NEWS

“L’ULTIMO SCUGNIZZO”   di Luigi Rezzuti   “L’ultimo scugnizzo” è una commedia in tre atti, rappresentata da Viviani per la prima volta nel 1932 al...
continua...
Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Esilio II Stagione Mutaverso Teatro   Venerdì, 17 marzo, all’Auditorium del Centro Sociale di...
continua...
"CONCERTO PER ARCHI E FILI D'ERBA"  
continua...
GIUSEPPE ANTONELLO LEONE   Giuseppe Antonello Leone, pittore scultore ceramista e poeta, è nato il 6 luglio 1917 a Pratola Serra ed è morto a Napoli...
continua...
Riceviamo e volentieri pubblichiamo COMUNICATO STAMPA   Presentata al Foyer del Teatro comunale Diana di Nocera Inferiore la VI edizione di L’ESSERE...
continua...
Un libro a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Il giorno 20 maggio alle ore 19.30 Francesco Pinto, Direttore del Centro di produzione della Rai,...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Ma Vespa non è poi così insostituibile Parla a vanvera chi della Rai ha percezione, dal divano di casa,...
continua...
Villa Regina al Vomero    di Antonio La Gala   Le residenze, che in età vicereale cominciarono ad insediarsi sulla collina vomerese, si...
continua...
TEATRO BOLIVAR - start up stagione 2016/2017   DUETTI 200 grammi di teatro a sera direzione artistica Ettore Nigro e David Jentgens   29|30...
continua...
Napoli Ottocento, come venivano i turisti   di Antonio La Gala   Negli anni Venti dell’Ottocento cominciarono a crescere i flussi turistici verso...
continua...

COME SISIFO...

 

di Nino Daniele*

 

L'incendio doloso di Città della Scienza è stato vissuto dai napoletani, già alle prese con una drammatica crisi, con particolare frustrazione ed avvilimento. Come Sisifo quando l'enorme masso trascinato fin quasi alla cima del monte gli rotolava per l'ennesima volta giù per le pendici fino a valle.

Quando poi tra le ipotesi sulle modalità dell'attacco è sembrata attendibile quella di un vera e propria azione piratesca compiuta dal mare, si sono risvegliate ancestrali paure, legate a oscuri periodi storici in cui le popolazioni meridionali rivierasche erano preda di scorribande e predazioni.

Uno scoramento diffuso e capillare sembrava aver ragione di ogni fare costruttivo e di ogni barlume di speranza nel poter fronteggiare e superare una crisi che, a storici mali, aggiungeva la furia distruttrice del fallimento di tutte le politiche pubbliche nazionali ed europee verso il Sud.

Si era colpito un simbolo in cui Napoli si riconosceva. Un simbolo di come cultura, ricerca, formazione e didattica costituissero una duratura tradizione, capace di rinnovarsi nel tempo in modo originale e creativo e tracciare la strada da percorrere per un progresso civile ed economico alternativo e possibile. Valido per Napoli e per tutti.

Ma all'Incendium distruttore ne è seguito un altro.

Un altro "fuoco sulla terra" ha cominciato ad ardere. Un altro Incendium.

Un ardore civile che non si è arreso e piegato al male.

La città si è fatta animo ed ha reagito.

Una reazione che ha incontrato la solidarietà operosa dell'Italia migliore che si ispira ai valori costituzionali e dell'Europa e del Mondo che sanno che una parte essenziale della cultura e del pensiero occidentale e dei valori universali dell'umanesimo sono stati a Napoli elaborati e vi hanno preso vita e forme.

Di questo grande moto ricostruttivo l'iniziativa che questo volume illustra è parte e rappresentazione.

Ancora una volta Napoli, dai conflitti e dalle lacerazioni che la attraversano e la scuotono, ha saputo trarre alimento per ritrovarsi e costruire incontri. Napoli anima mundi.

 

*Assessore alla Cultura e al Turismo - Comune di Napoli

(Dal catalogo della mostra Incendium).

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen