NEWS

PROGRAMMA dei CORSI dell'associazione 1virgola618   Eventi 2018 Percorso di riconoscimento di  ERBE spontanee sabato 3 marzo   ore 14-18con Alberto...
continua...
PRIMA DELL'OBLIO         (Marzo 2019)
continua...
Luca Postiglione. La vita come un sogno dorato   di Antonio La Gala   Luca Postiglione (1876-1936) fu un artista - pittore e poeta - attivo nei...
continua...
Europa League 2019   di Luigi Rezzuti   Ogni speranza di vincere lo scudetto, stagione 2018 – 2019, è ormai perduta e questo non perché la vittoria...
continua...
Abolizione delle monete da 1 e 2 centesimi di euro   di Luigi Rezzuti   Qualche anno fa, avemmo modo di denunciare lo spreco di danaro da parte...
continua...
Miti napoletani di oggi.43 “’O surdato ‘nnammurato”   di Sergio Zazzera   I conflitti bellici sono stati sempre occasione di nascita di canti, dei...
continua...
Miti napoletani di oggi.66 L’EDITORE   di Sergio Zazzera   L’Enciclopedia Treccani definisce “editore” «chi esercita l’industria della produzione e...
continua...
 “I Tesori di carta” di San Domenico Maggiore   di Luciana Alboreto    Napoli in auge per l’inaugurazione della mostra “I Tesori di Carta” di San...
continua...
Nascita della stazione di Napoli Centrale   di Antonio La Gala   Tutti i napoletani, quelli meno giovani, per esperienza diretta, gli altri,...
continua...
DIANA FRANCO PER IL QUIRINALE   Il dipinto su cristallo, intitolato Terrae Motus, donato dall’artista napoletana Diana Franco al Quirinale, è esposto...
continua...

“Di vecchiaia non si muore”

 

Alla Libreria Loffredo (via Kerbaker, 19/21 - Galleria Vanvitelli), giovedì 27 giugno, ore 18, Marisa Pumpo e Antonio Filippetti presentano il romanzo di Luciano Scateni, “Di vecchiaia non si muore” (edizioni Eracle); letture di Maria Rosaria Riccio; interventi musicali di Patrizia Lopez.

Tommaso Mensitieri, padre padrone di un’arretrata terra siciliana, dove tutto è deciso dai “mammasantissima”, condiziona scelte e comportamenti di moglie, figli e, di tutti quanti gli sono  comunque subordinati.  Lui comanda, ordina come un despota. La sua parola è legge. Tommaso, figlio di don Rosario, il “Grande Vecchio”, politico in carriera che ha lasciato la terra natìa per assurgere a deus ex machina di un potente partito, detta legge nel territorio che domina economicamente e s’illude di  garantire la felicità dei familiari assicurando loro la ricchezza materiale. Dovrà rendersi conto che l’agiatezza non compensa l’affetto paterno negato ai figli e un rapporto quasi animalesco con la moglie, che reagirà con la trasgressione. L’atmosfera tetra dei Mensitieri  è interrotta  dall’arrivo in paese del nuovo medico, il giovane Achille Orlando, che finisce per sconvolgere le loro vite. Diviene amante di figlia e moglie  di don Tommaso, tradito per di più, da un rapporto lesbico della donna. La saga dei Mensitieri è destinata a un tragico epilogo che coinvolge Don Rosario, il capostipite.  Il romanzo è lo spaccato di un Sud, dominato dalla mafia e dal buio dell’arretratezza.


Luciano Scateni, scrittore, giornalista, pittore. Negli  anni settanta è stato caporedattore responsabile della redazione napoletana di Paese Sera. Dal 1980 in Rai: caposervizio e inviato, autore di programmi e rubriche per le reti nazionali, per tredici anni ha condotto il telegiornale della Campania. Collabora con periodici regionali e nazionali e ogni giorno con un editoriale su Goldwebtv. Ha pubblicato quindici tra romanzi e saggi, ha esposto le sue opere in numerose mostre personali e collettive.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen