NEWS

UNA SORGENTE DI ACQUA DOLCE IN MEZZO AL MARE   di Luigi Rezzuti   Nella splendida costa orientale della Sardegna, tra le splendide calette del Golfo...
continua...
“I De Filippo, il mestiere in scena”. Anteprima mondiale a Napoli.   di Luciana Alboreto   Le storiche sale di Castel dell’Ovo, accolgono dal 28...
continua...
La Fundación Escuela Museo Abierto Para El Mundo a “Il ramo d’oro”   Per i 25 anni della propria attività la Fundación Escuela Museo Abierto Para El...
continua...
AL PAN DI NAPOLI LE “OMBRE” DI ARMANDO DE STEFANO   Dal 19 maggio al 25 giugno, una mostra curata da Mimma Sardella. Armando De Stefano omaggia Jorge...
continua...
Miti napoletani di oggi.49 IL NAPOLI   di Sergio Zazzera    Devo richiamare qui, ancora una volta, l’attitudine della reiterazione del rito a...
continua...
L’esilio della bellezza   di Gabriella Pagnotta   Qual è il valore del limite oggi? I limiti sono qualcosa da temere, da mantenere, da costruire o da...
continua...
PROGRAMMA dei CORSI dell'associazione 1virgola618   Eventi 2018 Percorso di riconoscimento di  ERBE spontanee sabato 3 marzo   ore 14-18con Alberto...
continua...
Napoli Ottocento, come venivano i turisti   di Antonio La Gala   Negli anni Venti dell’Ottocento cominciarono a crescere i flussi turistici verso...
continua...
La Germania necessitata   di Marisa Pumpo   Sinossi del libro La Germania necessaria Nel 2012 la Germania non si presentava più solo quale attore...
continua...
Eleganza   di Mariacarla Rubinacci   Finalmente ha fatto il suo trionfale ingresso la stagione calda/tiepida, dato che alcuni momenti di pioggia...
continua...

Abolizione delle monete da 1 e 2 centesimi di euro

 

di Luigi Rezzuti

 


Qualche anno fa, avemmo modo di denunciare lo spreco di danaro da parte dello Stato Italiano per la coniazione di quelle inutili monetine da 1 e 2 centesimi di euro, che costano più del valore delle stesse. Per fare 1 centesimo, infatti,  si spendono 4, 5 centesimi di euro e per fare la monetina da 2 centesimi 5, 2 centesimi di euro.

Il risparmio che si potrebbe ottenere, sospendendo questo conio, è di 21 milioni di euro l’anno.

Non è la prima volta che si tenta questa iniziativa. Tre anni fa la Camera dei deputati aveva approvato una mozione che impegnava il Governo a sospendere il conio delle monete da 1 e 2 centesimi di euro.

La proposta, presentata in Commissione Bilancio della Camera, questa volta, prevede che gli eventuali risparmi, quantificati in almeno 20 milioni di euro ogni anno, potrebbero essere destinati al “Fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato.”


Col decreto del Ministero dell’economia e delle finanze, dal primo settembre del 2017, sarà da adottarsi un arrotondamento, per pagamenti in contanti.

In Finlandia non aspettarono l’arrivo delle monetine da 1 e 2 centesimi di euro. Già nel gennaio del 2002 decisero per l’arrotondamento dei prezzi ai 5 centesimi più vicini.

Seguirono, poi, l’Olanda, l’Irlanda, il Belgio e il Canada. Adesso il prossimo paese sarà l’Italia.

Alcuni di questi centesimi, però, valgono una fortuna, almeno 2.500 euro. Questa, infatti, la base d’asta che “Bolaffi”, azienda italiana della numismatica, farà partire per le monete con facciata da 1 centesimo, coniate dall’Italia per errore con il diametro e l’immagine, sul diritto della moneta da 2 centesimi, della Mole Antonelliana .

Al momento gli esperti stimano un censimento di monete in circolazione ma è plausibile pensare che dopo questa notizia altre ne seguiranno.

(Giugno 2017)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen