NEWS

CARMINE COLELLA ALL'ASSOCIAZIONE LUCANA     La conferenza verterà su Francesco Mauro, illustre lucano di Calvello (Potenza), di cui si era persa...
continua...
TOTONNO ’E  QUAGLIARELLE   di Luigi Rezzuti   Totonno ’e quagliarelle era un personaggio di altri tempi, un uomo tutto di un pezzo, un napoletano...
continua...
PREMIO NAZIONALE DI POESIA "SALVATORE CERINO"     (Dicembre 2018)
continua...
Martedì 4 luglio al via "Vietri in Scena" Oltre 20 appuntamenti gratuiti a Villa Guariglia, Villa Comunale e Palazzo della Guardia   Al via domani...
continua...
Pensieri ad alta voce di Marisa Pumpo Pica   Revisionare Dante?      Sul filo dei nostri “Pensieri ad alta voce”,  questa volta è di scena Dante....
continua...
SEGNALIBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Fiori del mio campo, di Giovanni Baiano, Cosmopolis Edizioni Napoli   Uomo d’altri tempi, Giovanni...
continua...
Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   “Two”, una coppia alle prese con dinamiche da bar Alla Sala Pasolini di Salerno nell’ambito della...
continua...
SERGIO ZAZZERA, Broccolincollina. Fatti, figure e luoghi della collina vomerese (Napoli, Cuzzolin, 2016), pp. 200, €. 13,00.   recensione di Mimmo...
continua...
“SWINGING”: ENZA MONETTI AL PAN   di Sergio Zazzera   In principio era l’albero. Che sia quello “della conoscenza del bene e del male” della...
continua...
L’antica chiesa di S. Gennariello   di Antonio La Gala   La chiesa più antica del Vomero è quella di S. Gennariello, in Via Cifariello, più nota...
continua...

IL SENSO DELLA POSSIBILITA’

 


Martedì 18 giugno 2013 alle ore 18.00, presso la libreria Loffredo (via Kerbaker, 19/21 – Napoli), presentazione della raccolta di poesie: IL SENSO DELLA POSSIBILITA’, di Antonio Spagnuolo (Kairòs Edizioni). All'incontro con l’Autore interverranno Ugo Piscopo e Ciro Vitiello; modera Maurizio Vitiello; letture di Maria Rosaria Riccio.

La scrittura delle immagini, ne ” Il senso della possibilità” di Antonio Spagnuolo, concede al lettore una perfetta armonia di toni e di soggiacenze albicanti attraverso il suo nuovo snodo poetico. Affiora trasversalmente una straordinaria sfida al già ricco e denso turgore del preconscio: questa stratificazione, sedimentata di ricerca e di originalità, che da un cinquantennio Antonio Spagnuolo porta avanti nella sua valorosa attività di poeta, si presenta alla nostra sensibilità, con una fase nuova e assai più distesa, nel tentativo inesausto di disvelamento del mistero della condizione umana.

Il milieu d’incontro non è più in quel disaggregante mondo delle immagini, che trova nel topos della malattia o nell’esperienza del discorso amoroso le sotterranee latebre dell’inconscio, ma, sulla scorta di un’indagine incrociata, vengono alla luce i residui diurni di una ragionevolezza emulsionante, quando l’amore si ritrae dall’essere e fa capolino l’infinita trascendenza dell’esperienza interiore, disseminata nei versi di questa appagante silloge.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen