NEWS

NATALE AL VOMERO   di Luigi Rezzuti   Natale è alle porte e, come ogni anno, si pone il dilemma: albero di Natale con i suoi lampioncini, i  nastri...
continua...
Il calcio mercato del Napoli   di Luigi Rezzuti   E’ appena terminato il campionato che già si parla di calcio mercato. Il Napoli, classificatosi...
continua...
Tanto va la gatta al lardo… Giro di boia per il Santone Samuele   di Luigi Rezzuti   Sulle pagine de “IL VOMERESE” del mese di marzo 2016,...
continua...
BUON COMPLEANNO, TOTO’   di  Luigi Rezzuti   Antonio De Curtis, per tutti  Totò, il “principe della risata”, destinato a riempire i teatri e le sale...
continua...
Napoli Ottocento, come venivano i turisti   di Antonio La Gala   Negli anni Venti dell’Ottocento cominciarono a crescere i flussi turistici verso...
continua...
SPIGOLATURE di Luciano Scateni   SI o NO ma informati Non solo gli analfabeti residuali, né la massa di italiani che non leggono il giornale e...
continua...
Miti napoletani di oggi.53 LA SANITA’   di Sergio Zazzera   Non tragga in inganno il titolo: non è della tutela della salute (sul cui carattere...
continua...
Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   In uno dei nostri precedenti trafiletti, ci eravamo ripromessi, parlando delle iniziative di...
continua...
Annella, un’anomalia del Seicento.   di Antonio La Gala   Un tratto dell’antica “via per colles”, che in epoca romana congiungeva l’area flegrea con...
continua...
BARCHE E ARTE   di Sergio Zazzera   Una premessa, un tantino articolata, ritengo necessaria: non sono un “tifoso” della Lega e non sono neppure un...
continua...

Villa Patrizi e S. Stefano

 

di Antonio La Gala

 


Fra le due aree collinari contigue, di Posillipo e del Vomero, possiamo individuare una zona di passaggio nella parte di via Manzoni compresa fra l’inizio di via Michelangelo da Caravaggio, villa Patrizi e piazza Santo Stefano.

In passato questo tratto di via Manzoni, assieme alla parte più alta di via Tasso, era una zona agreste e costituiva una specie di borgo abitato da contadini e dai proprietari delle grandi ville – per lo più nobili - che, insieme, spiritualmente, gravitavano attorno alla chiesetta di campagna di Santo Stefano.

Poco dopo la chiesetta, un’antica e malandata targa, che resiste su un muro di Corso Europa, reca l’iscrizione “strada del Vomero”.

Villa Patrizi, in via Manzoni, sorse verso metà Settecento ad opera del marchese Pietro Patrizi, che comprò “una massaria arbustata, vitata e fruttata” con una casa quasi inabitabile, trasformata, con i lavori di ampliamento eseguiti nei tempi successivi, in una villa gentilizia molto importante.

La felice posizione panoramica della villa la rese famosa, ricevendo le lodi anche dell’imperatore austriaco Giuseppe, in visita a Napoli.  Racchiude un teatrino, che è stato attivo anche in tempi recenti, capace di circa cento posti.

Fino a Novecento inoltrato la villa dava il nome a tutta la zona circostante, tant’è che essa era nota con il nome di “via Patrizi”, come testimoniano lettere e cartoline, che venivano spedite con tale “indirizzo”.

La strada fra la villa e la chiesetta di S. Stefano era fiancheggiata, da un lato, da un susseguirsi di muri di contenimento di tufo, sormontati da agrumeti e vigneti, e, dall’altra parte, da un susseguirsi di tratti panoramici protetti da bassi muretti. Muri e muretti erano interrotti, da un lato e dall’altro, da villette e palazzotti con viali e parchi sorti a cavallo dell’Otto e Novecento, fra cui spiccavano, vicino alla chiesetta, Villa Rachele e Villa Spera, poi divenuta Villa Giordano, poi sala per ricevimenti “Corte dei Leoni”, costruita da Adolfo Avena nel 1922, di gusto neoeclettico ricco di reminiscenze romaniche.

La chiesetta di S. Stefano sorse verso la fine del Settecento; inizialmente era di diritto patronale del duca Antonio Winspeare, proprietario di Villa Salve, nel cui complesso ricadeva il tempietto. Nei tempi in cui la religione aveva un certo peso nella vita della gente, soprattutto in contrade come quelle di cui stiamo parlando, era molto frequente che, per devozione al Santo titolare della chiesetta, venisse dato il nome Stefano ai bambini.

La chiesetta restò in funzione fino al 1972, quando vi si celebrava ogni domenica e nelle feste di precetto, almeno una Messa. 

La sua eredità è stata raccolta dalla Parrocchia di S. Vincenzo Pallotti, sorta nel secondo Novecento in Largo Europa.

(Febbraio 2017)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen