NEWS

Ecco i tre vincitori del premio Trivio     di Claudia Bonasi   Ecco i vincitori del premio letterario Trivio 2016. Per la sezione prosa edita vince...
continua...
Il Liceo Umberto   di Antonio La Gala   Il primo liceo istituito a Napoli, subito dopo l’Unità d’Italia, fu il Vittorio Emanuele II, ad indirizzo...
continua...
ALL’ARENA “SIECI” DI SCAURI: “ I CASI SONO DUE”   di Luigi Rezzuti   L’associazione Teatrale Cangiani, dopo gli strepitosi successi di pubblico e...
continua...
CHAMPIONS  LEAGUE “Le vie del Signore sono infinite”   di Luigi Rezzuti   Il Napoli guidato da Sarri è giudicato la migliore squadra che esprime...
continua...
SEGNALIBRO a cura di Marisa Pumpo Pica   Monos di Antonio Di Nola - Oèdipus Edizioni   Spesso siamo portati a pensare che la poesia e la scienza...
continua...
Il mercato calcistico del Napoli per gennaio   di Luigi Rezzuti   Il mercato calcistico di gennaio, chiamato anche mercato di riparazione,  si è...
continua...
Miti napoletani di oggi.64 LA “CITTA' IMPERMEABILE”   di Sergio Zazzera   Walter Benjamin elaborò per Napoli la definizione di «città porosa», nel...
continua...
Il calcio mercato del Napoli   di Luigi Rezzuti   E’ appena terminato il campionato che già si parla di calcio mercato. Il Napoli, classificatosi...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Succede che razzoli male chi predica bene Ma da che dissacrante pulpito il re Mida dei comici arringa il popolo...
continua...
Nati per donare?   Sabato 8 aprile, ore 17.30, via Cappella Vecchia, 8-b, 1° piano (citofono n. 1003), l’Associazione lucana Giustino Fortunato di...
continua...

“Di vecchiaia non si muore”

 

Alla Libreria Loffredo (via Kerbaker, 19/21 - Galleria Vanvitelli), giovedì 27 giugno, ore 18, Marisa Pumpo e Antonio Filippetti presentano il romanzo di Luciano Scateni, “Di vecchiaia non si muore” (edizioni Eracle); letture di Maria Rosaria Riccio; interventi musicali di Patrizia Lopez.

Tommaso Mensitieri, padre padrone di un’arretrata terra siciliana, dove tutto è deciso dai “mammasantissima”, condiziona scelte e comportamenti di moglie, figli e, di tutti quanti gli sono  comunque subordinati.  Lui comanda, ordina come un despota. La sua parola è legge. Tommaso, figlio di don Rosario, il “Grande Vecchio”, politico in carriera che ha lasciato la terra natìa per assurgere a deus ex machina di un potente partito, detta legge nel territorio che domina economicamente e s’illude di  garantire la felicità dei familiari assicurando loro la ricchezza materiale. Dovrà rendersi conto che l’agiatezza non compensa l’affetto paterno negato ai figli e un rapporto quasi animalesco con la moglie, che reagirà con la trasgressione. L’atmosfera tetra dei Mensitieri  è interrotta  dall’arrivo in paese del nuovo medico, il giovane Achille Orlando, che finisce per sconvolgere le loro vite. Diviene amante di figlia e moglie  di don Tommaso, tradito per di più, da un rapporto lesbico della donna. La saga dei Mensitieri è destinata a un tragico epilogo che coinvolge Don Rosario, il capostipite.  Il romanzo è lo spaccato di un Sud, dominato dalla mafia e dal buio dell’arretratezza.


Luciano Scateni, scrittore, giornalista, pittore. Negli  anni settanta è stato caporedattore responsabile della redazione napoletana di Paese Sera. Dal 1980 in Rai: caposervizio e inviato, autore di programmi e rubriche per le reti nazionali, per tredici anni ha condotto il telegiornale della Campania. Collabora con periodici regionali e nazionali e ogni giorno con un editoriale su Goldwebtv. Ha pubblicato quindici tra romanzi e saggi, ha esposto le sue opere in numerose mostre personali e collettive.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen