NEWS

BABBO NATALE   di Luigi Rezzuti   Era una notte fredda, una notte fredda e buia. Gigetto era accoccolato sul davanzale della finestra ad osservare...
continua...
Miti napoletani di oggi.45 LA “NASCITA” DELLA CAMORRA   di Sergio Zazzera   I Romani erano specialisti abilissimi nel confezionamento di “miti di...
continua...
IL CALL CENTER   di Luigi Rezzuti   Domenica pomeriggio sono a casa, mia moglie riposa ed io sono davanti alla televisione: una tazza di caffè,...
continua...
GENNARINO DERUBATO DA UN BAMBINO   di Luigi Rezzuti   Gennarino sperava di godersi una stupenda mattinata sugli scogli di Mergellina, accompagnando la...
continua...
SEGNALIBRO a cura di Marisa Pumpo Pica   LA TOMBA PROFANATA Santagata si fa in quattro di Luciano Scateni  Guida - Kairos    Questo è il...
continua...
Gli studenti ignoranti   di Annamaria Riccio   Una lettera, firmata da 600 docenti universitari e indirizzata al governo, ha suscitato non poco...
continua...
AL MUSEO DUCA DI MARTINA   (Febbraio 2017)
continua...
L’antica chiesa di S. Gennariello   di Antonio La Gala   La chiesa più antica del Vomero è quella di S. Gennariello, in Via Cifariello, più nota...
continua...
SALERNUM WINE FORUM       Un modello previsionale, elaborato da un gruppo di ricercatori, ha stimato i possibili impatti del cambiamento climatico...
continua...
Martedì 4 luglio al via "Vietri in Scena" Oltre 20 appuntamenti gratuiti a Villa Guariglia, Villa Comunale e Palazzo della Guardia   Al via domani...
continua...

SEGNALBRO

 

a cura di Marisa Pumpo Pica

 


Frammenti di vita, di Salvatore Bova, Cosmopolis Edizioni Napoli

La lunga consuetudine con la produzione poetica di Salvatore Bova ci induce a rinviare il lettore alle nostre varie presentazioni, prefazioni e recensioni, in occasione della pubblicazione dei suoi scritti precedenti.

Qui, soltanto alcune veloci osservazioni, per sottolineare l’ampiezza di un percorso, che ha portato il poeta ad approfondire ed arricchire le proprie riflessioni sulla vita, per giungere ad una poesia pensosa e, talvolta, sofferta. Un versante ripido, tutto in salita, lungo il quale l’autore guarda da ogni parte, in lungo, in largo, in alto, in basso, fino a scendere negli abissi di un mondo malato, in cui sembrano dominare, incontrastate, la malvagità, la corruzione, le miserie degli uomini. Dinanzi a siffatto scenario, non resta che volgere lo sguardo in alto, verso quel cielo, al quale tutti tendiamo con trepidazione e forse anche con consapevole angoscia.

Un velo sembra calare su queste nuove poesie di Salvatore Bova.

È la malinconia dei ricordi giovanili? 

È la tristezza per la fugacità del tempo, che scorre via, veloce ed ingrato?

È il rimpianto di amori lontani, ormai scomparsi all’orizzonte, sognati e non più gioiosamente vissuti, specchio di un passato, che si allontana inesorabilmente dalla cruda realtà di ogni giorno?

Sì, è tutto questo certamente, ma anche qualcosa di più, come innanzi accennavamo. In questa sua nuova silloge, infatti, appare costante, quasi martellante, la messa in evidenza della malvagità dell’uomo, dell’innocenza sfruttata, dell’infanzia tradita, della prevaricazione del più forte sul più debole ed indifeso.

Sui nostri mali l’autore si sofferma spesso, come uomo e come poeta, qui, come in altre precedenti pubblicazioni. Le tematiche sociali e quelle che ruotano intorno all’amore, alla solidarietà, all’amicizia, sono espresse in forma accorata e contrastante. Alle liriche dolci, soffuse d’amore, dal ritmo cadenzato e musicale, si alternano poesie dai toni forti, e talvolta crudi, che sembrano cadere come tuoni dall’alto su un’umanità che, nella corruzione e nel male, ha smarrito se stessa e la propria identità.

La condanna si fa aspra e violenta, nella difesa dei diseredati e degli oppressi. Una condanna che non risparmia nessuno, che ci impone di non dimenticare le nostre responsabilità di esseri umani, destinati a non perderci fra le brutture di questo mondo, quanto piuttosto a tendere gli occhi in alto, verso la patria celeste, di cui dobbiamo renderci meritevoli, sfuggendo alle insidie del male. Una condanna, un monito, un insegnamento in una poesia che vuole essere messaggio, ma non messaggio precostituito, artificioso ed astratto, quale mai deve essere  il fine della vera poesia, bensì  messaggio del cuore. Di un uomo all’altro uomo, perché ciascuno sappia ascoltare, intendere e  condividere.

L’esperienza religiosa, sorretta da una fede viva, profondamente sentita, si traduce in quella forza poetica, che, come abbiamo già evidenziato altrove, è animata dall’ansia del riscatto. E il riscatto non può venire che dalla fede nel divino. È solo questa fede, infatti, che può spingerci sul terreno fertile dell’azione, trasformandosi, in impegno sociale ed umano, consentendoci di farci superare ansie, dolori e senso di solitudine, per avvicinarci gli uni agli altri e meritare, in tal modo, l’amore e il sostegno del Padre celeste.

Anche in questa nuovo libro, il mondo, con i suoi splendidi scenari naturali, viene cantato con versi suggestivi, quasi a volere invitare tutti gli uomini a cogliere l’orma del divino nella natura, ritrovando in essa, nell’albero maestoso che svetta al cielo, come nell’esile filo d’erba, appena emergente dal prato - entrambi da amare e rispettare - le radici della solidarietà, che sola ci permette di superare dolori ed angosce, così frequenti nella nostra vita. Dalla natura all’uomo, attraverso l’orma del divino, il passo è breve per riscoprire quella forza del cuore, che può condurci verso il superamento del dolore, ma anche del male, delle ingiustizie, dell’odio.

In tale ottica, siamo lieti di consegnare questo libro alle stampe e all’attenzione dei  lettori.

(dalla Nota dell’editore Marisa Pumpo Pica)

(Febbraio 2017)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen