NEWS

SEGNALIBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Fiori del mio campo, di Giovanni Baiano, Cosmopolis Edizioni Napoli   Uomo d’altri tempi, Giovanni...
continua...
Miti napoletani di oggi.68 L’attesa del mezzo di trasporto   di Sergio Zazzera   La scena si ripete tutti i giorni, anche più volte nella stessa...
continua...
Luca Postiglione. La vita come un sogno dorato   di Antonio La Gala   Luca Postiglione (1876-1936) fu un artista - pittore e poeta - attivo nei...
continua...
Napoli e Totò nel cuore della Nicolardi   di Annamaria Riccio   Come ormai è consuetudine, anche quest’anno si è svolta la manifestazione di fine...
continua...
I HAVE A DREAM   di Sergio Zazzera   “I have a dream”. Sì, senza volermi paragonare a Martin Luther King, e soprattutto senza volergli mancare di...
continua...
A San Valentino …abbiamo tutti 20 anni   Al Museo del Mare, il 14 febbraio, non per nostalgia ma perché anche se i nostri capelli sono bianchi,...
continua...
CONCERTO DI NATALE - FONDAZIONE CASTEL CAPUANO     (Dicembre 2019)
continua...
Miti napoletani di oggi.51 I MERCATINI RIONALI   di Sergio Zazzera   Mimmo Piscopo, Mercatino di Antignano Napoli è tutta un pullulare di...
continua...
Miti napoletani di oggi.53 LA SANITA’   di Sergio Zazzera   Non tragga in inganno il titolo: non è della tutela della salute (sul cui carattere...
continua...
LA  FIGLIA  FEMMINA, di Anna Giurickovic Dato   di Luigi Alviggi   Il libro si apre nella città di Rabat ove il padre Giorgio, diplomatico italiano,...
continua...

Un interessante spettacolo di ERIN K

 

L’Associazione La Stazione & Rock Events hanno presentato, nei giorni scorsi, uno spettacolo live della folk singer londinese Erin K, che ha rapito da subito il pubblico con la sua voce e la sua fedele chitarra. La scena anti-folk londinese ha impiegato poco tempo ad accorgersi di lei e della sua band con le sue canzoni autobiografiche, eccentriche, oneste e sincere, che toccano temi come "amici con benefici", animali ibridi, relazioni perse, cibo, ma anche tematiche decisamente più ‘politically incorrect’ (bambole del sesso), che colpiscono l’attenzione degli spettatori.

Erin K si è esibita alle Olimpiadi di Londra 2012 e alle Paraolimpiadi, e ha suonato, attraverso un’apparizione personale, al Festival di Edimburgo. Il suo singolo di debutto, "Coins" fa presa su Huw Stephens, che lo propone come suggerimento settimanale nel programma ‘BBC Introducing’. La BBC e poi la stampa specializzata (Kerrang e la colonna musicale del Guardian) accendono i riflettori su di lei che, intanto, si trasferisce a vivere negli States (Williamsburg, Brooklyn) per dedicarsi anima e corpo alla sua musica. Molti i possibili raffronti, come quelli con Kate Nash, Regina Spektor, Susanne Vega e LilyAllen.

Lineup: Erin K Voce - chitarra acustica – ukulele; Brian Radock  Voce e percussioni; Danielle Voce - Glockenspiell – Timpano.
La Stazione associazione - Via Giovanni della Rocca, 252 - Boscoreale  (Napoli).

(Marisa Pumpo Pica)

(Maggio 2016)

LINO BANFI

 

di Luigi Rezzuti

 

Pasquale Zagaria, in arte Lino Banfi, nasce il 9 luglio del 1936 ad Andria, in provincia di Bari.

A quindici anni entra in seminario per diventare prete e qui si cimenta in diverse recite sacre.

Le sue esibizioni, però, suscitano l’ilarità degli spettatori ed è così che il Vescovo, riconoscendo in lui la vocazione alla comicità, gli consiglia di passare al palcoscenico dicendogli : “La tua vocazione non è quella di fare il prete, ma di far ridere la gente visto che ad ogni cosa che dici le persone ridono. È una missione pure questa!”.

Nel 1954 Banfi si trasferisce a Milano per tentare l’avventura del teatro di varietà: lavora con Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, Lando Buzzanga, Renato Pozzetto, solo per citarne alcuni.

Raggiunge la notorietà con pellicole come “L’allenatore nel pallone”, “Il commissario Lo Gatto” e tante altre.

Dal 1974 al 1983 diventa l’icona delle commedie sexy all’italiana, lavora con Gloria Guida, Nadia Cassini e con Edwinge Fenech, con la quale gira ben 11 film.

Lascia il filone sexy all’italiana e, nel 1998, la sua notorietà aumenta con la fortunata serie televisiva “Un medico in famiglia”, dove interpreta Nonno Libero.

Quest’anno ha ricevuto il suo 15°Premio alla Carriera “L’arancia d’oro” nell’ambito del Festival dell’umorismo, condotto da Enzo Iacchetti e Laura Freddi, un evento che ha consacrato, nei suoi 31 anni, personaggi, come Ficarra e Picone, Aldo, Giovanni e Giacomo e tanti altri ancora.

Laura Freddi gli ha chiesto : “Come hai fatto a lavorare con tante bellissime donne senza mai innamorarti”.

Banfi le ha risposto : “Come fanno tutti coloro che lavorano seriamente e basta”.

Quest’anno sono iniziate a Cinecittà le riprese televisive della decima edizione di “Un medico in famiglia”, che proseguiranno in Puglia, nella zona di Alberobello, dove verranno girate alcune scene.

Lino Banfi ha detto: “Nonostante l’età che ho (79 anni), continuo a lavorare perché mi sento ancora giovane e tengo occupato il cervello”.

(Aprile 2016)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen