è anche la partecipazione diretta degli autori), con il mondo politico, il quale a sua volta, vi trova il proprio tornaconto, sempre in termini di pubblicità. Mi si consenta, perciò, di ricordare un vecchio apologo, forse anche un tantino stupido: la gallina e l’oca depongono entrambe le uova, ma l’una, a differenza dell’altra, fa sentire la propria voce, mentre provvede alla bisogna. Ebbene, se riflettiamo, le nostre mogli preparano la frittata con le uova della prima: potenza della “pubblicità”.

E, per concludere, il mito: Manzoni, Verga, Tomasi di Lampedusa, hanno ancora i loro lettori; ma qualcuno mi sa dire, domani o dopodomani, quanti e quali lettori avranno… ma qui non voglio fare nomi, ognuno aggiunga quelli che gli vengono in mente.

(Gennaio 2017)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen