NEWS

ANNO 2017   di Luigi Rezzuti   Diciamoci la verità, stavamo aspettando tutti la fine dell’anno 2017. In molti attendevamo il 31...
continua...
Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   DONNAMORE Uno spettacolo che parla di e alle donne, il cui ricavato sarà destinato ai figli delle...
continua...
SANITA’ Eppur si muove…   di Loredana Pica   Eppur si muove… qualcosa a Napoli, una città spesso in bilico tra lentezze burocratiche e una tendenziale...
continua...
Un  nonno con la “fissa” per la caccia   di Luigi Rezzuti   Il  nonno di Marco aveva una sola grande passione, un solo grande capriccio, andare a...
continua...
QUALI “PRIMARIE”?   di Sergio Zazzera   Le “primarie” del 6 marzo scorso, finalizzate alla designazione del candidato alla carica di sindaco di...
continua...
Eleganza   di Mariacarla Rubinacci   Finalmente ha fatto il suo trionfale ingresso la stagione calda/tiepida, dato che alcuni momenti di pioggia...
continua...
NATALE AL VOMERO   di Luigi Rezzuti   Natale è alle porte e, come ogni anno, si pone il dilemma: albero di Natale con i suoi lampioncini, i  nastri...
continua...
BOCCA   DI   PIETRA, di   Maria  Cristina  Alfieri   di Luigi Alviggi   Opera d’esordio nel campo letterario dell’Autrice (Milano, 1968) -...
continua...
Napoli Ottocento, come venivano i turisti   di Antonio La Gala   Negli anni Venti dell’Ottocento cominciarono a crescere i flussi turistici verso...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Succede che razzoli male chi predica bene Ma da che dissacrante pulpito il re Mida dei comici arringa il popolo...
continua...

Spigolature

 

di Luciano Scateni

 

Audience tv: tutto si fa per te

Ma datevi una regolata. Il potere di condurre talk show, seguiti da qualche milione di teleutenti, non autorizza a derogare dalla coerenza professionale personaggi che si sono giovati di etichette di sinistra per acquisire popolarità e ingaggi milionari, erogati da emittenti pubbliche e private. Il monito è rivolto ai conduttori di noti programmi di prima serata. Archiviati dall’incalzare di altri eventi il colloquio di Fazio piegato in due con l’ex cavaliere, le interviste dell’Annunziata, di Mentana e di Formigli al vice presidente neofascista di Casa Pound. Merita la segnalazione l’ospitalità dello stesso Formigli che, a “Piazza Pulita”, ha interloquito con Domenico Spada dell’omonimo clan mafioso di Ostia.

Offrite un dito alle falangi dell’estrema destra e ci prenderanno tutta la mano. Che altro è la sparata di Alessandra Mussolini, che scomoda il nonno dalla tomba e proclama che il Duce, in pochi mesi, a Ostia metterebbe ogni cosa a posto, o la sortita di Sgarbi (“Claretta Petacci, l’amante di Mussolini è stata vittima di un femminicidio partigiano”) e la farneticazione di Berlusconi, che, prima di ritrattare, ha proposto un generale alla guida del Paese (soluzione in voga nelle dittature centro e sudamericane)?

Sintomo di cosa ci aspetta

Sono i commenti dei partiti di destra, in parte imbarazzati, in parte propensi a considerare folclore goliardico le oramai frequenti incursioni squadriste di scalmanati neofascisti. L’Italia sottovaluta le considerazioni che banalizzano il rigurgito di nostalgici del ventennio. Lo stesso Berlusconi disse che il Duce fece bene, tranne le leggi razziali. Al Msi, che ha partorito Fratellli d’Italia, Storace e Alemanno, fu concesso il saluto romano, che viene esibito in ogni dove dai neofascisti di Casa Pound e Forza Nuova. La Meloni (sulla questione Ostia, in lode di Casapound: “Siamo diversi ma con loro abbiamo un rapporto sereno”) evita accuratamente di condannare gli episodi tipici dello squadrismo che esonda dai confini in cui lo ha ricacciato la Costituzione e si presenta con la spavalderia violenta dei manganellatori d’un tempo in minacciosi giubbotti neri, teste rasate, insulti alla democrazia. Dice Alemanno che questi soggetti fanno il gioco del Pd e Storace gli fa eco: “Al popolo italiano non gliene frega niente degli skinheads”. 

Che brutta storia

A chi addebitare l’idea balsana della cronotappa di Gerusalemme, al via del prossimo giro d’Italia? Appunto, del Giro d’Italia. Gerusalemme e Israele c’entrano come cavoli a merenda, ma neppure si contentano di esultare per lo spot gratuito di politica internazionale. Protestano perché si è specificato che la prima tappa del Giro avverrà in Gerusalemme Ovest. “Non se ne farà niente”, ha urlato il governo di Tel Aviv, “se non cancellerete la parola ovest. Gerusalemme è tutta nostra e c’è chi potrebbe osare di non ritenere nostra anche Gerusalemme Est. Sospettiamo che siano intervenute ingerenze filo palestinesi. Azzeratele o niente Giro in Israele.”

Capito perché non c’è pace da quelle parti?

(Dicembre 2017)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen