NEWS

PROGRAMMA dei CORSI dell'associazione 1virgola618   Eventi 2018 Percorso di riconoscimento di  ERBE spontanee sabato 3 marzo   ore 14-18con Alberto...
continua...
L’intramontabile fascino della dieta mediterranea   di Laura Coluccio *   Maggio e giugno, antichi nemici della tavola e grandi amici di diete e...
continua...
Per grazia non ricevuta   di Antonio La Gala   Non desta meraviglia (non perché non la dovrebbe destare, ma solo perché vi ci siamo abituati) la...
continua...
SI E’ CONCLUSO IL GIRONE D’ANDATA DEL CAMPIONATO DI CALCIO   di Luigi Rezzuti   Ad aggiudicarsi il girone d’andata è stata, come da previsioni, la...
continua...
LARGO O PIAZZA?   di Antonio La Gala     Spesso nel leggere cose della Napoli antica ci imbattiamo in denominazioni stradali che ci lasciano...
continua...
PER TOTO'     (Maggio 2017)
continua...
Miti napoletani di oggi.43 “’O surdato ‘nnammurato”   di Sergio Zazzera   I conflitti bellici sono stati sempre occasione di nascita di canti, dei...
continua...
Nascita della stazione di Napoli Centrale   di Antonio La Gala   Tutti i napoletani, quelli meno giovani, per esperienza diretta, gli altri,...
continua...
MARISA  PAPA  RUGGIERO, JOCHANAAN   Martedì, 11 aprile, alle ore 17, presentazione del poemetto "Jochanaan",  di Marisa  Papa  Ruggiero, edito da...
continua...
CONVERSAZIONI DA "ETHOS E NOMOS"     (Dicembre 2019)
continua...

E’ FINITO IL CAMPIONATO DI CALCIO DI SERIE A 2016 – 2017

 

di Luigi  Rezzuti

 

Spalletti, allenatore della Roma,  a fine campionato si è ritrovato con un punto di vantaggio su Sarri, allenatore del Napoli.

Il calendario, nelle ultime due partite, non presentava margini di difficoltà per la Roma. Va ricordato, comunque, che a pari punti la piazza d’onore sarebbe toccata alla Roma, che ha segnato in più negli scontri diretti col Napoli.

A nulla è valsa la voglia di Sarri e dei giocatori di lottare fino all’ultimo vincendo le partite con goleade  pur di raggiungere il secondo posto in classifica e con un gioco semplicemente spettacolare e condiviso da tutti. Purtroppo la Roma ha vinto l’ultimo incontro di campionato al 90°, a tempo ormai concluso,  però, resta uno scandalo  la partita Juve – Roma perché, grazie a un turnover (mancavano ben sei giocatori titolari) e alle non parate di Buffon, la Roma ne ha tratto vantaggio, consolidando il secondo posto in classifica, a discapito del Napoli.

Quindi, oltre la beffa, anche il danno di non partecipare direttamente alla Champions League che avrebbe comportato un rafforzamento dell’ immagine e una quantità di milioni di euro.

Dopo questo biennio, per il Napoli di Sarri,  la Juventus potrà considerarsi come la prima rivale per il prossimo scudetto.

Sarri  ha già dato appuntamento al 5 luglio per il ritiro a Dimaro pee continuare, con questa compattezza della squadra, ad essere sempre più competitivi.

Purtroppo i playoff di Champions League sono stati sempre l’incubo delle squadre italiane.

L’ultima squadra a superarli è stata quella del Milan, nella stagione 2013 – 2014, contro il PSV, poi abbiamo avuto il ko  del Napoli contro l’Atletico Bilbao, quello della Lazio con il Bayer Leverkusen e dwlla Roma contro il Porto.

Il Napoli conoscerà la sua avversaria il 4 agosto. La partita di andata si giocherà il 15 o il 16, quella di ritorno il 22 o 23 agosto.

Doppia sfida a cavallo dell’esordio al campionato 2017 – 2018, che comincerà domenica 20 agosto, con gli azzurri che anticiperanno, senza dubbio alcuno, il loro debutto al sabato.

Tre anni fa, invece, i playoff del Napoli di Benitez furono il 19 e il 27 agosto, prima dell’inizio della serie A, quest’anno il Napoli sarà testa di serie, dato l’ultimo ranking.

Ma con il regolamento in vigore per il triennio 2015 – 2018, non è detto che la squadra di Sarri peschi un avversario sulla carta più abbordabile. Ciò che preoccupa, però, è la poca dimestichezze del Napoli di Sarri nelle doppie sfide di Coppa.

Anche quest’anno non è andata benissimo: fuori con il Real Madrid agli ottavi di Champions e fuori con la Juve in semifinale di Coppa Italia. I precedenti, dunque, sono preoccupanti.

Il preliminare è rischioso anche dal punto di vista economico e della gestione del mercato.

Il Napoli, non potendo partecipare direttamente alla Champions. ha perso 40 milioni di euro garantiti dalla qualificazione nella fase dei gironi.

Sara difficile preparare anche la stagione dal punto di vista fisico. Sarri è stato chiaro: “ Se si prova ad arrivare al top della forma per i preliminari, si rischia di compromettere il campionato, se si arriva con addosso i carichi estivi si rischia di compromettere i preliminari, la possibilità di qualificarsi ai gironi e, inevitabilmente, l’ impoverimento delle casse del club”.

Di positivo c’è solo il futuro e non solo per il Napoli. Dalla prossima stagione, infatti, si qualificheranno 4 club italiani direttamente nella fase dei gironi.

Il piano strategico per la prossima stagione non muterà, anche se il budget potenziale per gli acquisti è diverso .

Tre i punti chiave del programma del club azzurro che ruotano sulla certa riconferma di Sarri, Mertens, Insigne  e sull’acquisto di un portiere da affiancare a Reina, un vice Callejon e  un terzino di spessore dopo la riconferma di tutti quelli in organico.

Su quest’ultimo punto l’unica possibile deroga potrebbe riguardare Koulibaly, nel caso in cui arrivasse un’offerta irrinunciabile, come quella dell’estate scorsa del Chelsea (50 milioni di euro) perché adesso in organico c’è Maksinovic che potrà vivere una stagione completamente diversa, dopo il primo anno di difficoltà ad entrare al massimo in sintonia  con i movimenti  a quattro della linea di Sarri.

(Giugno 2016)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen