NEWS

LARGO O PIAZZA?   di Antonio La Gala     Spesso nel leggere cose della Napoli antica ci imbattiamo in denominazioni stradali che ci lasciano...
continua...
AL PAN DI NAPOLI LE “OMBRE” DI ARMANDO DE STEFANO   Dal 19 maggio al 25 giugno, una mostra curata da Mimma Sardella. Armando De Stefano omaggia Jorge...
continua...
La Germania necessitata   di Marisa Pumpo   Sinossi del libro La Germania necessaria Nel 2012 la Germania non si presentava più solo quale attore...
continua...
 SPIGOLATURE   di Luciano Scateni   I “no” degli omofobi   Il becero ribellismo della Lega Nord carica Salvini di odio sociale e non ci vuole il...
continua...
Anatomia di una scelta di Luigi Alviggi – Guida editori   di Marisa Pumpo Pica   Luigi Alviggi, in questo suo nuovo cimento letterario, si conferma...
continua...
Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   “Cantare alle ossa” è l’ultimo appuntamento che, venerdì 24 maggio, alle ore 21, al Teatro Diana di...
continua...
SPIGOLATURE di Luciano Scateni   SI o NO ma informati Non solo gli analfabeti residuali, né la massa di italiani che non leggono il giornale e...
continua...
SUPERLEGA, UNA BOLLA DI SAPONE   di Luigi Rezzuti   La Superlega è a un passo dalla chiusura. Poche ore dopo la sua nascita. E’ stata una notte...
continua...
Annella, un’anomalia del Seicento.   di Antonio La Gala   Un tratto dell’antica “via per colles”, che in epoca romana congiungeva l’area flegrea con...
continua...
Miti napoletani di oggi.42 IL "RISANAMENTO" DI NAPOLI   di Sergio Zazzera   Si è soliti dire che non tutti i mali vengono per nuocere, benché...
continua...

MOTOCICLETTE CON SIDECAR

 

di Luigi Rezzuti

 


Le origini della motocarrozzetta risalgono alla fine del XIX secolo, quando un ufficiale dell’esercito francese modificò una bicicletta applicandole il primo sidecar della storia.

Con tale veicolo si aggiudicò il premio offerto da un quotidiano per il miglior metodo per trasportare un passeggero su una bici.


Prima degli anni cinquanta le motocarrozzette erano abbastanza diffuse, fornendo un’alternativa economica all’automobile.

Trovarono impiego anche come mezzi militari e della polizia.

Durante la seconda guerra mondiale le truppe tedesche ne avevano un gran numero, realizzate dalla BMW e dalla Zundapp.


Anche in Italia la moto Guzzi realizzò una motocarrozzetta.

Nel ventennio intercorso tra le due guerre mondiali tutti gli eserciti del mondo iniziarono a “meccanizzare” le proprie fanterie, sostituendo i cavalli con le motociclette con sidecar, apprezzate per la loro maneggevolezza e velocità.

Durante la seconda guerra mondiale, l’esercito della Germania chiese alla BMW di costruire un sidecar che potesse adattarsi sia alle sabbie del deserto libico, sia alle nevi delle steppe russe, fino a quando la fabbrica non fu bombardata dagli alleati e ne fu interrotta la produzione.

Nonostante gli indubbi pregi delle moto BMW l’esercito tedesco trovò più funzionale la sua concorrente Zundapp e si decise di unire il meglio dei due mezzi e di iniziare una produzione congiunta, poi fortunatamente la guerra finì, poco tempo dopo.


Così le moto con sidecar sono progressivamente scomparse, rimanendo a lungo solo quelle da competizione. Non per nulla, per molti anni la scena agonistica, a livello mondiale, è stata dominante dagli specialisti tedeschi.

In Italia la popolarità del sidecar è stata di gran lunga minore anche se applicato, non solo alle classiche motociclette, costruite dalla Moto Guzzi e dalla Gilera, ma anche a moto di cilindrata inferiore, come gli scooter della Vespa e Lambretta.

Con l’avvento delle prime utilitarie, come la Topolino, la mitica Fiat 500, seguita dalla Fiat 600 e dalla Bianchina, le moto col sidecar sono praticamente scomparse dalla scena e al massimo se ne parla come di curiosità.

(Marzo 2017)

 

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen