NEWS

 SPIGOLATURE   di Luciano Scateni   I “no” degli omofobi   Il becero ribellismo della Lega Nord carica Salvini di odio sociale e non ci vuole il...
continua...
L’OSTERIA DEL CONTADINO   di Luigi Rezzuti   L’osteria del contadino era una semplice casupola in mezzo ai campi. Chi non la conosceva, poteva...
continua...
SPIGOLATURE   di Luciano Scateni    Stupri? Colpa delle donne, dice Chrissie Un’ipotesi possibile nasce dalla biografia di tale Chrissie Hynde,...
continua...
Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   In uno dei nostri precedenti trafiletti, ci eravamo ripromessi, parlando delle iniziative di...
continua...
A nord del crepuscolo orientale   Mercoledì, 9 Marzo 2016, alle ore 17 presso l’Istituto italiano per gli studi filosofici, Palazzo Serra di Cassano,...
continua...
Miti napoletani di oggi.42 IL "RISANAMENTO" DI NAPOLI   di Sergio Zazzera   Si è soliti dire che non tutti i mali vengono per nuocere, benché...
continua...
FUGA DEI PENSIONATI ALL’ESTERO   di Luigi Rezzuti   Il numero dei pensionati che si trasferiscono all’estero è in costante aumento. Tra le ragioni...
continua...
Dario Rezzuti, un pittore schivo e solitario   Dario Rezzuti è naro a Napoli nel 1957. Vive e lavora a Tito (PZ). Discende da una famiglia di artisti....
continua...
PER_FORMARE UNA COLLEZIONE   Venerdì 22 giugno alle ore 19.00 il Museo Madre inaugurerà il nuovo capitolo del progetto in progress  “Per_formare  una...
continua...
Miti napoletani di oggi.53 LA SANITA’   di Sergio Zazzera   Non tragga in inganno il titolo: non è della tutela della salute (sul cui carattere...
continua...

La scatola di latta

 

di Bernardina Moriconi

 

Guardavo stamattina una scatola di latta che, fino ad ieri, conteneva biscotti e ora è in attesa di essere buttata secondo i dettami del riciclo.

Mi ha ricordato altri tempi, quello in cui, a me, bambina, le scatole di latta con biscotti o caramelle venivano regalate in occasioni di festività varie, in genere dalle nonne o dalle zie anziane.

Le zie di media età si orientavano verso abitini o pigiami e quelli più giovani verso i giocattoli (sempre benedetti gli zii giovani!).

Quelle scatole di latta, però, anche se,  quanto ai biscotti alla  fine si mangiavano solo quelli al cioccolato e le caramelle non si è mai capito che fine facessero, avevano poi un’altra vita; esaurito il contenuto, diventavano loro il vero regalo.

Scatole ovali, rettangolari, tonde, decorate con fiori, arabeschi, animali; nessuno era sfiorato dall’idea che potessero essere buttate tra i rifiuti.

Diventavano contenitori di tutto: matite, conchiglie, cianfrusaglie di ridotte dimensioni, collane, doppioni di figurine e molto altro ancora.

Mio fratello, dopo il terremoto del Friuli, con una scatola alta e stretta, riempita di biglie, posizionata quasi in bilico su una mensola, creò un improbabile sismografo, tranquillizzandomi col dire che, di notte, in caso di una minima scossa, sarebbe subito caduto e ci avrebbe permesso di affrontare, preparati, l’eventuale scossa successiva e distruttiva.

Una notte, effettivamente cadde, con un gran fracasso che udii solo io… Corsi da mio fratello, avvisandolo dell’accaduto, in attesa fiduciosa di grandi strategie antisismiche, messe in campo dal maggiore di noi.

Egli in effetti mi tranquillizzò. “Non preoccuparti”, mi disse. E, mezzo addormentato, andò a rialzare lo scatolo, collocandolo più all’interno in modo che, in caso di altri movimenti, non sarebbe ricaduto….

A casa dei miei ho ancora stipate, in qualche cassetto, un paio di quelle scatolo; aprendole come se fossero antiche reliquie e osservando i numerosi e stravaganti oggettini conservati, riflettevo su quanto essenziale e fantasiosa, in una parola, felice, fosse la nostra infanzia che coltivava il piacere di conservare e trasformare con la fantasia. Qualità che si stanno perdendo!

Mi rendo conto che queste mie divagazioni sono un po’ da anziana signora di quelle della serie: “Ai miei tempi…” Ma, a ben pensarci, io sono un’anziana signora… E comunque, io quella scatola adesso me la vado a recuperare. A costo di tenerla vuota. Che avrebbe poi un bel significato metaforico…

(Maggio 2017)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen