NEWS

PER TOTO'     (Maggio 2017)
continua...
Campionato di calcio di serie A, Stagione 2017/2018   di Luigi Rezzuti   Quasi tutti sanno degli stipendi percepiti dai calciatori, ma in pochi sanno...
continua...
LUIGI NECCO MUORE ALL’ETA’ DI 83 ANNI   di Luigi Rezzuti   E’ morto Luigi Necco all’ospedale Cardarelli di Napoli per insufficienza respiratoria. I...
continua...
All’asilo dalle suore   di Luigi Rezzuti   Ogni volta che Enrico si trovava davanti a quel muro scrostato, non poteva fare a meno di fermarsi e...
continua...
Miti napoletani di oggi.57 LA "CASA DI TONIA"   di Sergio Zazzera   Dal 2010, al civico n. 12-g di via Santa Maria degli Angeli alle Croci, a...
continua...
 Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica    Mutaverso Teatro Al Giullare "Nella gioia e nel dolore"   Al teatro “Il Giullare” (via Vernieri,...
continua...
E  POI ... Rio, inferno e paradiso di Raffaele Calafiore   di Luigi Alviggi   Copacabana, Ipanema, sono nomi che rievocano immagini prestigiose di...
continua...
Il tempo del vino e delle rose - Caffè letterario piazza Dante 44/45, Napoli - Info 081 014 5940    17 maggio ore 18:00 L'incontro è dedicato a due...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Odio -Amore e nel mezzo Trump Non è vero che l’incredibile Trump rischi il linciaggio politico globalizzato, ma  i...
continua...
SANITA’ Eppur si muove…   di Loredana Pica   Eppur si muove… qualcosa a Napoli, una città spesso in bilico tra lentezze burocratiche e una tendenziale...
continua...

Parlanno ‘e poesia 10

 

di Romano Rizzo

 

Giuseppe Cangiano ( 1913/ 1987 )

 Giuseppe Cangiano è uno dei tanti, troppi poeti della Napoli di un tempo, che la critica ha, a mio parere, ingiustamente trascurato negandogli la posizione che avrebbe meritato. Poco si conosce della sua biografia: Nato nel 1913, salutò questo mondo nel 1987, poco prima che la sua ultima fatica ( quella bella antologia della poetica napoletana di fine novecento, arricchita ed impreziosita dalla sua accorata difesa del dialetto e della tradizione ) vedesse la luce.

In questo bel lavoro che egli definì rassegna antologica, dimostrando il suo grande amore per la poesia, intese offrire ai lettori liriche di poeti a lui contemporanei a testimonianza della vitalità della poesia napoletana. È stato uno spirito libero che non si è mai voluto legare a un salotto o cenacolo, perché orgoglioso della sua indipendenza. Ne fa fede anche l’impostazione da lui data a questa rassegna (per ogni autore sono riportati solo dati anagrafici), ritenendo egli che “ in arte ciò che più conta è l’opera che si lascia, in quanto soltanto l’arte vera è immortale. La sua produzione poetica è racchiusa essenzialmente in tre voluni:

1) Penombra napulitana del 1976;

2) Nun me tuccate Napule del 1982;

3) De…camerino del 1979.

Molto significativa, a mio parere, è la breve poesia che introduce “Penombra napulitana” A tiempo perzo:

 

“Aggio scritto sti vierze a tiempo perzo / pe’ sbarià nu poco cu ’o penziero/ e v’assicuro ca me so’ spassato/ immagginanno cose..po’ succiesse / Me so’ arrubbate ll’ore ‘e chesta vita / jucanno cchiù ’e na vota ’e fantasia../ D’’a  fantasia già m’ero nnammurato / e mbracci’a essa me so’ arrepusato !!

Nel volume “Nun me tuccate Napule”, il Cangiano fa una accorata difesa di questa nostra bella città, troppe volte maltrattata e malmenata da chi, non conoscendola a fondo, non riesce a comprenderla nel suo giusto valore. La sua difesa è fatta, però, con i suoi consueti toni pacati e discorsivi, e, forse, più che a una invettiva fa pensare ad una preghiera. Tutta la poetica del Cangiano è sempre contraddistinta, del resto, da  un tono nitido e chiaro, privo di fronzoli e orpelli, ma  sempre ricco di originalità e spontaneità. Egli eccelle nei “ bozzetti” per la perfezione ed estrema naturalezza delle descrizioni, perfette anche nei più minimi dettagli. Basti pensare alla sua lirica “ Alici fritte”, che è stata molto spesso declamata dai più bravi dicitori ed interpreti. La ricchezza della sua poesia è pari solo alla sua modestia. (Si pensi, che solo dopo la Sua morte, nella rassegna antologica da lui voluta, sotto il Suo nome è apparsa la dizione Dirigente Amministrativo e non so se questo possa avergli fatto piacere!) A me piace definirlo il poeta della vita di tutti i giorni, il poeta del quotidiano che ci colpisce e ci incanta per quello che scrive e per come lo scrive. È stato un poeta autentico, uno dei pochi veramente innamorati della Poesia e non solo della loro poesia. Una figura, forse minore, ma che va giustamente celebrata e non dimenticata

Alice fritte
(di GIUSEPPE CANGIANO)

Pareno strisciulelle d’acqua ‘e mare!
Verde smeraldo si so’ fragulelle,
spruzzate ‘argiento dint’a na spasella
luceno p’’a frischezza e p’’o culore.

Si so’ cchiù grosse, so’ alice ‘e sperone,
accussì blù ca pareno pittate
comme, chi sa, ll’avessero pittate
mmane d’artista ‘e nu…decoratore.

I’ me fermavo spisso addu Luigione:
me ‘ncantavo a guardà ‘sta piscaria
ch’assumigliava a na giujelleria…
tant’era ‘o bbene ‘e Ddio ca se vedeva.

Ll’acqua scurreva ‘a tanti funtanelle.
sciuliànno ‘ncpp’â lastra d’’o bancone
(na lastra ‘e marmo ca nun fa ‘mpressione
pecchè era vivo chello ca ce steva)

Ll’evera ‘e mare tutt’arravugliata
ê vvote cummigliava quase apposta
ciefàre, auràte, spigule, raòste.
saraghe, triglie ‘e morze e tutt’’o riesto.

Po,tra na fronna e n’ata,’o pesce ‘e taglia
cacciava n’uocchio lustro e ‘nsanguinato
comme pe dì:« mo mo m’hanno piscato!
Te paro muorto, ma so’ vivo ancora!»

Vuje che vulite ‘a me? forse so’ fesso…
ma addò c’è gusto, nun ce sta perdenza…
V’’o dico sotto voce,’ncunfidenza,
ca preferisco ‘alice…E ch’aggio ‘a fà?

Me piaceno ‘nturtiera, ’ncopp’’e ppizze,
spinate c’’o limone, si è zucuso,
ma chelle ca so’ propio ‘e cchiù sfezziose,
a verità..songo ll’alice fritte.

Ll’affierre cu ddoje ddete, capa e coda,
t’’e passe ‘nnanz’’o musso dritte,dritte
e comme si sunasse n’urganetto
siente musica ‘e mare ‘mmocca a te.

Siccomme ‘o mare a me me piace assaje
ve cerco sulamente nu favore:
Nun me purtate sciure quann’i’ moro,
nun appicciate lluce nnanz’â nicchia…

Voglio sentere addore ‘e chistu mare
( pure ‘int’’o testamento ll’aggio scritto)
Pirciò v’’o ddico ‘a mo , ma zittu zitto
«Purtateme nu piatto ‘alice fritte!!!»

(Marzo 2017)

Villa Patrizi e S. Stefano

 

di Antonio La Gala

 


Fra le due aree collinari contigue, di Posillipo e del Vomero, possiamo individuare una zona di passaggio nella parte di via Manzoni compresa fra l’inizio di via Michelangelo da Caravaggio, villa Patrizi e piazza Santo Stefano.

In passato questo tratto di via Manzoni, assieme alla parte più alta di via Tasso, era una zona agreste e costituiva una specie di borgo abitato da contadini e dai proprietari delle grandi ville – per lo più nobili - che, insieme, spiritualmente, gravitavano attorno alla chiesetta di campagna di Santo Stefano.

Poco dopo la chiesetta, un’antica e malandata targa, che resiste su un muro di Corso Europa, reca l’iscrizione “strada del Vomero”.

Villa Patrizi, in via Manzoni, sorse verso metà Settecento ad opera del marchese Pietro Patrizi, che comprò “una massaria arbustata, vitata e fruttata” con una casa quasi inabitabile, trasformata, con i lavori di ampliamento eseguiti nei tempi successivi, in una villa gentilizia molto importante.

La felice posizione panoramica della villa la rese famosa, ricevendo le lodi anche dell’imperatore austriaco Giuseppe, in visita a Napoli.  Racchiude un teatrino, che è stato attivo anche in tempi recenti, capace di circa cento posti.

Fino a Novecento inoltrato la villa dava il nome a tutta la zona circostante, tant’è che essa era nota con il nome di “via Patrizi”, come testimoniano lettere e cartoline, che venivano spedite con tale “indirizzo”.

La strada fra la villa e la chiesetta di S. Stefano era fiancheggiata, da un lato, da un susseguirsi di muri di contenimento di tufo, sormontati da agrumeti e vigneti, e, dall’altra parte, da un susseguirsi di tratti panoramici protetti da bassi muretti. Muri e muretti erano interrotti, da un lato e dall’altro, da villette e palazzotti con viali e parchi sorti a cavallo dell’Otto e Novecento, fra cui spiccavano, vicino alla chiesetta, Villa Rachele e Villa Spera, poi divenuta Villa Giordano, poi sala per ricevimenti “Corte dei Leoni”, costruita da Adolfo Avena nel 1922, di gusto neoeclettico ricco di reminiscenze romaniche.

La chiesetta di S. Stefano sorse verso la fine del Settecento; inizialmente era di diritto patronale del duca Antonio Winspeare, proprietario di Villa Salve, nel cui complesso ricadeva il tempietto. Nei tempi in cui la religione aveva un certo peso nella vita della gente, soprattutto in contrade come quelle di cui stiamo parlando, era molto frequente che, per devozione al Santo titolare della chiesetta, venisse dato il nome Stefano ai bambini.

La chiesetta restò in funzione fino al 1972, quando vi si celebrava ogni domenica e nelle feste di precetto, almeno una Messa. 

La sua eredità è stata raccolta dalla Parrocchia di S. Vincenzo Pallotti, sorta nel secondo Novecento in Largo Europa.

(Febbraio 2017)

Parlanno ’e Poesia 9

Ferdinando Russo

 

di Romano Rizzo

 


Conoscere alcuni aneddoti sulla vita di un grande della poesia napoletana può contribuire, a mio avviso, a  renderne più umana e più vicina a noi la figura, perché ci permette di comprendere meglio alcuni tratti essenziali del Suo carattere.

A tal fine, dal bel libro che Oreste Giordano gli ha dedicato, ho tratto alcuni aneddoti, che fanno piena luce sul Suo modo di essere e sull’epoca in cui visse.

Caratterialmente molto diverso dal Di Giacomo (schivo, riservato e un po’ timido) il Russo (spavaldo, irruento, spericolato) fu assiduo frequentatore di ritrovi e salotti. Si narra che Rocco de Zerbi, uno dei mecenati dell’epoca, dopo aver ascoltato in un ritrovo “Scètate”, disse: “Stupenda questa serenata. Di chi sono i versi?” “Miei...” rispose Russo. E  de Zerbi: “Vieni a casa mia con Costa, giovedì organizzerò il tuo battesimo da poeta!” Russo, però, era molto restio ad accettare l’invito, che pur lo lusingava... Non possedeva frac né smoking e, solo dietro insistenze degli amici, vi si recò con un vestito nero, destando l’ironia del Rosati che gli dedicò questi versi:

“Vestito da cadavere / tu sembri l’uomo feretro / ovvero il vate scheletro.”

Come si vede anche allora c’era chi non perdeva occasione per colpire gli altri solo per il gusto di strappare un sorriso.

La Sua spavalderia il Russo mostrò, fermando, in via Toledo, una carrozza, al traino di un cavallo imbizzarrito e, in seguito, offrendosi volontario per un viaggio in pallone con lo Spalterini,  senza alcun compenso, ma soltanto perché questi aveva affermato in pubblico che i Napoletani non avevano il coraggio di salire a 3.000 metri per sole 300 lire. Di carattere impulsivo, il Russo scriveva sempre di getto e non conservava copia di quanto aveva scritto. Il Giordano racconta che, per la prima edizione delle Poesie napoletane dovette copiargli tutte quelle che avevano pubblicato le riviste e i giornali. Di contro, fu tanto ossessionato dall’idea che la poesia e l’arte dovessero fedelmente rispecchiare la realtà, che non esitò a frequentare ambienti malfamati per apprendere espressioni gergali e far parlare i suoi personaggi con il linguaggio proprio della loro condizione sociale. Questo gli valse l’appellativo di poeta popolaresco, che gli viene comunemente attribuito ma che, forse, ha finito per nuocergli, facendo passare in secondo piano le stupende liriche sentimentali, raccolte in “Sinfonie d’amore” o in “Rosario sentimentale” o ancora nei “Poemetti del cuore”. È da rilevare, però, che il Ruocco definì giustamente il Russo “verace poeta d’amore.” Il De Caro narra che, pur essendo caratterialmente, molto diverso dal Di Giacomo, assai forte era la stima reciproca dei due grandi autori. In particolare De Caro racconta che il Russo ad un giovane aspirante poeta, che sperava di ingraziarselo ed aveva cominciato a parlar male del Di Giacomo, interrompendolo, disse : “ Guagliò… A chi vuò fà fesso ? Primma ’e parlà ’e don Salvatore…sciacquate ’a vocca e lievete ’o cappiello! E mo… vattenne!” Nel volume del Giordano è, altresì, evidenziatò il grosso dispiacere del Russo per non essere stato nemmeno citato dal Croce e poste in luce alcune feroci critiche all’operato di quanti seguivano passivamente il Croce nelle loro considerazioni critiche. Non mi piace aggiungere altro su tale argomento, mi basta considerare che certe cose sono note a chi è nell’ambiente: si sono verificate in passato e, purtroppo, continuano a verificarsi. È fuor di dubbio, comunque, che il Russo è stato uno dei capisaldi della poesia napoletana e che ha amato sovra ogni cosa la sua terra, alla quale lasciò morendo questi due versi:

“Napoli ride, ’int’a na luce ’e sole /

chiena ‘e feneste aperte e d’uocchie nire”. Parole con cui Russo, autore fra l’altro, di canzoni, come “Scètate”, “Serenatella nera”, “Manella mia”, “Nun me guardate cchiù”, “Nenna mia che vo’ sapè”, “Quanno tramonta ’o sole”, “Tammurriata palazzola”, e tante altre, salutò i suoi due amori: Napoli e le belle donne.

 Tu sola

di Ferdinando Russo

 

Tu sì tutto pe me! Ll’acqua che canta

miezo a sti scoglie ’o canto d’ ’e Sserene;

’o sole ’e fuoco ca stu munno ammanta,

’o sango ca me scorre dint’ ’e vvene!

 

Tu sì tutto pe me: nu suonno d’oro

ca ’int’ ’a notte me vene a cunzulà;

e quanno ride pare nu tesoro

chella vocca ca è nata pe vasà!

 

Tu sì tutto pe me: sì ’o raggio ’e luna

che tanti vvote me fa cumpagnia…

Sì ll’angelo , sì ’a Fata d’ ’a Furtuna,

sì ’a sola gioia ’e chesta vita mia!

 

Quanno aggio ditto ca te voglio bene,

core d’ ’o core mio, stamme a sentì:

te tengo tuttaquanta dint’ ’e vvene

e cchiù de chesto nun te saccio dì!!

(Gennaio 2017)

Miti napoletani di oggi.50

LO SCRITTORE

 

di Sergio Zazzera

 

Raccolgo la “provocazione” che mi ha indirizzato, da queste stesse (web-)pagine il direttore di questa testata, Marisa Pumpo Pica, a proposito del possibile profilo mitico dello scrittore di oggi, e mi accingo a scrivere queste righe.

Premetto che il “mito dello scrittore” non costituisce una peculiarità di Napoli: esso è diffuso, infatti, un po’ dovunque, e neppure soltanto in Italia. Vi fu un tempo in cui chiunque possedesse un rasoio e un mandolino, faceva il barbiere; parimenti, oggi, chiunque disponga di un po’ di carta e di una penna “fa” lo scrittore (e, magari, non ha neanche mai letto qualcosa): e la “nudità del re” è tale, che un pubblico, che non ha mai letto Manzoni, o Verga, o Tomasi di Lampedusa, non manca di partecipare, e pure con entusiasmo, a una presentazione di libro, né di acquistarne una copia, né di assistere alla proiezione del film o alla trasmissione della riduzione televisiva che ne sono stati ricavati.

Peraltro, anche la pubblicità recita bene la propria parte, fatta dell’intreccio di rapporti dell’editoria con i media, da una parte, e, dall’altra (e qui molto spesso c’è anche la partecipazione diretta degli autori), con il mondo politico, il quale a sua volta, vi trova il proprio tornaconto, sempre in termini di pubblicità. Mi si consenta, perciò, di ricordare un vecchio apologo, forse anche un tantino stupido: la gallina e l’oca depongono entrambe le uova, ma l’una, a differenza dell’altra, fa sentire la propria voce, mentre provvede alla bisogna. Ebbene, se riflettiamo, le nostre mogli preparano la frittata con le uova della prima: potenza della “pubblicità”.

E, per concludere, il mito: Manzoni, Verga, Tomasi di Lampedusa, hanno ancora i loro lettori; ma qualcuno mi sa dire, domani o dopodomani, quanti e quali lettori avranno… ma qui non voglio fare nomi, ognuno aggiunga quelli che gli vengono in mente.

(Gennaio 2017)

Miti napoletani di oggi.49

IL NAPOLI

 

di Sergio Zazzera

 


 Devo richiamare qui, ancora una volta, l’attitudine della reiterazione del rito a generare il mito; e devo citare due deliziosi saggetti, concernenti il tema dello sport come “fenomeno religioso”: quelli, cioè, di Marc Augé (Football, Bologna 2016) e di Jürgen Moltmann (Le Olimpiadi come religione moderna, Bologna 2016), al fine d’illustrare in maniera agevole il mito-Napoli (S.S.C., s’intende).

Premetto che, per quanto motivi (più che ragioni) di carattere economico/commerciale abbiano esteso, sostanzialmente, all’intera settimana la pratica del gioco del calcio, tuttavia, la “giornata calcistica” per eccellenza rimane sempre la domenica: quel medesimo dies Domini, cioè, sacro a Dio, che in esso si riposò e che la dottrina cristiana fa oggetto di santificazione. Elementi rituali di questa pratica sportiva da parte del pubblico, poi, sono individuabili anche negl’inni, nella “ola”, negli striscioni, nell’aura “divistica” che avviluppa i campioni; fattori, tutti questi, che presentano una marcata somiglianza con i canti sacri, le giaculatorie, gli stendardi, la concezione del santo come Divus, che sono componenti essenziali del rituale della messa. Per non dire della connotazione di “fedeli”, che in qualche modo può essere riconosciuta, sia pure in senso laico, agli ultras: altrimenti, perché mai si parlerebbe di “fede sportiva”?

E dal rito al mito: mai quanto oggi, lo sport – e il calcio in primo luogo – ha sotteso interessi economici (come dicevo più sopra, ma anche politici, almeno in qualche misura); la “sana competizione” – che, pure, dovrebbe costituirne la vera essenza – passa, dunque, in secondo piano.

Che dire? Sembra proprio che la funzione di “antiparrocchia” si sia spostata, ormai, dall’osteria (secondo la pittoresca proposizione di Gabriele De Rosa) allo stadio.

(Gennaio 2017)

La morte di G.B. Vico fra corsi e ricorsi

 

di Antonio La Gala

 

Giambattista Vico, oltre alle lezioni di storia alta, con le sue opere, ci ha trasmesso anche lezioni di storia spicciola, attraverso le vicende della sua vita. A chi ritiene, ad esempio, che siano una degenerazione dei nostri tempi i maneggi nell’area del sottobosco del potere, l’assegnazione di cattedre universitarie, carriere, ecc. secondo criteri familistici e di  appartenenza a questo o quel gruppo, la vita di Vico dimostra che anche ai suoi tempi, attorno a lui, tale andazzo era ben presente nella società.

Per la verità i biografi del Vico hanno pareri discordanti sul rapporto fra il Nostro e i citati meccanismi.

C’è chi sostiene che, per essere poco incline ai maneggi di consorteria a fini carrieristici, fu tenuto, nonostante la grandezza della sua dottrina, ai margini delle cariche accademiche presso l’Università di Napoli. Si vide sfilare la prestigiosa cattedra di Diritto e fu relegato ad insegnare Retorica, condannato a menare vita grama e costretto a scrivere discorsi d’occasione e ad impartire lezioni private per mantenere la sua numerosa famiglia.

C’è però anche chi sostiene che Vico cercò di adattarsi a ciò che vedeva fare attorno a lui, al clima politico, sociale e religioso circostante. 

Per ottenere soddisfazioni intellettuali e soddisfazioni dei bisogni materiali della sua famiglia, cercò con tenacia un “posto fisso” all’Università, per quanto mal retribuito; scrisse tutti i discorsi d’occasione che gli venivano chiesti; compose su ordinazione una voluminosa biografia di Antonio Carafa, un napoletano a servizio dell’Austria; passò la sua cattedra a uno dei suoi figli, da lui assunto cinque anni prima come assistente.

Una ragionevole ipotesi intermedia potrebbe essere quella di una persona che cerca di sopravvivere, arrangiandosi realisticamente alla men peggio, forse malvolentieri, con risultati alterni e comunque non esaltanti, presumibilmente per “non esserci portato”.

Le circostanze della pubblicazione della sua opera maggiore, “I Principi di una Scienza Nuova”, ci rivelano come anche in passato fosse difficile pubblicare opere innovative attraverso l’editoria locale.

Vico, infatti, non trovò nessuno che pubblicasse la sua opera e nemmeno qualcuno che lo aiutasse, tant’è che, per darla alle stampe, dovette vendere un anello, l’unico ricordo familiare che gli era rimasto.

L’ultima lezione di storia del costume, Vico ce la fornisce con la vicenda che chiuse la sua vita, cioè le traversie relative al suo funerale, i “corsi e ricorsi” della sua bara.

La vita del filosofo, angustiata anche dalla inettitudine della moglie, dalla scelleratezza del primogenito Ignazio e da una grave infermità di una delle figlie femmine, si concluse altrettanto male. Colpito da un cancro alla lingua ed agli occhi, Vico visse un anno di dolorosa agonia nella sua squallida casa, ai gradoni Santi Apostoli a San Giovanni a Carbonara.

Il giorno in cui morì, a fine gennaio 1744, il figlio Gennaro, che gli era stato vicino negli ultimi momenti, per le incombenze funerarie si rivolse alla Confraternita di Santa Sofia, a cui per molti anni Vico aveva versato i contributi per il suo funerale e per la sepoltura nella chiesa dei Gerolomini.

Il mattino dopo, attorno alla sua bara, iniziò una controversia fra i Confratelli e alcuni boriosi cattedratici dell’Università per stabilire a chi spettava l’onore di reggere i fiocchi della coltre funeraria durante i funerali.

Riuscì a sedare gli animi il cappellano Galiani, dirimendo la questione a favore dei “Signori Professori in quanto gloria e vanto della nostra Università degli Studi”, e rinviando i funerali alle due del pomeriggio. All’ora convenuta si presentarono, impettiti, i Prof., ma disertarono i Confratelli, che, presentatisi alle cinque, ripresero con forza a rivendicare il diritto di essere loro a reggere i fiocchi. Dopo averla spuntata sugli accademici, i Confratelli calarono la bara dalla casa dell’estinto al cortile.

Qui comparve, in cotta e stola, il parroco “di competenza” che rivendicava il diritto di celebrare lui, e non la Confraternita, il rito funebre.

Nel parapiglia che ne conseguì, tutti andarono via, lasciando il mite Gennaro, all’imbrunire, solo con la bara del padre in mezzo al cortile.

Il pietoso intervento di alcuni volontari riportò la bara nella casa del Vico, dalla quale partì, finalmente, il giorno dopo, a cura dei canonici della Cattedrale, a cui si rivolse disperato Gennaro.

Corsi e ricorsi (della bara).

Nel corso del funerale spiccavano in prima fila, impettiti, i cattedratici.

Ma nemmeno dopo deposta, la bara di Vico ha trovato pace. Infatti alla fine del 2011 l’inquieta bara ha dato origine ad un giallo, di cui però non conosciamo il finale. Il giallo è nato dal ritrovamento di una salma nei sotterranei del complesso religioso dei Girolamini che ha fatto pensare ad un ritrovamento delle spoglie del filosofo. Vediamo di che si tratta.

Narrano le cronache che, per il suo travagliato ultimo viaggio, Vico fu vestito con un saio e il feretro fu collocato nei sotterranei di quella chiesa. All’epoca era consuetudine farsi seppellire nelle chiese o nei conventi, usanza gradita dai religiosi che ospitavano volentieri, perché costituiva un discreto businnes. E spesso, per ospitare spoglie di appartenenti a famiglie danarose, si spostavano i morti “vecchi” con i nuovi arrivi.

Nel caso del rinvenimento di una salma, che qualcuno ha ritenuto poter essere quella del Vico, alcune circostanze sembrano avvalorare l’ipotesi, (effettivamente Vico fu sepolto in quella chiesa), mentre altre sembrano smentirla (l’abito è un vestito scuro e non un saio).

Né è facile accertare la verità con il test del carbonio 14 perché questo test dà un’oscillazione di mezzo secolo, né è praticabile l’esame del DNA perché manca un riferimento preciso circa i suoi discendenti.

Anche in questo caso, siamo in presenza di corsi e ricorsi (di ipotesi).

(Dicembre 2016)

Miti napoletani di oggi.48

LA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA

 

di Sergio Zazzera

 

Ogni qualvolta il discorso cada sul tema della criminalità organizzata, il pensiero corre subito all’Italia meridionale, sia essa la Campania (camorra), la Sicilia (mafia), la Calabria (‘ndrangheta) o la Puglia (Sacra Corona Unita): addirittura, alcuni anni fa, un alto magistrato campano definì Napoli “l’Università della criminalità”. Al contrario, io credo (e tentai anche di spiegarglielo) che il capoluogo della nostra regione sia, tutt’al più, una delle “Facoltà” di questa ipotetica “Università”, diffusa, peraltro, su tutto il territorio nazionale; ma mi spiego.

In tempi recenti è cominciata a emergere la diffusione del fenomeno della criminalità organizzata “di tipo mafioso” (come la definisce, in maniera semplificata, la scienza penalistica) anche al di fuori dell’Italia meridionale: si pensi a quanto riferito dai media, relativamente a Roma (“mafia capitale”), al Veneto, all’Emilia, al Piemonte e alla Lombardia. Qualcuno obietterà che si tratta d’infiltrazioni al Nord di personaggi provenienti dal Sud, il che, però, non è sempre vero, come potrà essere chiarito dall’esempio che segue.

Chi mi conosce, sa che, in una mia “precedente esistenza”, ho esercitato funzioni giurisdizionali; e, in particolare, a Milano, nei primi anni 70 del secolo scorso. Ebbene, alcuni dei nomi, che di recente si sono letti sui giornali e uditi alla radio o alla televisione, relativamente alla criminalità operante in questa città, avevano già “sfilato” (si fa per dire) davanti a me in quel periodo; e non si trattava di personaggi saliti dal Sud, anzi, i loro cognomi ne denunciavano l’origine locale. Soltanto che, evidentemente, la consegna per i media era quella di non divulgare tali notizie, probabilmente per salvare l’immagine cittadina. Nel che, poi, consiste il “falso linguaggio”, ovvero il mito di un fenomeno, che in sé, di mitico, non avrebbe proprio nulla.

(Dicembre 2016)

Parlanno ‘e poesia 8

 

di Romano Rizzo

 

Gennaro Esposito

Una delle più dibattute teorie sull’arte e la poesia è certo quella relativa al ruolo che l’arte e la poesia devono avere rispetto all’epoca in cui sono prodotte. Molti sostengono che la poesia, e l’arte in genere, debba essere rappresentazione fedele dell’epoca in cui ha origine e debba essere necessariamente portatrice di un messaggio di ammonimento o di denuncia. Gennaro Esposito, che ho avuto il piacere e la fortuna di conoscere da vicino, ha sentito con forza questa istanza e, incurante del fatto che questa Sua posizione, profondamente innovativa, avrebbe potuto attirargli gli strali degli irriducibili estimatori della poesia tradizionale, ha indicato alla poesia un percorso diverso ed inesplorato. Per questo è stato inizialmente osteggiato da coloro che amavano la poesia digiacomiana, ma guardato con curiosità e simpatia dagli estimatori della poesia di Russo e di Viviani. In particolare.Gennaro Esposito è stato dalla critica definito poeta sociale per la tematica da Lui preferita, in quanto, fedele fino in fondo alle Sue convinzioni politiche. In ogni Suo scritto, infatti, si può leggere la denuncia delle tristi condizioni di vita di tanta parte dell’umanità, purtroppo derelitta e abbandonata. Il più grande pregio della Sua poesia, a mio parere, risiede nella straordinaria capacità di raggiungere e coinvolgere una gran massa di lettori per merito di un ingegnoso accorgimento cui l’Esposito, con grandissima ed ineguagliabile maestria, molto spesso ricorre : Fa seguire ad una accorata e particolareggiata descrizione di una situazione, che ingenera sdegno e compassione, una battuta  fulminante, ad effetto, che condisce il tutto con un pizzico di bonomia, filosofia e benevola ironia. Per questo alcuni lettori, non molti, per fortuna, apprezzando e gustando i finali delle sue poesie, considerano l’Esposito un poeta divertente e non colgono il senso di protesta e denuncia che è in quasi tutte le sue opere. Ineguagliabile ed ineguagliato maestro in quelle che Lui chiamava “ chiuse”; maestro perché voce nuova che ha avuto il coraggio di rompere con un passato glorioso; maestro perché ha dato alla sua poesia la missione di denunciare con forza le brutture della nostra società, Gennaro Esposito è stato un grande poeta, la cui opera meriterebbe di essere riesaminata e rivista con attenzione da una critica, capace di cogliere e mettere in luce tutte le sfumature. La Sua figura è quella di chi ha dato una veste nuova alla poesia napoletana, legandola alla vita odierna con tutte le sue miserie, di cui ha reso testimonianza, addolcendo le denunce e le proteste con il sorriso.

Invidia crepa !

di Gennaro Esposito

 

Ajere, verso ô cinema Bellini,

s’è miso nnanze a mme nu furguncino :

tra massarizie e ciento cianfrusaglie,

ce steva ‘a coppa tutta na famiglia.

 

Penzaje : sarranno forse sinistrate

o nu padrone ‘e casa ll’ha sfrattate ?

E se purtava ‘ncopp’a chillu mezzo

‘o ppoco ‘e rrobba, ‘a povera “ricchezza”.

 

Na ceffuniera, na spallera ‘e lietto

e ncopp’a nu cummò ddoje culunnette;

cchiù ‘ncopp’ancora, ‘int’a na bacinella,

tazze, bicchiere, piatte e caccavelle;

 

ddoje rete ‘e lietto e quatto pagliericcie,

e chella ch’era stata na pelliccia;

nu Sangennaro chino ‘e cemmeraglie,

nu tavulino e cinche segge ‘e paglia.

 

Nnant’a st’architettura ‘e rrobba vecchia,

ce steva ‘a nonna cu ‘e sciucquaglie â recchia.

Sta rrobba…misa una ‘a coppa a n’ata,

pareva ‘o monumento ô disperato..

 

Stu furguncino, buono pe ghì ô scasso,

quanta miseria se purtava a spasso !...

S’alluntanaje scanzanno fuosse e prete..

« Invidia crepa !» teneva scritto arreto…

 

(Novembre 2016)

Miti napoletani di oggi.47

LE PISTE CICLABILI

 

di Sergio Zazzera

 

Se dovessi azzardarmi ad affermare che il balcone di casa mia è un palcoscenico teatrale, sicuramente mi si riterrebbe pazzo. Viceversa, a Napoli esistono, da qualche tempo, marciapiedi e sedi stradali pedonalizzate, che un semplice disegno di bicicletta stilizzata, dipinto a vernice bianca, ha trasformato in piste ciclabili, senza che nessuno abbia sollevato questioni d’identità (almeno, a quanto sembra). Cito, per tutti, il viale Kennedy e via Chiaja, ma l’elenco completo è notevolmente più consistente.

E qui il falso linguaggio (leggi: falsa denominazione di un ambito spaziale) balza evidente, se soltanto si pensa alle piste ciclabili di altri luoghi, che sono realizzate in maniera tale, che risultano nettamente separate, sia dalla parte pedonale della strada, che da quella carrozzabile. In realtà, ricordo di averne viste a Valencia, in Spagna, alcune simili a quelle napoletane, tracciate a vernice sui marciapiedi: questi ultimi, però, sono larghi all’incirca il triplo di quelli napoletani, il che consente la pacifica convivenza di ciclisti e pedoni. Tanto più, se, poi, si pensa che, in quella città, i primi di costoro hanno acquisito un’educazione all’uso della strada, che impone loro di procedere a velocità moderata, stando attenti a evitare d’investire i secondi e annunciando la loro presenza col segnalatore acustico. Da noi, viceversa, il pedone diviene una sorta di bersaglio per il tiro a segno, che sembra costituire lo sport preferito dai ciclisti, i quali mostrano di non porsi neppure il problema della moderazione della velocità. Per non dire del rispetto delle norme sulla circolazione stradale, dal momento che anche la bicicletta è un veicolo.

(Novembre 2016)

Parlanno ’e poesia 7

 

di Romano Rizzo

 

Peppino Russo

 (13 Maggio 1907 / 16 Ottobre 1993)

Peppino Russo nacque a Napoli, al corso Garibaldi, nei pressi di Portacapuana e cominciò a sedici anni a scrivere versi. A soli 22 anni, una sua composizione, dal titolo “Busciarda mia”, venne musicata da un maestro del calibro di Gaetano Lama e l’anno dopo un’altra sua lirica, “Voca fora”, fu rivestita di note da Attilio Staffelli. Questi successi lo spinsero ad insistere sul terreno della canzone, ma nei suoi testi continuò ad immettere la vivacità, la forza espressiva e la proprietà di linguaggio che li rendevano molto vicini alla poesia. Del resto, in quei tempi erano le liriche dei poeti, adornate dalle note dei musicisti, a trasformarsi in canzoni. Peraltro il Russo non abbandonò mai la sua passione per la poesia ed in tarda età  raccolse, per i tipi dell’editore Riemma, tutta la sua produzione in quattro grossi volumi cartonati in cofanetto, dal titolo: 1) Cammina - Passìata napulitana. 2) Napule - Poesie e canzoni. 3) Napule ‘nfesta - Quartiere pe’ quartiere. 4) Partenope. Storia napulitana e d’’a canzone.

Per oltre trent’anni è stato un protagonista del mondo della Canzone napoletana, con la collaborazione dei più grandi maestri del suo tempo, quali Tagliaferri, Valente, D’Annibale, Cioffi, Vian, Mazzucchi, Genta, Mazzocco e tanti altri.

Tra i suoi  innumerevoli successi, ricordiamo ’A voce ’e mamma, Giuramento, Nisciuno, Core spezzato e Preghiera a na mamma,  tra i principali.

Ci corre l’obbligo di segnalare che il Russo, oltre che paroliere fu anche melodista e che nei versi di alcune sue poesie  mise in luce il suo carattere di uomo buono e generoso, che traspare anche da quelli che seguono :

“ Nun dicere maje basta, si na mano ’a può dà !!”

“ Sto bbuono comme sto..chello ca ’un tengo, nun me serve !”

Dopo aver lottato per sei anni con un terribile male, si spense nella sua casa al Rione San Francesco, a Capodichino.

La sua seconda moglie, l’attrice Italia Renna, fece stampare, sul retro del ricordino commemorativo, i versi di questa sua lirica:

“ ’O sole / ’O sole è ’o sole / e fa ’e ghiurnate belle./

Ma ê notte / ll’aggio visto i’ / che fa !!/ Se va arrubbanno ’a luce / ’e tutt’’e stelle / pecchè, â matina, ha dda sbruffunià ! / Pe chesto tutt’’e stelle / puverelle / tremmano â notte/ primma ’e se stutà !!

………………………………………………………………………………

’E ddoje custiere

 

Cammina passo passo, ma..cchiù allero

p’’e strate e stratulelle d’’a custiera

e avvia a fà nu poco d’angarella

pe’ scalinate e pe’ scalinatelle.

 

E cammenanno fa comme fa ’a gente

ca s’annasconne e ghiesce ’a mmiez’’e ppiante

ma mentre ca cammina canta e sente.

 

Siente tu pure tutt’’e rresate ardente..

siente: se so’ ammiscate rise e chiante.

E siente buono: Quanta giuramente !!

 

Na vera folla songo ll’emigrante..

Contale ’e ccoppie d’’e Nozze d’Argiento..

Pienze quante ne songo ’e core amante !

 

Vide comme se campa alleramente

e, mmiez’a chesta gente, ride e canta..

Canta tu pure, mo, cammina e canta.

 

’Ncopp’a stu munno vide quanta gente

ce sta ca pe’ sunnà vene a Surriento.

Vide che smania piglia a tutte quante

appena ca nce arrivano a Surriento.

 

E, primma ’e piglià ’a strata d’’o ritorno,

guardate attuorno ..ma maje pe’ cunfruntà..

Fa’ quatto passe, nu poco cchiù llà

 

Doppo ca vide ’a custiera Amalfitana..

damme na voce e po’..stregneme ’a mana !!

(Ottobre 2016)

Infanzia di Giambattista Vico

 

di Antonio La Gala

 

In passato si credeva che Giambattista Vico fosse nato nella piazza dei Girolamini e lì, nel 1868, bicentenario della sua nascita, fu posta una targa commemorativa, tuttora visibile, una targa linguisticamente confusa e altisonante. Nel 1941 fu posta una seconda lapide, al civico 31 di via S. Biagio dei Librai, (raffigurata nella foto che accompagna questo articolo), perché lì fu individuata nuovamente la casa dove Vico nacque.

Al detto civico 31 ebbe la sua bottega di libraio, dal 1658 al 1685, il padre di Giambattista, Antonio Vico.

Era una botteguccia di pochi metri quadrati, con un mezzanino adibito a camera da letto, dove Antonio, dopo che gli era morta la prima moglie senza figli, sposò la figlia di un lavorante di carrozze. Dalla coppia nacquero otto figli, di cui il terzultimo, nato nel 1668, era il nostro Giambattista.

E’ facile immaginare la qualità della vita di quella famiglia in quel bugigattolo. Tre figli vi morirono prematuramente e il Nostro vi crebbe gracile e malaticcio, ma vivace.

Giambattista fu battezzato nella vicina chiesa di S. Gennaro dell’Olmo, originariamente chiamata S. Gennaro ad Diaconiam, la prima chiesa che nel VII sec. i napoletani dedicarono al Santo al centro di Napoli, una basilica paleocristiana, poi più volte ristrutturata, (la facciata risale al Novecento), e nei cui sotterranei si trovano i resti di un tempio di Augusto.

Nell’antica strada di S. Gennaro dell’Olmo, nel VII sec., trovarono rifugio alcune monache, sfuggite ai ricorrenti stermini di Armeni, che portarono con sé reliquie di S. Gregorio (257-331), patrono dell’Armenia e di S. Biagio. Citiamo questa presenza armena perché sono stati i nomi dei due santi a denominare il vicino complesso religioso e la via S. Gregorio Armeno e, inoltre, la via S. Biagio dei Librai, artigiani  che nel Sei e Settecento, ai tempi di Giambattista Vico, erano numerosi in quella zona, e che dettero un determinante contributo alla costruzione  della cappella di S. Biagio.

Torniamo alla casa natale del Vico.

La seconda lapide, posta al civico 31, recita: “In questa cameretta / nacque / il XXIII giugno MDCLXVIII / Giambattista Vico / qui dimorò / sino ai diciassette anni / e nella sottoposta bottega / del padre libraio / usò passare le notti / nello studio / vigilia giovanile / della sua opera sublime”.

Non sappiamo se fu nel bugigattolo di famiglia o per strada, che il vivace bambino Giambattista cadde battendo la testa. Rimase senza conoscenza. Nella lunga attesa di un medico, fu soccorso, ma pare in maniera malaccorta, da un barbiere, categoria allora “paramedica”.

Il medico sopraggiunto, che lo curò, sentenziò che il futuro autore della “Scienza Nova” sarebbe rimasto per tutta la vita in uno stato di perenne idiozia.

Per nostra fortuna allora ad essere una Scienza Nova era la medicina e perciò una scienza ancora un po’ vaga.

(Ottobre 2016)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen