NEWS

AL PAN DI NAPOLI LE “OMBRE” DI ARMANDO DE STEFANO   Dal 19 maggio al 25 giugno, una mostra curata da Mimma Sardella. Armando De Stefano omaggia Jorge...
continua...
OEDIPUS     Fisciano, mercoledì 8, ore 15,00, Università degli studi di Salerno, Incontri tra letteratura e matematica presso il Dipartimento di...
continua...
IL PALLINO DELLA GUERRA   di Luigi Rezzuti   Durante la permanenza militare all’ospedale militare, una mattina, arrivò l’ordine di una esercitazione...
continua...
Eleganza   di Mariacarla Rubinacci   Finalmente ha fatto il suo trionfale ingresso la stagione calda/tiepida, dato che alcuni momenti di pioggia...
continua...
Come fu creata Eva   di Luigi Rezzuti     Fu tutta colpa della depressione di Adamo, il quale, non essendo contento di trovarsi nel Paradiso...
continua...
“L’ULTIMO SCUGNIZZO”   di Luigi Rezzuti   “L’ultimo scugnizzo” è una commedia in tre atti, rappresentata da Viviani per la prima volta nel 1932 al...
continua...
“PROCIDA ‘900”   Martedì 15 maggio 2018, alle ore 17.30, nell’aula “Massimo Della Campa” (4° piano) della Fondazione Humaniter (piazza Vanvitelli, 15 –...
continua...
CLAMOROSA INCHIESTA SULLA JUVENTUS   a cura di Luigi Rezzuti   Quando dai social si è saputo che il 22 ottobre 2018 la famosissima trasmissione...
continua...
E’ FINITO IL CAMPIONATO DI CALCIO DI SERIE A 2016 – 2017   di Luigi  Rezzuti   Spalletti, allenatore della Roma,  a fine campionato si è ritrovato con...
continua...
“SWINGING”: ENZA MONETTI AL PAN   di Sergio Zazzera   In principio era l’albero. Che sia quello “della conoscenza del bene e del male” della...
continua...

L’intervista

 

di Marisa Pumpo Pica

 

Enjoy the Void e il suo album d’esordio “Our Garden”  

 

Si fa strada, nel panorama musicale di questi giorni, una nuova proposta artistica, quella della band Enjoy the Void, capitanata dal calabrese Sergio Bertolino. Il lancio ufficiale del loro singolo ha fatto da apripista all’omonimo album d’esordio, registrato presso gli studi dalla BAM! di  Sapri, in provincia di Salerno.


Il singolo “Our Garden”, dopo un’anteprima su Sentire Ascoltare, è ora online su Youtube.

Quale sia il significato di Enjoy The Void ci viene chiarito dagli stessi protagonisti della Band musicale e, in particolare, dal cantautore, Sergio Bertolino:           

«Nel “Gorgia” di Platone, Socrate dice che il piacere che si prova nel bere deriva dal disagio prodotto dalla sete. L’essenza del desiderio sta nella mancanza: ci alziamo dal letto, ci muoviamo, compiamo azioni perché siamo incompleti... Tutto quel che esiste si muove perché “desidera”, ossia ha una mancanza. Tale mancanza io la chiamo “Vuoto”. È grazie ad esso che desideriamo e quindi viviamo (se fossimo completi non faremmo nulla, non cercheremmo nulla, non proveremmo nulla). Perciò il Vuoto non va demonizzato o scacciato, bensì va amato e apprezzato. “Enjoy the Void” significa proprio questo».

Gli Enjoy the Void, una nuova Band, dunque, con un nuovo progetto musicale che, come si è appena detto, ruota intorno alla figura del cantante e compositore calabrese, Sergio Bertolino.

Diventati una band a tutti gli effetti dall’incontro del cantautore con i musicisti degli studi della BAM! di Sapri (SA), gli Enjoy the Void hanno da poco messo a punto un primo album omonimo, registrato, appunto presso questi studi, da Giovanni Caruso.

Ed ecco quanto ci racconta il “capitano della squadra”, Sergio Bertolino:

«L’album è nato fra Torino e Manchester: ho arrangiato quasi tutto da solo, ma i brani erano ancora da sviluppare. Tornato in Italia, sono andato a trovare un amico a Sapri (Tony, con cui già avevo suonato a Torino). Lui mi ha introdotto alla BAM! Ho fatto ascoltare le mie canzoni e sono piaciute. Da lì l’idea di registrare l’album.”     

E poi? Come si è formata la Band?

“All’inizio i membri attuali della band dovevano solo aiutarmi a registrare il disco, ma il progetto ha coinvolto tutti, ben più di quanto mi aspettassi. Si è creato entusiasmo e ne ero felice. Ed ecco ’idea di formare una band. È stato bello, è nato tutto in maniera fluida e spontanea. Con Tony Guerrieri, il bassista, ci conosciamo e suoniamo da 10 anni. Gli altri li conosco da circa 4 anni, ma ormai il rapporto è tale che li considero veri amici. Il batterista è Francesco Magaldi, i due chitarristi sono Domenico Anastasio e Giuseppe Bruno, e poi c’è Giovanni Caruso, il fonico, che si è occupato delle registrazioni dell’album, membro a tutti gli effetti degli Enjoy the Void, elemento fondamentale per il nostro sound, in grado di creare le atmosfere necessarie a valorizzarlo. Sono tutti di Sapri, tranne me, che vengo da Reggio Calabria».

Come primo estratto (per anticipare l’uscita dell’album) è stata scelta “Our garden”, una ballad rock dai toni malinconici.

Ci può fornire qualche ulteriore dettaglio per quanto concerne la musica e i testi?

«L’album è molto variegato. Ogni canzone è un mondo a sé (sia in senso musicale che testuale), ha una propria atmosfera e un arrangiamento che si adatta al contenuto, per cui non è stata per niente una scelta facile. La cosa che più c’interessava era che il primo singolo piacesse a quante più persone possibile, così abbiamo girato le 5, 6 canzoni che ci sembravano più adatte a molte persone e la maggioranza ha consigliato “Our Garden”. “Our garden” è nata a Torino, nel periodo in cui vivevo lì. In quel periodo ero innamorato di una ragazza. Non lo ero mai stato prima, né avevo mai scritto una canzone d’amore. L’ho scritta per lei: avevo voglia di misurarmi con una “ballata amorosa”. Parla di quella fase in cui l’amore è tutto e il resto non conta. È la fase idealizzante dell’amore, dove la realtà è quasi messa da parte e si vive in un universo parallelo dove ci siete solo tu e lei, e va bene così.”

Dunque, ci pare di capire che la canzone è nata in un momento in cui il cerchio si restringe e gli altri, il mondo e tutto il resto, sembrano  non esistere più.

“Proprio così e devo aggiungere che questo singolo, per quanto sia nato da una situazione realmente vissuta, parla dell’amore in senso generale, oserei dire “universale”, un discorso che può valere per tutti. Descrive un momento che tutti  abbiamo attraversato quando ci è capitato di innamorarci. Parla dell’idea secondo cui l’amore, in senso ampio, è l’unica cosa per cui valga la pena di lottare, vivere e morire». Prodotto da Bam Factory, il videoclip, presentato in anteprima esclusiva sulle pagine di SentireAscoltare, è scritto e diretto da Pasquale Dipino mentre le riprese e il montaggio sono affidati a Gianfranco Mandola e vede come protagonisti Gemma Conforti e Giovanni Caruso.

Ma a noi piacerebbe conoscere più da vicino la storia del videoclip e come si sviluppa la sua realizzazione.

«Il videoclip è nato dall’idea di non voler fare il classico video in cui la band “finge” di suonare. Per questo abbiamo pensato a un “corto musicale”, una storia che raccontasse l’atmosfera e il contenuto del pezzo, senza strumenti, senza i membri della band. L’idea di base del video è del mio amico, Pasquale Dipino, grande appassionato di cinema. Lui ha scritto lo storyboard e diretto il video, mentre le riprese e il montaggio, come ho già detto, sono di Gianfranco Mandola. Pasquale ha sempre notato un velo di malinconia nel pezzo e ha voluto giocare con il concetto di “amore ideale” e di “proiezione mentale” creando una storia in cui quello che accade non è reale ma vive solo nella mente del protagonista: rispecchia perfettamente l’atmosfera del brano, per quanto sviluppi un racconto a parte».

Complimenti, dunque, e…in bocca al lupo…        

(Aprile 2018)             

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen