NEWS

 I teatri dei bisnonni   di Antonio La Gala     Come si divertivano a teatro i nostri nonni e bisnonni napoletani? Sappiamo molto sui teatri più...
continua...
Miti napoletani di oggi.41 L’IDENTITA’ NAPOLETANA   di Sergio Zazzera   L’antropologia definisce l’identità come «patrimonio da conservare» e, in...
continua...
“Pagine” di Vincenzo Aulitto e Francesco Lucrezi     Mercoledì 13 dicembre 2017 alle ore 17 presso Movimento Aperto, via Duomo  290/c Napoli si...
continua...
Maggio dei monumenti   di Luigi Rezzuti   Il maggio dei monumenti 2016 è iniziato e terminerà a metà giugno. La 24° edizione è incentrata sulle...
continua...
AGGIORNAMENTI  DAL MONDO DELLA SCUOLA   di Annamaria Riccio   Ce ne sono davvero tante di novità ma, saranno proprio nuove notizie, oppure trattasi di...
continua...
PROGRAMMA dei CORSI dell'associazione 1virgola618   Eventi 2018 Percorso di riconoscimento di  ERBE spontanee sabato 3 marzo   ore 14-18con Alberto...
continua...
GIUSTIZIA E POLITICA   di Sergio Zazzera   Il sistema statunitense di amministrazione della giustizia – che non saprei dire se possa essere definito...
continua...
Miti napoletani di oggi.52 IL “CUOPPO”   di Sergio Zazzera   In senso proprio, a Napoli il cuóppo è il cartoccio a forma di cono capovolto; in...
continua...
La tarantina - L’ultimo femminiello   di Luigi Rezzuti   Fu cacciato di casa all’età di nove anni e la sua unica scuola fu il marciapiede. Per le...
continua...
Il peschereccio   di Luigi Rezzuti   Marco correva veloce con la sua bicicletta. La strada, nel suo ultimo tratto, era in leggera discesa e per...
continua...

San Giovanni Rotondo: ostensione permanente di San

Pio da Pietrelcina

 

di Luciana Alboreto

 

Dal 1° giugno 2013 si è rinnovata, rendendosi permanente, l’ostensione per la venerazione delle reliquie del corpo di San Pio da Pietrelcina. “Io sarò qui in mezzo a voi, più di prima… per parlarmi dovevate aspettare… adesso nella mia tomba, sono io che vi aspetto”. Le parole di Padre Pio, dettate dalla consapevolezza del cammino terreno, volto al termine, rappresentano il testamento spirituale, lasciato ai suoi fratelli, affinchè non si interrompesse quel legame che, nell’amore di Dio, li univa a lui. Parole da leggere come un impegno, una vera promessa del frate cappuccino più amato del XX secolo, verso coloro che, nella sua vita di missionario, ha confortato e rassicurato nel dolore e spronato vivacemente alla fede. Tale dimensione spirituale si completa con l’esigenza umana che esprime la necessità di percepire anche sensibilmente e visivamente la presenza di un carismatico.

Dal 24 aprile 2008 al 24 settembre 2009, la prima ostensione del corpo di Padre Pio ha evidenziato, nei folti pellegrinaggi, la necessità umana di unirsi a lui in preghiera percependolo fisicamente vicino. Una realtà dalla quale non si è potuto prescindere allorquando una folla numerosa di fedeli ha sollecitato, con incisività, il desiderio di tornare ad invocare la protezione e l’intercessione del Santo, di fronte alle sue reliquie. Lettere, telefonate, e-mail, esprimendo questa volontà forte, hanno annoverato, come esempio, altri santi che, nel territorio nazionale, sono visibili al culto dei fedeli. La coincidenza di tali pressioni, con il corrente Anno della Fede, ha indotto l’arcivescovo di Manfredonia – Vieste - San Giovanni Rotondo, monsignor Michele Castoro, ad attivarsi affinchè l’ostensione, dal 1° giugno 2013, ritornasse permanente

Una cerimonia religiosa, presieduta dal cardinale Angelo Amato, prefetto della congregazione delle Cause dei Santi, ha siglato, in maniera indelebile, questo evento, atteso ed auspicato da migliaia di devoti.
Il volto del Santo e il suo grande cuore parleranno eternamente a chiunque si avvicinerà a lui percorrendo il colle di San Giovanni Rotondo con il desiderio di “sperimentare la misericordia di Dio”.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen