NEWS

La  Famiglia   di Mariacarla Rubinacci    L’argomento del giorno: la famiglia. Intorno al tema ruotano affannosamente i diritti, i doveri, gli...
continua...
“SPUTAZZE” E “LIR’ÂRGIENTO”   di Sergio Zazzera   Per la seconda volta, la cittadina di Ercolano ha perso l’occasione di essere proclamata “Capitale...
continua...
SEGNALIBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Le stagioni di una vita di Emilia Menini e Guido Parmegiani Cosmopolis Edizioni Napoli   Questo...
continua...
Il tempo del vino e delle rose - Caffè letterario   Venerdì 10 ore 18, Incontro con la poesia di Andrea de Alberti, Dall'interno della specie,...
continua...
PASQUA 2017   di Luigi Rezzuti   La Santa Pasqua, che celebra la resurrezione di Gesù, nel terzo giorno dopo la crocifissione, è considerata la più...
continua...
Ma da un presagio d'ali   All'Aleph, Roma, venerdì 7 aprile, alle ore 17.30,  presentazione del libro di Donatella Costantina Giancaspero Ma da un...
continua...
L’OSSESSIONE DELLE VACANZE ALL’ESTERO   di Luigi Rezzuti   La vacanza è un diritto inalienabile. Una volta, tanti anni fa, era un lusso solo per...
continua...
Un libro a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Sabato, 5 marzo, alle ore 11.30, nella sala del Teatro Diana, nell’ambito della rassegna...
continua...
UNA SORGENTE DI ACQUA DOLCE IN MEZZO AL MARE   di Luigi Rezzuti   Nella splendida costa orientale della Sardegna, tra le splendide calette del Golfo...
continua...
Miti napoletani di oggi.48 LA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA   di Sergio Zazzera   Ogni qualvolta il discorso cada sul tema della criminalità organizzata,...
continua...

Parlanno ’e poesia 4 - Giovanni Boccacciari

 

di Romano Rizzo

 

Una fìgura di primo piano, nel panorama della poesia napoletana è stata, senza dubbio, Giovanni Boccacciari. Iniziò come giornalista al “Rinaldo in campo”, al “6 e 22”, firmandosi Boccariccia, pseudonimo che adoperò, poi, anche al “Monsignor Perrelli”. La sua prima raccolta di poesie fu, nell’immediato dopoguerra, “ ‘O fascio se ne va”, che andò esaurita in breve tempo e non è stata mai ristampata. Soltanto nel 1966 pubblicò, poi, “‘O primmo ammore”, cui seguirono  “Ho sognato San Gennaro” (1968), “Luci sul mare”(1970), “Aranceti in fiore” fino all’ultima raccolta (1995) “ ‘O calannario d’ ’e quatto staggione”. Fece parte del famoso “Cenacolo dell’ Arenella” di Pasquale Ruocco, che ebbe il gran merito di spronare ed incoraggiare il Boccacciari, portandolo alla notorietà. Diresse le EDIZIONI DEL SUD ed una collana di libri di poesia napoletana, che comprendeva libri di autori diversi, ma tutti con la sua prefazione. Curò, inoltre, delle antologie monotematiche, come “Mamme napulitane”, davvero pregevoli.

Legato ai canoni della migliore poesia napoletana, si è distinto perché scrupoloso nella scelta dei termini più appropriati e molto abile nel destreggiarsi anche nel linguaggio più popolaresco. Le sue opere colpiscono, oltre che per l’originalità dei soggetti, per la semplicità espressiva e la sincerità dell’ispirazione. La sua è una poesia che rifugge da artifici tecnici e da astuzie di mestiere. Si fa preferire perché appare chiaramente non un semplice esercizio letterario, ma il libero sfogo di un’ anima sensibile, dotata di un grande spirito di osservazione. Un breve saggio della sua abilità spero possano darvelo le liriche che seguono e che propongo all’ attenzione del lettore:

 

“ Bellu sciore !”

 

Primmavera napulitana !

Dint’ô vicolo è n’ata cosa,

mo ca ‘o sole fa jesce e trase

e Rusella fa ‘a vummecosa.

 

For’ô vascio s’acconcia ‘e ricce,

canta e stuzzica ‘o parulano,

che, ‘nfuscannose ‘e passione,

venne vruoccole pe ppatane.

 

‘E figliole cercano ‘a scusa

pe ‘ncignarse na vesta ‘e sposa..

‘O sciuraro mo ‘ntona ‘a stesa

c’ ’o panaro chino ‘e mimose.

 

“ Bellu sciore!” Se sceta ammore

e ‘ncatena figliole e nnenne..

Quanta connole e “ nonna-nonne”

s’appriparano pe ll’autunno !!

 

 

“ O pianino”

 

Quanno ‘o sole, passanno ‘e ccase,

tutt’ ’e llastre se spassa a ‘ndurà,

nu pianino sperduto e scurdato

na canzona se mette a ssunà.

 

Chisto è ll’urdem’ ’e tutt’ ’e pianine;

chianu chiano ‘o quartiere se fa

e, fra machine e ggente affarata,

pare n’ombra che stenta a ppassà.

 

Mo, cu ‘a radio e cu ‘a televisione,

‘e pianine nun servono cchiù.

Bomba atomica, razzo e ppallone

oggi ‘e tteneno pure ‘e Zulù.

 

‘O prugresso trasforma e s’impone

dint’a n’ora miracule fa;

tutt’è luce, ‘o pianino ‘int’a ll’ombra,

pare quase che è stanco ‘e sunà.

 

Chist’è ‘o munno.. C’ ’o tiempo, ogni cosa,

pe ddestino, fernesce accussì..

Ncopp’ê rrote, ‘o pianino, tremmanno,

pare già che se sente ‘e murì !!

 

 

“Sunnanno Napule”

 

Napule mia, te sonno tutt’ ’e ssere,

quanno te sto luntano, conto ll’ore.

Me sonno ‘o mare, ‘o Vommero, ‘a Riviera

e nu rilorgio pare chistu core..

 

Veco sti lluce toje, che, dint’ô scuro,

scenneno d’ ’a cullina nfin’a mmare,

c’ ’a luna chiena o sott’ô cielo niro,

pe sse vasà cu ‘e lluce d’’e llampare.

 

Te manno ‘ncopp’ô viento ogne suspiro,

speranno che nu treno o nu vapore

me fa turnà addu tte senza penziere,

si pure aggia passà muntagne e mmare.

 

Pecchè sta nustalgia, Napule cara ?

Pecchè stu figlio tujo, che aspetta e spera,

nun te cagnasse manco a ppiso d’oro ?

Pecchè cu ll’oro nun s’accatta ‘ammore !

 

Pirciò, paese bello e ‘ncantatore,

quanno te veco nun me pare ovèro;

pecchè m’abbasta e ssana ogne dulore

na vranca ‘e rena e nu murzillo ‘e mare !!

 

N.B. I testi sono qui riprodotti quali ci sono pervenuti.

(Marzo 2016)

Miti napoletani di oggi.42

IL "RISANAMENTO" DI NAPOLI

 

di Sergio Zazzera

 


Si è soliti dire che non tutti i mali vengono per nuocere, benché talvolta a determinare il nocumento o l’innocuità sia, piuttosto, l’ottica dalla quale li si guarda; ed è, questo, il caso del Risanamento della città di Napoli.

Correva l’anno 1884, quando Napoli fu afflitta dalla più grave epidemia di colera della sua storia. L’evento luttuoso determinò l’approvazione della legge 15 gennaio 1885, n. 2892, che, emanata per eliminare quelle che si ritenne fossero le cause dell’esplosione di quell’epidemia, formulava un progetto di «risanamento» igienico-edilizio di Napoli, da attuarsi col concorso dello Stato, mediante emissione di titoli di rendita sessantennali. Il progetto fu elaborato dalla Società pel Risanamento di Napoli, appositamente costituita, e previde la demolizione di tutti i fondaci e i tuguri esistenti nella vasta area compresa fra piazza Garibaldi e piazza Borsa e la loro sostituzione con edifici in stile umbertino, allineati lungo una nuova, ampia strada, denominata “corso Umberto I”, che, però, i napoletani hanno sempre chiamato “Rettifilo”, con riguardo al suo andamento rigorosamente rettilineo, spezzato soltanto, verso la metà del percorso, dalla piazza intitolata a Nicola Amore (nella foto), sindaco in carica in quel momento, cui pure i napoletani hanno sempre conferito l’appellativo di “Quatto Palazze”, a similitudine dei “Quattro Canti” di Palermo e di Catania.

Nell’operazione, poi, la torinese Banca Tiberina riuscì a infilare, addirittura, il progetto di urbanizzazione della collina vomerese, la cui realizzazione, dopo il fallimento di tale istituto, fu fatta proseguire dalla medesima Società pel Risanamento; e questo progetto prevedeva, oltre agli edifici di architettura umbertina, finanche una serie di villini in stile Liberty.

Ora, però, sarà il caso di riflettere sul “mito del Risanamento”. Ragionando, infatti, per un momento, per absurdum, poniamo pure che si fosse inteso prospettare il trasferimento della popolazione costretta ad abbandonare quei fondaci e quei tuguri, dei quali Matilde Serao scrive: «...v’è di tutto: botteghe oscure, dove si agitano delle ombre, a vendere di tutto, agenzie di pegni, banchi lotto; e ogni tanto un portoncino nero, ogni tanto un angiporto fangoso, ogni tanto un friggitore, da cui esce il fetore dell’olio cattivo, ogni tanto un salumaio, dalla cui bottega esce un puzzo di formaggio che fermenta e di lardo fradicio». Ebbene, dubito che si possa pensare seriamente che la povera gente, che vi abitava, avrebbe potuto sostenere il costo degli affitti in palazzi in stile “umbertino” e in villini in stile liberty, in concorrenza fra loro quanto a eleganza.

(Marzo 2016)

Miti napoletani di oggi.41

L’IDENTITA’ NAPOLETANA

 

di Sergio Zazzera

 

L’antropologia definisce l’identità come «patrimonio da conservare» e, in tal senso, l’identità di una comunità urbana può essere configurata come «patrimonio metropolitano da conservare». Per poter essere considerato «luogo», poi, l’ambito spazialeche di tale patrimonio costituisce l’oggetto, dovrà poter essere definito come identitario, relazionale, storico; in assenza di tali caratteri, dunque, esso sarà un «nonluogo», secondo la classificazione di Marc Augé (nella foto).

A voler indagare sulla possibile identità napoletana, con la finalità di qualificare Napoli come “luogo” ovvero come “non luogo”, si possono proporre una serie di parametri, cominciando da quelli spaziali; e i primi che vengono in mente sono i più popolari: Centro antico, Quartieri spagnoli, Sanità. Ebbene, in essi l’identità è vistosamente stravolta da insegne, vetrine aggettanti, alluminio anodizzato e ottone satinato, verande costruite perfino su frazioni di sede stradale. La relazionalità, a sua volta, sembra essere limitata, tutt’al più, alla popolazione stabile: chi vi giunge da fuori è guardato, nella migliore delle ipotesi, come un alieno (non vorrei dire un “altro da sé”). La storicità, infine, è andata perdendosi già tra quella stessa popolazione stabile, che nemmeno sa riconoscere il valore di testimonianza a quanto (strade, edifici, monumenti) la circonda, e figurarsi gli estranei all’ambiente – salve, s’intende, le sparute eccezioni, che confermano la regola. Tutte queste considerazioni possono valere, altresì, relativamente al panorama, che giusto il mare e il Vesuvio rendono distinguibile e, peraltro, sarebbe un po’ difficile stravolgere, almeno nel loro aspetto visto a distanza.

Della pizza e della lingua ho avuto già modo di occuparmi (cfr. Il Vomerese, rispettivamente, di luglio 2014 e di gennaio 2016): qualche considerazione credo di dover aggiungere, con riferimento più diretto alla relazionalità (quanti sanno parlare, scrivere e comprendere il napoletano?) e alla storicità (leggi: stravolgimento della lingua da parte di quanti la parlano e la scrivono, pur non possedendone neanche le nozioni più elementari).

Ultimo parametro proponibile è l’homo neapolitanus. Ma lo si può ancora ritenere esistente, nella sua integrità, a fronte dell’immigrazione trainata dagli episodi di “mani sulla città” degli anni 50 e degli anni 70-80 del secolo scorso? e ciò, giusto per fermarsi al fenomeno dei trasferimenti dalla provincia e, tutt’al più, dalla regione.

Dunque, vedere in Napoli un «luogo», riconoscendole un’identità attuale, significa alimentare il relativo mito: la città, infatti, sembra proprio essere diventata un «non luogo».

(Febbraio 2016)

Parlanno ’e poesia.3

 

di Romano Rizzo

 

 Non so se vi siete mai chiesto quali sono i motivi che inducono a preferire una poesia ad un’altra, un poeta ad un altro poeta. A parer mio, possono essere: la musicalità dei versi, l’argomento trattato, l’espressività dei termini usati, la proprietà di linguaggio, l’originalità e/o novità della tematica, il ricorso a termini. non più in uso, che incuriosisce o, al contrario, la estrema semplicità, che conferisce all’opera un senso di maggiore spontaneità e scorrevolezza.

Queste ed altre ancora possono essere le motivazioni che hanno mosso le vostre scelte, ma, se indagate un po’ più a fondo, scoprirete che, in buona sostanza, la vera ragione della vostra preferenza è dettata dalla capacità dell’autore di raggiungere il vostro animo e di farvi provare le emozioni e i sentimenti che hanno ispirato la sua opera.

In sintesi, la sua maggiore o minore capacità di esprimere e trasmettere i propri sentimenti.

In quanto finora detto è racchiuso l’annoso problema del ruolo e dell’importanza della forma e della sostanza.

Semplificando, possiamo affermare che le tecniche espositive a cui in precedenza abbiamo fatto cenno, attengono precipuamente alla forma.

Per contenuto o sostanza  si deve intendere la capacità di rappresentare efficacemente e riuscire a trasmettere i propri sentimenti e le proprie emozioni a chi legge, così che le senta come sue. È facilmente intuibile che la bontà di un’opera o la bravura di un poeta  discende essenzialmente dalla sostanza…anche se molto spesso la forma possa concorrere a rendere più gradevole e più facilmente apprezzabile una situazione o un  concetto.

Non è da trascurare, infine,  il peso che ha, nella scelta, il genere trattato che può essere: umoristico, drammatico, narrativo, descrittivo, nostalgico, intimistico, sociale, spirituale, moralistico, prosaico etc.

Non v’è dubbio che il genere dipenda dalle predilezioni personali di ognuno e che orienti, talora, in via primaria le scelte…ma un attento lettore dovrà anche ammettere, con schiettezza ed onestà, di aver molto apprezzato opere ed autori di un genere diverso da quello preferito, a condizione che si tratti di vere poesie e di veri poeti !!

Come esempi di poesie appartenenti a generi diversi, qui di seguito troverete una poesia di GENNARO ESPOSITO (poeta del sociale) ed una poesia di EDOARDO NICOLARDI (Maestro nel tratteggiare, analiticamente e con dovizia di particolari, una situazione o un personaggio),

 

*****************************************

’A frutta

di Gennaro Esposito

 

« Mammà, damme duje sorde che m’accatto

nu purtuallo, che è quase miezejuorno !»

E, pe’ ll’avè, facevemo stu patto :

cchiù sorde nun cercavo tutt’ ’o juorno.

 

Pe’ tanta gente erano brutti tiempe;

’a frutta era na cosa p’ ’o « signore »,

che s’ ’a magnava pure ’e contratiempe

e a nnuje restava sulamente ’addore.

 

È chella gente llà che mo se lagna

e tène ’e chilli tiempe nustalgìa…

Ma ’o munno, pe’ furtuna, avota e cagna

 

mo, tutt’ ’e juorne frutta  â casa mia,

a pranzo e a cena...facile se magna,

no, comm’a pprimma, sulo ’nfantasia !!

 

*****************************************

Parrucchiano

di Edoardo Nicolardi

 

Na vallata piccerella:

quatto case e ’o campanaro

cu nu muorzo ’e chiesiella.

Nu pacione ’e parrucchiano,

sciampagnone e cacciatore,

serve a Ddio c’ ’o fiasco mmano

Va p’ ’a quaglia e p’ ’a beccaccia;

ma se dà da fa’ ll’istesso

pure quanno è chiusa ’a caccia.

Sape ’o vino d’ogne fusto;

qua’ è cchiù tuosto, qua’ è cchiù asciutto,

chillo ’e forza e chillo ’e gusto.

 

Sape ’a tala massaria,

che fa asprinia, e sape chella,

che fa ’o ppoco ’e marvasìa.

Sazio sazio, ciuotto ciuotto,

torna â casa int’ ’a parrocchia

cu ’a butteglia ’e vino sotto..

Se ne veve quatto quatto

cu ’a curnacchia ncopp’ a ll’uocchie,

mpaccuttiello e suddisfatto.

Accumpare ncopp’ ’a scesa

cu ’e ddoje mane dint’ ’e ssacche..

e ’a suttana, che s’attesa,

che s’astregne dint’ ’e rine,

fa asci’ ’a sotto meza gamma

d’ ’e cazune a quadrettine..

 

O si fa nu funnarale

o si fa nu spusarizio,

chella faccia è sempe eguale

e si predeca o cunfessa,

chillu naso è sempe russo,

chella risa è sempe ’a stessa.

Quanno ha fatto assaje funzione

fino ’o ttarde d’ ’a jurnata,

sentenno arzo ’o cannarone,

stesso dint’ ’a sacrestia,

glò glò glò, c’ ’o fiasco mmocca

se fa n’ata avummaria,

Po’, s’addorme int’ ’a pultrona,

cu na mana ncopp’ ’o fiasco,

ll’ata appesa… E ’o runfo ’ntrona

Dorme..e ’o fiasco nun le scappa !

………………………………………….

’Nterra fùmmeca ’o ncenziero,

’ncapo fùmmeca ’a sciarappa !!

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen