NEWS

Napoli e Totò nel cuore della Nicolardi   di Annamaria Riccio   Come ormai è consuetudine, anche quest’anno si è svolta la manifestazione di fine...
continua...
Miti napoletani di oggi.67 SAN GREGORIO ARMENO   di Sergio Zazzera G. e M. Ferrigno, Procidana (coll. priv.) Il Natale è vicino e in ogni casa...
continua...
Sotto le stelle della D’Ovidio Nicolardi   di Annamaria Riccio   A dicembre si è compiuta la manifestazione finale del progetto “Uniti sotto le...
continua...
SI E’ CONCLUSO IL GIRONE D’ANDATA DEL CAMPIONATO DI CALCIO   di Luigi Rezzuti   Ad aggiudicarsi il girone d’andata è stata, come da previsioni, la...
continua...
Maria Cristina Russo, Ortensia e altri fiori, Albatros Editore   di Luciana Alboreto   Ortensia regna, sovrana, nel suo giardino incantato da...
continua...
SEGNALIBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Le stagioni di una vita di Emilia Menini e Guido Parmegiani Cosmopolis Edizioni Napoli   Questo...
continua...
La Prima Edizione de “Il Presepe Vivente” a Boscotrecase (NA) nell’antica contrada Oratorio Una straordinaria occasione per conoscere vecchi mestieri e...
continua...
Premio nazionale di poesia “Salvatore Cerino”   È giunto alla XIX   edizione il Premio Nazionale di Poesia “Salvatore Cerino”, che vanta il patrocinio...
continua...
Miti napoletani di oggi.72 L’INDUSTRIALIZZAZIONE   di Sergio Zazzera   Fin dal XVI secolo, una vasta area a sud di Napoli – da Torre Annunziata a...
continua...
IL FURTO DEL “CAPPELLO” DI KOUNELLIS   di Sergio Zazzera   E’ del 4 marzo la notizia del furto del “Cappello”, elemento dell’installazione...
continua...

LA D’OVIDIO NICOLARDI, SCUOLA DI PACE E DI CAMPIONI

 

di Annamaria Riccio

 

 

Un altro anno scolastico si è concluso all’insegna di interessanti attività che hanno coinvolto tutti, ma proprio tutti: alunni, docenti e non, famiglie. Ognuno ha dato il suo contributo, possiamo dire che è stata una scuola partecipata.


E’ iniziato con la tematica Facciamo Pace, una pace con sé stessi, con gli altri, con gli “altri” che vengono da lontano, con l’ambiente, con il mondo. Ogni anno si progetta, sulla scia delle eccellenze e delle carenze, il lavoro per migliorare l’offerta scolastica. Questa volta è stata un’officina di idee e produzione che ha incontrato l’entusiasmo e la partecipazione degli alunni, mostrando doti organizzative e creative.

Diversa Scuola, il progetto incentivato dal Comune di Napoli, ha coltivato, in senso figurato, ma anche reale, l’amore verso la natura e l’integrazione dei ragazzi più svantaggiati che, aiutati da compagni e professori, hanno dato vita ad un orto didattico nell’area retrostante l’istituto.


Ma la D’Ovidio Nicolardi si è rivelata una vera e propria fucina di campioni che, per doti personali o acquisite, si sono segnalati, con meriti significativi, nei vari campi in cui si sono cimentati. E’ il caso di Francesca Formato, che ha partecipato al 5°concorso internazionale d’inglese, promosso dalla Global Hippo Association, piazzandosi al 2° posto a livello europeo. E ancora l’orchestra Futura, che ha trionfato al Concorso S. Alfonso Maria de’ Liguori di Pagani, vincendo il 1° premio. Aggiungiamo il podio con il primo premio per Ciak si Gita, per il cortometraggio su “I danni dell’alcolismo” ideato dai ragazzi che hanno partecipato al viaggio d’istruzione. Un trionfo è stato registrato per le bambine del Centro Sportivo D’Ovidio Nicolardi, per la soddisfacente esibizione ai campionati nazionali di ginnastica ritmica. Momento di gloria anche per l’alunna Giorgia Barile che, pur non avendo mai toccato una palla da bowling, si è distinta arrivando ai campionati regionali, grazie alla determinata concentrazione, che ha gradualmente potenziato nel corso di questi anni. La dimostrazione che VOLERE E’ POTERE…


L’annuale Marcia della Pace si è tenuta il 13 maggio coinvolgendo quasi tutte le scuole del Vomero Arenella attraverso un percorso che ha unito i giovani nella’attestazione di un mondo di integrazione e di libero esercizio dei diritti umani.

Per tutte le iniziative, promosse dalla scuola, si è giunti al gran finale con la manifestazione del 1° giugno al cinema Plaza dove, attraverso una carrellata che ha immortalato l’operato tutto di quest’anno scolastico, si è concluso il bel lavoro in una cornice musicale e canora alla quale hanno presenziato anche autorità e alcuni giovani extracomunitari, che hanno portato la loro esperienza del Viaggio della Speranza, per loro conclusosi felicemente, mentre per tanti altri fratelli solo con un epilogo drammatico.

E’ stata aperta, inoltre, una pagina facebook per la D’Ovidio Nicolardi sulla quale è possibile visionare le attività della scuola, oltre che sul sito,  anche su Youtube. Questo, non solo per essere al passo con le nuove generazioni, ma anche per cercare di dare la giusta informazione sull’utilizzo dei social network, che si rivelano ottime risorse, quando adoperati adeguatamente.

Con gli anni verdi è tutto più semplice perché si guarda alla vita con la purezza che si ha nel cuore. Sarebbe bello poter lavorare anche da adulti per promuovere un mondo migliore.

(Giugno 2016)

GLI ESAMI DI MATURITA’*

 

di Luigi Rezzuti

 

Ormai siamo prossimi agli esami di maturità che inizieranno, con la prima prova, il 22 giugno e seguiranno, con la seconda prova, il 23, mentre la terza prova è prevista per il 27 giugno.

La maturità è la prova che consente agli studenti di quinta superiore di ottenere finalmente il diploma e di terminare il lungo periodo di studi, durato cinque anni.

È anche il momento in cui tra gli studenti comincia a serpeggiare l’ansia, con quel senso di paura che, di fatto, toglie il sonno.

Cosa accadrà la notte prima quando mancheranno poche ore al via per il primo scritto di italiano?.

Ci sono, tra gli studenti, alcune “tradizioni”, come quelle di vedere lo stesso film, visto più volte, ingozzare Suschi, bere birra con gli amici al solito bar, girovagare per la città senza una meta o, più semplicemente, andare a letto dopo aver bevuto una doppia camomilla.

Una cosa è certa, ogni studente ha un proprio rituale scaramantico, una tradizione da rispettare insieme agli amici.

La fatidica notte prima degli esami è praticamente arrivata e i maturandi si preparano a trascorrerla … in piedi.

Può essere una “notte di lacrime e preghiere” come cantava Antonello Venditti in “Notte prima degli esami”.

Per molti studenti quella prima della maturità è soprattutto una notte insonne, in cui ci si rigira nel letto, in preda all’ansia e alla paura di non  farcela.

Per altri studenti è invece una notte di studio matto e disperatissimo, trascorsa a bere litri di caffè per restare svegli, nello sforzo sovraumano di imprimersi nella mente le ultime nozioni.

Sono, quasi certamente, pochi i fortunati che vanno a dormire sereni e tranquilli e si svegliano freschi come una rosa, dopo otto o più ore di sonno filate.

Eppure tutti conoscono l’importanza di un buon sonno! Le ricerche scientifiche più recenti hanno dimostrato che la privazione di sonno influisce negativamente sulla memoria, sull’attenzione e sulla concentrazione. In altre parole, dopo una notte in bianco, il nostro cervello funziona in modo meno brillante e si verifica un globale peggioramento delle prestazioni cognitive.

Proprio per questo è importante arrivare agli esami quanto più riposati e sereni.

* In prima pagina le riflessioni di una studentessa, Irene Del Gaudio, alla vigilia della maturità

(Giugno 2016)

Sottocategorie

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen