• Stampa

Andiamo a Teatro

 

a cura di Marisa Pumpo Pica

 

In uno dei nostri precedenti trafiletti, ci eravamo ripromessi, parlando delle iniziative di Mutaverso Teatro di seguirne il percorso attraverso alcune sue tappe. Quella a cui oggi facciamo riferimento ci sembra una delle più valide per tematica, struttura e problematiche allusioni semantiche.

'Nta ll'aria. La compagnia Teatro Pubblico Incanto - venerdì 23 marzo alla stagione Mutaverso Teatro.

Dal profondo sud è arrivato all'Auditorium Centro Sociale di Salerno

 (via R. Cantarella 22, Salerno - quartiere Pastena)

,nell'ambito della stagione Mutaverso Teatro, diretta da Vincenzo Albano, venerdì 23 marzo alle ore 21, lo spettacolo “'Nta ll'aria”, della compagnia Teatro Pubblico Incanto. Autore Tino Caspanello, che ne cura anche regia e scena. Sul palco Cinzia Muscolino, Tino Calabrò, Alessio Bonaffini.

La scena: due operai, un balcone da dipingere,

La trama: parole senza peso per fare scorrere il tempo. E potrebbe essere l’eternità, così, per sempre. Invece è proprio il tempo, con i suoi sentimenti inespressi, la sua logica, le sue contraddizioni. E, con il tempo, l’altro grande protagonista: l’essere umano, che si dibatte fra le sue certezze e affronta ogni difficoltà: la sete, la fame, la solitudine.

“Potrebbe essere così, per sempre, se non arrivasse qualcuno che è fuori dal disegno, fuori dalla perfezione, qualcuno che non sa dove andare, perché trovare un posto, nel cuore, è ormai quasi impossibile; qualcuno che però ha molto da offrire, tra un caffè e l’altro, tra un bicchiere di vino e un sogno rubato all’immaginazione; qualcuno che ancora guarda il mondo e lo ascolta, oltre i suoi rumori, oltre il suono delle sue parole, per scoprirne i segreti che viaggiano sotto la sua pelle.”

'Nta ll'aria è una riflessione sui condizionamenti che, troppo spesso, ci impediscono di accettare l’altro, il diverso da noi, fino ad arrivare al rifiuto. Solo per paura, perché nella diversità dell’altro crediamo si nasconda  una minaccia alla nostra presunta normalità.

Tino Caspanello, classe 1960. Nel 1993 fonda l’Associazione Culturale Solaris – Compagnia Teatro Pubblico Incanto, con cui allestisce e interpreta più di 30 spettacoli di autori quali Eduardo De Filippo, Jacopone da Todi, Shakespeare, Pirandello, Albee, Melville, Consolo, Wilcock. Parallelamente, inizia la sua attività di drammaturgo: sulle sue opere si apre il sipario anche dei teatri di Marsiglia, Lione, Tolosa, Strasburgo e Parigi. Nel 2011 è ospite del Troisième Bureau di Grenoble al Festival Regards Croisés, durante il quale viene presentato in francese A l’air libre ('Nta ll’aria). Nel 2014 il suo testo Quadri di una rivoluzione ha ricevuto il Palmarès Eurodram presso la Maison d’Europe et d’Orient di Parigi.

Inizio spettacoli ore 21.00 - Biglietto intero: 12 euro - Biglietto ridotto: 9 euro* - Carnet completo 8 spettacoli: 70 euro - Possibilità di acquisto tramite carta del docente - Info e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. | 329 4022021 | 348 0741007 | pagina facebook erreteatro.

* La riduzione è riservata agli spettatori under 25 e over 65; studenti universitari (previa esibizione carta studenti); tesserati Arci, Informagiovani Salerno, Rete dei giovani per Salerno (previa esibizione tessera); gruppi di minimo 5 persone (previa prenotazione); operatori e allievi dei laboratori teatrali di Salerno e provincia; possessori di abbonamento al Cineforum Fatima (previa esibizione abbonamento).

(Marzo 2018)